Alessandro Giacobazzi ottavo alla Maratona di Milano

Giacobazzi alla Maratona di Milano

La Regina di tutte le gare ha fatto da protagonista della domenica, con le strade di Roma e Milano che si sono riempite di corridori. La Maratona di Milano ha sancito il ritorno di Alessandro Giacobazzi sulla distanza dei 42 chilometri, chiusi all’ottavo posto finale e corsi con la consapevolezza di aver preparato l’appuntamento al meglio. La gara è stata veloce ed il passaggio di Giacobazzi alla mezza maratona presupponeva un nuovo record personale dopo l’ora e 15 minuti registrata a Torino nel 2017. La seconda metà di gara, però, è stata più dura del previsto e un calo di ritmo ha portato il pavullese a chiudere in 2h17.45. Un crono prestigioso che lo ha portato ad esser il secondo italiano nella classifica finale, preceduto soltanto da Stefano La Rosa, settimo con 2h14.16. Giacobazzi, portacolori del G.S Aereonautica ed ex casa Fratellanza, allenato da Mauro Bazzani ha interpretato bene la prima parte di gara in una maratona corsa su ritmi da brivido, basta pensare al vincitore, Titus Ekiru, keniano che con 2h04.46 ha fatto registrare il tempo più veloce di sempre corso in Italia, stracciando le 2 ore e 7 minuti siglati sempre a Milano nel 2017 da Koech. Giacobazzi, seguendo il gruppo di testa, è transitato in 1h07.52 ai 21 chilometri, mentre al 30esimo chilometro ha registrato il passaggio in 1h36.46 per poi chiudere in 2h17.45, lui che due anni fa a Torino aveva corso in 2h15.25.

Foto pagina FB Fratellanza.

Atletica maratona di Riva del Garda.

Terzo posto complessivo e prima atleta italiana al traguardo: questo il risultato di prestigio raccolto proprio da Francesca Giacobazzi domenica nella interessante mezza maratona di Riva del Garda. L’atleta pavullese, sorella di Alessandro Giacobazzi, ha preso parte ad una gara che vedeva quasi seimila atleti al via e una nutrita rappresentanza in campo femminile dove, rispetto all’edizione 2017, è cresciuto sensibilmente il numero di partecipanti raggiungendo il 40% sul totale delle iscrizioni. Per Francesca, appunto, l’ultimo gradino del podio alle spalle delle favorite della vigilia ovvero la tedesca Thea Heim e l’austriaca Karin Freitag. 1h22.36’’ il suo tempo finale al termine di un percorso che prevedeva una fase di discesa iniziale per poi risalire verso Arco e verso il suo castello prima di costeggiare il fiume Sarca, attraversare la zona degli ulivi di Torbole e concludere la fatica di giornata sul lungo lago di Riva del Garda.

Foto pagina fb Fratellanza.