Atletica, campionati italiani indoor

Dall’asta il miglior piazzamento di giornata

Non partiva coi favori del pronostico, ma con la decisa volontà di portare a casa un risultato importante l’astista della Fratellanza Sara Corradin, che ha chiuso al quinto posto la propria prova nella categoria Promesse. La gialloblù ha eguagliato il proprio personale valicando la misura di 3.40, prima di fermarsi coi tre errori a 3.55. Top ten e nono posto anche per l’altra portacolori modenese in gara, Anna Cicognani, con la misura di 3.20. Rimanendo sempre nell’asta undicesimo posto con 4.30 per Davide Tumbarello negli Juniores e diciassettesimo per Paolo Pavel Solieri. Sempre in tema di salti, ma passando all’alto gara difficile per Kelvin Purboo che si ferma a 1.94 e chiude sesto tra le Promesse. Medesimo piazzamento nelle Juniores per Nicole Romani, che valica tutte le misure fino all’1.67 al primo salto per poi arrestarsi all’1.70. Assieme a lei in gara Faye Tiddi, undicesima e Anna Bondi ventesima. Ultima gara di salti a tinte gialloblù il lungo femminile Juniores, con Bianca Mantovani quindicesima grazie alla misura di 5.32.

Velocità, sesti Iori e Fornasari

Livello che sale rispetto a dodici mesi fa nelle gare di velocità, ma gli atleti della Fratellanza si confermano nei piazzamenti di finale. Eleonora Iori non è al meglio della condizione e non riesce a confermare il successo del 2018 sui 60 piani Promesse, ma accede comunque alla finale che chiude al sesto posto in 7.67. Ottava la compagna Laura Fattori, mentre per un centesimo rimane fuori dalle prime otto Leonice Germini. Nella stessa categoria al maschile tre prove sostanzialmente identiche per Freider Fornasari, che centra la finale e conquista a sua volta il sesto posto in 6.93. Dodicesimo in 7.01 Matteo Ansaloni, mentre tra gli Junior non riesce ad esprimere il suo meglio Jeremy Caiumi che si ferma con 7.23 in semifinale. Chiudono il quadro dei velocisti le ragazze della categoria Junior, con Alessia Conciliano che si guadagna la Finale 2 dove chiude seconda in 7.85, mentre diciottesimo posto finale per Irene Pini con 7.97. In gara oggi anche le protagoniste della prova veloce più lunga ovvero i 400 metri: Elena Pradelli è dodicesima in 56.82 tra le Promesse, mentre ventesima in 58.57 è Anna Cavalieri nella stessa categoria.

Foto Fratellanza pagina FB

Carpi F.C, le condizioni circa l’infortunio di oggi di Simone Colombi

Lo staff medico biancorosso comunica che gli esami strumentali a cui è stato sottoposto Simone Colombi dopo il colpo subito durante la gara con l’Hellas Verona hanno evidenziato una frattura composta alla base del quarto metacarpo della mano destra. Scongiurata la necessità di intervento chirurgico, i tempi di rientro in campo verranno monitorati dallo staff medico.

Foto sito Carpi.

Carpi F.C Di Noia autore del goal : ” Sono contento per il goal, ci poteva stare la vittoria . “

 Le dichiarazioni di Giovanni Di Noia dopo Carpi-Hellas Verona 1-1:

“Sono contento per il gol, anche se avremmo meritato i tre punti per come abbiamo condotto la partita. C’è rammarico e siamo dispiaciuti perché abbiamo fatto una grande gara. La dedica del gol? E’ per mia nonna Angela che oggi compie gli anni”.

“Quel colpo di testa? Ho provata a piazzarla e ho angolato un po’ troppo. Potevamo sfruttare meglio anche altre occasioni. Siamo stati sfortunati davanti alla porta, speriamo che più avanti vada meglio. Forse abbiamo lasciato per strada molti punti, ma dobbiamo continuare con queste prestazioni perché questo è il vero Carpi. Giocando così, i punti arriveranno”. 

“Il 4-3-3 con Vitale e Coulibaly? Mi trovo molto bene con entrambi. Ci compensiamo a vicenda perché Vitale è uno che costruisce, mentre io e Mamadou mettiamo la gamba”.

Foto sito Carpi.

Carpi F.C, le parole di mr. Castori : ” Grande prestazione, siamo stati propositivi . “

 Le dichiarazioni di mister Fabrizio Castori dopo Carpi-H.Verona 1-1:

“Abbiamo fatto una grande prestazione, avremmo meritato la vittoria perché la squadra è stata propositiva, equilibrata ed è andata in crescendo. La squadra mi è piaciuta molto, i nuovi si devono ancora inserire al meglio ma sono soddisfatto della prestazione di tutti. Peccato perchè avremmo meritato di vincere, ma bisogna avere pazienza e accettare questo pareggio, che deve aumentare le nostre convinzioni”.

“Il 4-3-3? Abbiamo avuto equilibrio e coperto bene il campo, sia in fase difensiva che in fase offensiva. Era un’idea che avevo prospettato alla Società, che in fase di mercato ha preso gli esterni che servivano per rinforzare la batteria”.

“L’infortunio di Colombi ci ha impedito un terzo cambio su giocatori di movimento, ma abbiamo comunque finito in crescendo a livello fisico e per noi è una cosa importante. Cissè ho valutato quando inserirlo e nel finale poteva incidere perché sa attaccare la profondità”.

Foto sito Carpi.

U.S Sassuolo, Genoa-Sassuolo le probabili formazioni

Ventiduesima giornata di serie A, si gioca di domenica tre febbraio alle 15:00 Genoa-Sassuolo. Si prevede gara scoppiettante al Marassi. Entrambe le squadre puntano alla salvezza, da ottenere il prima possibile e giocano un buon calcio. L’ultima giornata il Genoa ha vinto 3-1 a Empoli, nonostante la partenza di Piatek il Grifone ha giocato un buon calcio e si è portato a casa i tre punti. Il Sassuolo ha vinto 3-0 in casa, nettamente contro un Cagliari sotto tono. L’arbitro della gara è il signor. Manganiello di Pinerolo.

Ecco le probabili formazioni .

Genoa : Radu, Biraschi, Romero, Zukanovic, Criscito, Lerager, Radovanovic, Lazovic, Bessa, Kouamè, Sanabria. All. Prandelli

Sassuolo :  Consigli, Lirola, Peluso, Ferrari, Rogerio, Duncan, Sensi, Locatelli, Berardi, Babacar, Djuricic. All. De Zerbi.

Foto sito Sassuolo.

Modena Volley, domani big match al Pala Panini Modena-Perugia alle 15:30

Non c’è sosta per Modena Volley, dopo la sconfitta 3-1 di giovedì in Polonia contro lo Zaksa di coach Gardini Modena ha voglia di riscatto. Non sarà facile perché domenica al Pala Panini, sold out alle 15:30 ( orario insolito ) arriva la prima in classifica Perugia, a quota quarantotto punti. Modena è quarto a quarantadue e vuole prendere punti preziosi in chiave play off. La giornata in Regular Season è la settima, Modena viene da una maratona vittoriosa in casa col Padova, e da un 3-0 contro Latina. Perugia, la capolista con Leon ha schiantato l’ultima 3-0 Siena, e la precedente 3-1 contro la Lube, grande squadra la Sir. L’arbitro è il signor. La Micela.

Ecco le probabili formazioni.

Modena :

Christenson, Zaytsev, Urnaut, Bednorz, Anzani, Holt, Rossini. All. Velasco

Perugia :

 15) De Cecco, 14)  Atanasjevic, 9)  Leon, 10)  Lanza, 18) Podrascanin, 11) Galassi, 13) Colaci. All. Bernardi.

Foto add. stampa Modena.

Pareggio di rimpianti: Carpi-Verona 1-1.

Un buon Carpi non riesce a conquistare i tre punti nonostante abbia messo in campo una discreta prestazione contro il Verona di Fabio Grosso 5° in classifica. Prestazione convincente dei bianco-rossi che hanno avuto anche diverse occasioni per raggiungere una vittoria che ormai manca da troppo tempo e risale alla 17° giornata datata 22/12/2018.

Primo tempo equilibrato con diverse occasioni per parte. Parte però meglio il Verona che al 5° si rende subito pericoloso con Zaccagni, il quale pesca di esterno Di Gaudio che di esterno destro prova a battere Colombi ma il suo tentativo termina di poco fuori. Risponde il Carpi al 26°: Pezzi passa in mezzo per Arrighini che gira di testa ma il suo tentativo è debole e centrale per impensierire l’estremo difensore del Verona, Silvestri. Doppia occasione importante per il Carpi al 26° con Coulibaly che stoppa di petto in area di rigore e calcia scivolando, respinge Silvestri; batti e ribatti con il pallone che finisce a Jelenic che calcia in diagonale di destro ma è bravo ancora una volta Silvestri a respingere. Al 35° si rivede il Verona che ha una doppia occasione per passare in vantaggio: Di Carmine si invola verso la porta e calcia di destro, Colombi respinge in corner; sullo stesso cross dalla bandierina la difesa del Carpi si dimentica di Dawidowicz che colpisce di testa indisturbato ma il pallone termina di poco a lato. Proprio in chiusura di primo tempo al 43°arriva il goal del vantaggio dei bianco-rossi: lancio di Vitale per Jelenic che la mette in mezzo di prima intenzione per Arrighini che calcia; Silvestri para ma sulla respinta come un falco si precipita Di Noia che mette il pallone in rete. Il primo tempo termina 0:1 dopo i due minuti di recupero concessi dal direttore di gara, Riccardo Ros.

Il secondo tempo vede un Carpi più passivo e attendista nei primi minuti, e un Verona più aggressivo, lo testimonia il fatto che già al 55° Fabio Grosso fa entrare in campo due nuovi innesti per dare una scossa alla squadra in svantaggio. Proprio il nuovo entrato, Matos al 56° firma subito la rete del pareggio, ma su una grave disattenzione della linea difensiva dei bianco-rossi: l’attaccante brasiliano viene lanciato in profondità, Pezzi perde la marcatura del giocatore lanciato a rete che di testa anticipa Colombi e fa 1-1. Poco dopo l’estremo difensore bianco-rosso è costretto ad uscire per un infortunio al dito della mano avvenuto nel tentativo di impedire, senza successo, il pareggio degli ospiti: al suo posto entra Piscitelli. Al 67° esce un Marsura non in giornata per lasciare spazio a Concas, il quale appena entrato colpisce subito una clamorosa traversa con un gran tiro al volo di esterno destro. Al 72° il Carpi va di nuovo vicino al vantaggio con un corner priciso battuto da Jelenic per l’ottimo inserimento di Di Noia che sfiora la doppietta mettendo di testa di poco fuori. Un minuto dopo l’occasione ce l’ha il Verona con Di Carmine che tira in porta ma è bravo Piscitelli a dirgli di no. Gli ospiti vanno vicini ad una clamoroso vantaggio al 76° su corner: mischia furibonda in area di rigore, alla fine il pallone arriva a Bianchetti che calcia ma il suo tiro esce di pochissimo a lato. L’ultima vera opportunità, in una partita ricca di occasioni, però ce l’ha il Carpi all’87°: Jelenic tocca all’indietro per Concas che calcia ma il suo tiro termina di un soffio a lato.

Il match si chiude dopo ben sette minuti di recupero concessi dal direttore di gara per l’infortunio avvenuto a Colombi e termina con un pareggio positivo per il Carpi in termini di gioco espresso e occasioni avute, ma allo stesso tempo negativo per una classifica che non si smuove granchè e vede i biancorossi al 16° posto, ancora impantanati nella zona rossa dei playout, in attesa della sfida fra Crotone e Livorno di domani.

[Imagine sito Carpi].

Carpi F.C, Carpi-Verona le probabili formazioni

Ventiduesima giornata di serie B, si gioca di domenica due febbraio allo Stadio Cabassi Carpi-Verona. Giovedì trentuno gennaio si è concluso il mercato di riparazione e il Carpi ha stravolto la rosa, diverse partenze e tanti arrivi, più o meno esperti, Carpi è una società amata dai calciatori, che, soprattutto i più giovani vengono valorizzati, con occhio al portafoglio. Il Verona è quinto in classifica e punta alla promozione, obbiettivo minimo i play-off, Carpi obbiettivo salvezza. I biancorossi l’ultima giornata hanno perso 3-1 con il Cittadella, mentre il Verona ha pareggiato 2-2 in casa contro un motivato Cosenza, che vuole salvarsi, i veneti arriveranno al Cabassi con gran voglia di vittoria e allo stesso tempo il Carpi vuole vincere, cercando di utilizzare qualche nuovo acquisto.  L’arbitro della gara è il signor. Ros. di Pordenone.

Ecco le probabili formazioni.

Carpi : Colombi, Sabbione, Kresic, Poli, Pachonik, Jelenic, Vitale, Coulibaly, Rolando, Arrighini, Marsura. All. Castori.

Verona : Silvestri, Faraoni, Bianchetti, Daidowicz, Vitale, Handerson, Colombatto, Zaccagni, Matos, Pazziini, Di Gaudio. All. Grosso.

Foto sito Carpi.