Buono l’esordio stagionale del Sassuolo femminile, che batte in casa 2-1 la Fiorentina nel big match di Serie A. Le viola, tra le principali potenze del campionato, si sono dimostrate come al solito avversario ostico. Ma per la terza volta consecutiva negli scontri diretti è arrivato il successo che vale anche i primi tre punti in classifica.

È un Sassuolo che riparte quasi con la stessa ossatura della stagione precedente terminata con il sorprendente 3° posto, tranne qualche modifica della rosa durante il mercato estivo. Questo dunque l’undici iniziale, con Lemey tra i pali e la retroguardia composta da Philtjens, la capitana Filangeri, Dongus e Orsi; centrocampo a tre con Dubcova, Brignoli e Tomaselli; poi Clelland dietro alle due punte Cantore e Cambiaghi. Squadra ancora per un po’ orfana della sua stella Haley Bugeja, tuttavia le compagne sono brave a non farla rimpiangere.

Primo tempo dominato dalle neroverdi contro una squadra che in più occasioni vacilla in difesa e commette pasticci. Ne approfittano solo al 35’ quando Cambiaghi, su cross rasoterra, trova il difensore viola Kravets che anticipa il suo portiere e insacca nella porta sbagliata, regalando l’autogol che porta in vantaggio le padrone di casa. Ottima comunque sia la fase offensiva che quella difensiva del Sassuolo, che lascia pochissime occasioni alle avversarie. L’unico brivido nel finale del primo tempo, quando Sabatino si trova sola davanti al portiere a pochi metri dall’area di rigore e viene stesa da Dongus, ammonita rischiando qualcosa di più.

Ad inizio ripresa l’unico errore delle neroverdi in tutto il match. Male coi pugni l’estremo difensore Lemey sugli sviluppi di un cross, sulla ribattuta c’è Lundin che di testa scavalca tutte e insacca. Poco male: nemmeno un giro di lancetta che il Sassuolo torna subito in vantaggio con la ex di turno Clelland, che riceve un cross basso in mezzo all’area e, libera di girarsi, trova il palo interno e la rete. Complice il cambio modulo con una sola punta, il Sassuolo per l’ultima parte di gara è quasi completamente barricato in difesa. Daniela Sabatino, vecchia conoscenza neroverde, e la neoentrata Margherita Monnecchi sono difficili da fermare (e spesso vengono bloccate fallosamente) ma il risultato non cambia e l’incontro termina con un 2-1 meritatissimo per il Sassuolo.

Soltanto in un’occasione le neroverdi avevano cominciato la stagione di Serie A con una vittoria, nel 2018/2019, ma questa volta la rivale era molto più difficile da battere. Un ottimo segnale, a dimostrazione che queste ragazze, rivelazione dell’anno scorso, vogliono riconfermarsi ai vertici del campionato. Martina Tomaselli, Kamila Dubcova e il neoacquisto Lana Clelland tra le più propositive in campo.

Sassuolo-Fiorentina 2-1

Marcatori: aut. Kravets 35′ (S), Lundin 51′ (F), Clelland 52′ (S)

SASSUOLO (4-3-1-2): Lemey; Philtjens, Filangeri, Dongus, Orsi; Dubcova, Brignoli (86’ Da Canal), Tomaselli; Clelland (64′ Santoro); Cantore (71′ Parisi), Cambiaghi. All.: Piovani

FIORENTINA (4-3-3): Tasselli; Cafferata (59′ Breitner), Kravets, Tortelli, Zanoli (86’ Piemonte); Huchet, Vigilucci, Neto; Lundin, Sabatino, Baldi (59′ Monnecchi). All.: Panico

Arbitro: Sig. Rinaldi di Bassano del Grappa. Assistenti: Sig. Paggiola-Sig. Laghezza. Quarto ufficiale: Sig. Zanotti

Note: ammonite Baldi (F), Dongus (S), Philtjens (S)

Foto dal vivo.