Ping Pong, torneo dello scorso week end

Manzolino, Campionati Regionali 2019

Il miglior risultato, per i modenesi, è stato centrato da Tommaso Seidenari, il quale, a conferma delle ottime prestazioni fornite durante la stagione nel campionato di B1, si è aggiudicato l’oro nella competizione di Terza Categoria, con una strabiliante rimonta da 0-2 a 3-2 in
semifinale contro il bolognese D’Amore, per poi aver ragione in finale del giovane forlivese Monaco con un agevole 3-0.

Buona gara di Tommy Seidenari anche nell’Assoluto, dove, nel girone di qualificazione, ha
addirittura battuto il campagno di squadra Federico Bacchelli che era dato tra i favoriti e che alla fine si è dovuto accontentare del bronzo, dopo la sconfitta per mano del parmense Carboni, a sorpresa, vincitore del titolo.

Campionato Nazionale Forense: il pala-tennistavolo di Via del Lancillotto ha visto darsi battaglia i giuristi provenienti da tutta Italia. Il foro modenese, presente con ben due formazioni, ha ottenuto un ottimo argento con la squadra formata da Giovanni Bisi, Fabio Benatti e Michele Corradi, che hanno superato, in sequenza, Bologna nei quarti e Genova in semifinale, prima di arrendersi in finale ai colleghi del Salento, al termine di un avvincente incontro perso con un tirato 3-2.

Open di Forte dei Marmi : Vittorio Mirabella ha raggiunto i quarti di finale.

Foto Wikipedia.

Ping Pong, 5° giornata di ritorno

A2: Lo scontro al vertice per incoronare la candidata alla promozione nella massima serie si è risolto a favore della formazione di Genova. Alla Widiba, non sono bastate le mura amiche e un super Marco Sinigaglia, autore di una memorabile doppietta, per avere ragione dei liguri, i quali, imponendosi per 4-2, diventano gli indiziati assoluti per la vittoria finale del girone, mentre i rossoneri sono scivolati adesso al terzo posto, superati anche da Torino. A secco, purtroppo, Federico Bacchelli e, stranamente, Matteo Gualdi, ma occorre considerare il valore assoluto degli avversari.

B1: sconfitta interna anche per la Zerosystem, anche se il 5-3 rimediato con Brescia non sposta gli equilibri in classifica essendo oramai matematica la salvezza. Due punti per Tommy Seidenari, uno per Lorenzo Guercio, a vuoto Alessandro Bisi.

B2: retrocessione certa, per la Cast Group, che, falcidiata dagli infortuni, ha perso anche col fanalino di coda Chiavari per 5-3, non sono stati sufficienti, difatti, i due punti di Matteo Pecchi e quello di capitan Liambo, data l’indisponibilità di Mundo e Casini.

C1: importante successo per 5-1, contro Chiavari, della Metalparma, che mantiene così vivo un ultimo lumicino di speranza in ottica salvezza. Solito en plein di Marco Roncaccioli, prima doppia stagionale per Marco Piacente e un punticino anche per Vittorio Mirabella. La Keratrans ha incassato invece un prevedibile 5-2 in casa della capolista Verona, ancora imbattuta in campionato: punti della bandiera messi a segno solo da Michele Mirabella, stranamente al palo, invece, Lorenzo Cammarano e Daniele Rossi.

C2: dopo la sconfitta a Cortemaggiore per 5-3 nello scontro diretto, la Bper ha visto sfumare in modo definitivo la possibilità di agguantare i play off; due centri per Giancarlo Patera, uno per Tiziano Bacchelli, in bianco invece Carlo Presta.

D1: entrambe vittoriose, al foto finish, le formazioni villadoriane di D1 ed entrambe ancora in corsa per gli spareggi promozione. La Pfm ha vinto per 5-4 a Cadelbosco con una gran tripletta di Stefano Varisco, cui si sono aggiunti i punti di Fabio Benatti e Rino Liambo. L’Alfa Auto ha avuto invece ragione per 5-4 di Ferrara, contro cui hanno timbrato due volte Johnny Contreras e Riccardo Franchini e una volta Marco Sanfilippo.

D2: bel successo per i rossoneri contro Cadelbosco, con un 5-2 che lascia ancora aperte le porte per i play off. Due punti per Michele Maiellano e Francesco Cammarano e uno per Giuseppe Sturiale.

D3: orfana di capitan Tioli, la squadra ha perso per 5-1 contro Reggio Emilia, punto della bandiera di Michele Corradi, a secco Kevin Iacono e Davide Monari.

Foto Wikipedia.

Quarta giornata di ritorno Ping Pong

A2: grazie al bel successo interno per 4-1 su Castelgoffredo, la Widiba ha riconquistato la vetta del girone. Un successo della squadra, dato che tutti sono andati a segno: capitan Sinigaglia due volte, Matteo Gualdi, ancora imbattuto nel girone di ritorno, e Federico Bacchelli, autore di una rimonta da cardiopalma contro Bressan.

Nel frattempo, i “cugini” di Reggio Emilia hanno battuto a sorpresa la capolista Genova,
consentendo il sorpasso da parte dei rossoneri e Torino, con una situazione al vertice alquanto complicata, che vede adesso quattro squadre in due punti a contendersi il primato ed il prossimo turno, ad inizio aprile,vedrà proprio la Widiba di fronte ai liguri (che devono comunque recuperare una partita).

B1: dopo tre successi consecutivi, la Zerosystem si è dovuta arrendere, in casa, al cospetto di Novara, prima della classe, per 5-2, non senza qualche rimpianto per un paio di match sfuggiti di un soffio a Lorenzo Guercio e Tommy Seidenari, dopo la bella prestazione, in partenza, di capitan Vai contro il fuoriclasse egiziano Kalem.

B2: nulla ha potuto la Cast Group, che in formazione ampiamente rimaneggiata ha incassato un sonoro 5-1 casalingo da Castelgoffredo, punto della bandiera di Matteo Pecchi e retrocessione ad un passo.

C1: la Metalparma non ha saputo capitalizzare la memorabile tripletta di Marco Roncaccioli contro Prato, terza in classifica, per un 5-4 che ha lasciato molto amaro in bocca, un solo punto di Vittorio Mirabella, a secco Marco Piacente e situazione di classifica sempre più delicata.

La Keratrans ha interrotto la sua lunga striscia positiva nel derby contro Reggio Emilia che si è imposta per 5-3: due punti di Michele Mirabella, uno di Daniele Rossi, al palo Lorenzo Cammarano, che peraltro ha perso i rispettivi incontri al foto finish.

C2: la Bper, grazie al successo per 5-2 a Piacenza, torna a respirare aria di play off: ancora una tripletta per Giancarlo Patera, un punto per Tiziano Bacchelli e primo centro stagionale per Carlo Presta.

D1: confermano la seconda piazza nei rispettivi gironi, anche se in coabitazione, le formazioni di D1. La Pfm grazie al successo per 5-2 nel derby contro Carpi (tre centri Stefano Varisco, due Fabio Benatti, in bianco capitan Liambo); l’Alfa Auto grazie al 5-0 rifilato a Rimini (doppia di Maurizio Piccinini e Johnny Contreras e un punto anche per Riccardo Franchini).

D2: raggiunto il secondo posto in classifica dopo il cappotto per 5-0 nel derby contro la Cdr Taccini, con due centri per Cammarano Francesco e Michele Maiellano e uno per Giuseppe Sturiale.

D3: i rossoneri hanno perso per 5-1 a Parma, punto della bandiera di capitan Tioli, a vuoto Kevin Iacono e Michele Corradi.

Foto Wikipedia.

Torneo di Terni, ping pong assoluto !

Terni Assoluto: Matteo Gualdi ha superato il proprio girone come secondo, ma si è fermato al primo turno contro il giovane nigeriano Hassan; stessa sorte per Federico Bacchelli, sconfitto dal vincitore finale del torneo, il genovese Puppo, col quale dovrà presto vedersela anche in campionato di A2 per lo scontro promozione decisivo; fuori al primo turno pure Marco Sinigaglia, eliminato dal lombardo Bressan.

Non è andata meglio a Lorenzo Guercio e Roberto Vai, che non hanno superato il proprio girone e si sono fermati al secondo turno del tabellone di consolazione.

Terni Terza categoria: hanno superato i rispettivi gironi Alessandro Bisi e Michele Mirabella, sconfitti poi nei sedicesimi di finale, e Matteo Pecchi, che è arrivato sino agli ottavi.

Nove (Vicenza) Quarta categoria: Tiziano Bacchelli, veramente per un soffio, non ha superato il proprio girone.

Foto Wikipedia.

Ping Pong, campionato : quarta di ritorno

A2: grazie al bel successo interno per 4-1 su Castelgoffredo, la Widiba ha riconquistato la vetta del girone. Un successo della squadra, dato che tutti sono andati a segno: capitan Sinigaglia due volte, Matteo Gualdi, ancora imbattuto nel girone di ritorno, e Federico Bacchelli, autore di una rimonta da cardiopalma contro Bressan. Nel frattempo, i “cugini” di Reggio Emilia hanno battuto a sorpresa la capolista Genova, consentendo il sorpasso da parte dei rossoneri e Torino, con una situazione al vertice alquanto complicata, che vede adesso quattro squadre in due punti a contendersi il primato ed il prossimo turno, ad inizio aprile, vedrà proprio la Widiba di fronte ai liguri (che devono comunque recuperare una partita).

B1: dopo tre successi consecutivi, la Zerosystem si è dovuta arrendere, in casa, al cospetto di Novara, prima della classe, per 5-2, non senza qualche rimpianto per un paio di match sfuggiti di un soffio a Lorenzo Guercio e Tommy Seidenari, dopo la bella prestazione, in partenza, di capitan Vai contro il fuoriclasse egiziano Kalem.

B2: nulla ha potuto la Cast Group, che in formazione ampiamente rimaneggiata ha incassato un sonoro 5-1 casalingo da Castelgoffredo, punto della bandiera di Matteo Pecchi e retrocessione ad un passo.

C1: la Metalparma non ha saputo capitalizzare la memorabile tripletta di Marco Roncaccioli contro Prato, terza in classifica, per un 5-4 che ha lasciato molto amaro in bocca, un solo punto di Vittorio Mirabella, a secco Marco Piacente e situazione di classifica sempre più delicata.

La Keratrans ha interrotto la sua lunga striscia positiva nel derby contro Reggio Emilia che si è imposta per 5-3: due punti di Michele Mirabella, uno di Daniele Rossi, al palo Lorenzo Cammarano, che peraltro ha perso i rispettivi incontri al foto finish.

C2: la Bper, grazie al successo per 5-2 a Piacenza, torna a respirare aria di play off: ancora una tripletta per Giancarlo Patera, un punto per Tiziano Bacchelli e primo centro stagionale per Carlo Presta.

D1: confermano la seconda piazza nei rispettivi gironi, anche se in coabitazione, le formazioni di D1. La Pfm grazie al successo per 5-2 nel derby contro Carpi (tre centri Stefano Varisco, due Fabio Benatti, in bianco capitan Liambo); l’Alfa Auto grazie al 5-0 rifilato a Rimini (doppia di Maurizio Piccinini e Johnny Contreras e un punto anche per Riccardo Franchini).

D2: raggiunto il secondo posto in classifica dopo il cappotto per 5-0 nel derby contro la Cdr Taccini, con due centri per Cammarano Francesco e Michele Maiellano e uno per Giuseppe Sturiale.

D3: i rossoneri hanno perso per 5-1 a Parma, punto della bandiera di capitan Tioli, a vuoto Kevin Iacono e Michele Corradi.

Foto Wikipedia.

Ping Pong, Campionati Assoluti 1° marzo

A Bolzano, sono scesi in campo i migliori giocatori italiani per contendersi il titolo tricolore 2019. Folta la schiera dei modenesi che hanno partecipato alla più importante manifestazione pongistica della stagione, ma, ancora una volta, l’unico a salire a podio è stato Paolo Bisi, che ha così aggiunto altri titoli al suo già invidiabile palmares: argento nel doppio misto in coppia con l’altoatesina Debora Vivarelli; bronzo nel
doppio maschile, in coppia col lombardo Marco Rech.

Infine, podio sfiorato nel singolo maschile, dato che la sua corsa si è interrotta ai quarti di finale per mano del cinque volte campione d’Italia Bobocica.


Non hanno invece superato i propri gironi Marco Sinigaglia, Lorenzo Ragni, per un soffio, e Matteo Gualdi, quest’ultimo, peraltro, proveniente dagli estenuanti turni di qualificazione, che sono invece stati fatali per Lorenzo Guercio.

Foto Wikipedia.

Ping Pong, tornei febbraio

Terni Assoluto: tra i numerosi atleti modenesi presenti, quello che ha ottenuto il risultato migliore è stato Paolo Bisi (che milita nella formazione di Roma di serie A1), battuto ai quarti di finale dal fortissimo cinese
Chen, poi finalista. Lorenzo Ragni e Marco Sinigaglia, invece, dopo essersi aggiudicati i rispettivi gironi di qualificazione, si sono fermati solo al secondo turno dell’eliminazione diretta.

Roberto Vai e Federico Bacchelli non hanno superato i propri gironi e si sono dovuti accontentare del tabellone di consolazione, in cui sono andati avanti, rispettivamente, sino al secondo e primo turno.

Terni Terza Categoria: Matteo Pecchi, secondo nel proprio girone, non è andato oltre il primo turno dell’eliminazione diretta.

Coccaglio (Bs) Quarta Categoria: Francesco Mundo e Daniele Rossi, in doppio, hanno raggiunto i quarti di finale. Poi Rossi è arrivato sino alla finale, giocandosela alla pari anche col numero uno del ranking, il
sedicenne lombardo Stefano Moras, vittorioso alla fine con un tirato 3-2. Mundo, invece, si è fermato appena al primo turno del tabellone principale.

Provinciale Modena: tra le mura amiche, si è imposto Luigi Sala nella gara Terza e Quarta Categoria, dopo aver superato, tra l’altro, il compagno di club Marco Piacente.

Foto Wikipedia.