E’ stata una qualifica che ha visto protagonista a sorpresa Lando Norris (Mclaren) : prima pole position della sua carriera in 1:41.993 seguito da Carlos Sainz (Ferrari), staccato di +0.517, e da un formidabile George Russel, distaccato di +0.990. Le Mercedes hanno disputato una sessione al di sotto delle aspettative, con Lewis Hamilton relegato con il quarto tempo, il quale è stato anche protagonista di un errore all’entrata della pit-lane. Valtteri Bottas invece ha registrato un anonimo settimo tempo. Fernando Alonso ben figura, centrando uno splendido sesto tempo. Lance Stroll è riuscito a piazzare la sua Aston Martin con l’ottavo tempo, seguito da Sergio Perez (Red Bull), in grande difficoltà. Infine troviamo Esteban Ocon (Alpine), chiude la top ten con il decimo tempo. Max Verstappen (Red Bull), avendo sostituito l’intera power-unit partendo dall’ultima posizione in griglia, ha effettuato qualche giro per verificare la corretta funzionalità della power-train Honda. Anche Charles Leclerc per la sostituzione dell’intera unità propulsiva partirà dall’ultima fila, accanto all’olandese di casa Red Bull. Il monegasco però ha svolto qualche giro in più, qualificandosi anche per la Q2. Successivamente, assieme al team ha deciso di continuare la qualificazione, in modo da preservare la meccanica della monoposto.

Articolo a cura di Stefano Penner.