Moto GP, Austin molto bene Dovizioso e Rossi, cade Marquez

Bellissime gare sul tormentato circuito Texano, in Moto 3 vince Canet, in Moto2 domina Luthi mentre nella classe regina il numero 42 Alex Rins su Suzuki vince la sua prima gara in MotoGp e strappa la prima posizione, a tre giri dalla fine ad un fantastico Valentino Rossi. Debacle Honda con caduta di Marquez e Crutchlow e ritiro per noie tecniche di Lorenzo. Classifica mondiale super compressa con Dovizioso davanti a Rossi per soli tre punti .Tutte e tre le corse sono state combattute e risolte solo nel finale.Prossimo appuntamento a Jerez della Frontera. 

Foto Wikipedia.

Moto GP, domenica agrodolce per i colori italiani a Sepang

Domenica Agrodolce per i colori Italiani a Sepang, in Moto 3 si infrange il sogno di Bezzecchi contro un fortissimo “Martinator”, splendida Vittoria di Marini in Moto 2 e conquista del Titolo Mondiale per Pecco Bagnaia, Gara sontuosa da dominatore di Valentino Rossi in MotoGp rovinata nel finale da una banale scivolata.

Moto3: Gara di gruppo come al solito per la classe leggera, molto in forma le Honda sui lunghi curvoni e stavolta poche cadute. Bezzecchi le tenta tutte e sembra riuscire a regegre l’urto fino a 5 giri dalla fine quando Martin ribattezzato “Martinator” esce dalle peste e guadagna abbastanza spazio per garantirsi la Vittoria ed il Titolo Mondiale. Bezzecchi invischiato nel gruppone arriverà 5° sul Podio col vincitore i due Italiani Dalla Porta e Bastianini del Team Leopard.

Moto2: Punti pesantissimi in gioco oggi a Sepang, Luca Marini a postissimo sin dalle prime prove detta legge e domina la Gara vincendo di prepotenza nonostante la furiosa rincorsa di Oliveira, Pecco Bagnaia va in modalità “Controllo” e tiene dietro il Lusitano per metà della corsa poi, visto che Marini era ben saldo al comando, lo lascia andare tenendolo comunque nel mirino fino all’ultimo. Pasini anche lui grande amico sia di Marini che di Bagnaia si mette dietro Pecco e non lo disturba mai per tutto il tempo.

Si arriva così al traguado con Marini ( fratello di Valentino Rossi) in prima posizione, Oliveira secondo e Bagnaia Terzo ma col Mondiale in tasca.

Il Bambino di 6 snni che ho conosciuto in un pistino Torinese un po di tempo fa e che guardava me e gli altri Piloti girare in pista……oggi è Campione del Mondo, tra qualche giorno proverà la Ducati MotoGp ed avrà un futuro radioso, io sarò sempre qui a scriverne le gesta ed a veder scendere qualche lacrima.

MotoGp: Parte come un razzo Valentino Rossi dalla seconda posizione imprimendo da subito un passo insostenibile per tutti tranne che per Marquez.

Fino a 4 giri dalla fine nulla cambia, addirittura sembra che la distruzione delle gomme penalizzi più Marquez che Rossi ma purtroppo alla curva 1 Vale anticipa di un millesimo di secondo l’apertura del gas, forse galvanizzato dalla Voglia di ritrovare una meritata Vittoria invece il posteriore se ne va e la Yamaha scivola fuori pista, rientrerà per onor di firma arrivando a 58 secondi dal vincitore…(SIC).

Malissimo le Ducati mai in corsa con Piro scivolato, ottima la Suzuki che porta Rins secondo davanti a Zarco anche lui sulle tele.

Teatrino del Pilota locale Syarin che arrivando 10° è come avesse vinto il mondiale, immagini d’altri tempi.

STEFANO ROLI.

Foto Wikipedia.

Moto GP, Tailandia, Marquez vicino al titolo !

Moto3: Super Pole Position di Bezzecchi che scatta dalla prima fila in una gara dove il suo antagonista, Martin era in sofferenza per un grosso problema al polso sinistro.

Marco Bezzecchi pare controllare la gara anche se i contatti e le escursioni fuori pista si susseguono senza fine o almeno fino all’ultima curva dove uno scriteriato Bastianini scivola coinvolgendolo in una caduta che proprio qui non ci voleva.

Va a vincere un attento e furbo Di Giannantonio che porta con se sul podio anche Dalla Porta ed il Rookie Dennis Foggia. Martin conclude eroicamente al sesto posto portando a 26 punti il suo vantaggio su Bezzecchi in Campionato.

Moto2: All in per Pecco Bagnaia sempre più dominatore di questa categoria stavolta aiutato anche dal compagno di squadra Luca Marini ( fratello di Valentino Rossi ). La coppia di piloti dello sky racing team VR46 si prende le due prime posizioni del podio lasciando solo la terza ad Oliveira che insegue in Campionato. Gara condotta sempre in testa controllando gli avversari con un occhio al consumo delle gomme soprattutto all’anteriore, Francesco Bagnaia non da scampo agli avversari e fa suonare per la seconda volta in giornata l’inno di Mameli sul podio.

MotoGp: La Pista Tailandese mostra un gran recupero delle Yamaha che qui si sono dimostrate competitive sia in qualifica che in gara, Valentino Rossi partiva in seconda posizione ed ha anche tenuto la testa della corsa per diversi giri fino a quando Dovizioso e Marquez, a 5 giri dalla fine, hanno cominciato a battagliare con staccate che ci hanno ricordato le epiche imprese di Shwantz e Rainey degli anni’90. Alla fine il vecchio Leone di Tavullia ha dovuto lasciare il passo anche al compagno di squadra Vinales accontentandosi del quarto posto mentre la prima posizione si è decisa all’ultima curva come spesso succede tra Dovizioso e Marquez ma questa volta a favore dello spagnolo. Campionato oramai saldamente nelle mani di Marquez che può chiudere in Giappone a casa Honda.

Foto Wikipedia.

ARTICOLO STEFANO ROLI.

Moto GP, Valentino Rossi ottavo

Gran Premio di Aragona 23/09/2019

Sei bandiere Italiane sui Podi di ARAGON ma nessuna sul primo gradino.

MOTO3: Jorge Martin si mette in testa non solo un’idea meravigliosa ma anche la certezza di vincere una gara viziata dalle penalizzazioni infilitte solo a 12 piloti Italiani per violazione dei limiti di percorso e di tempo minimo nel singolo settore. Impensabile la buona fede dei commissari in questo caso anche perchè in ogno caso vince il più forte e si è puntualmente verificato.
Bezzecchi recupera dal 18° fino al secondo posto ed il podio si completa con il fortissimo Bastianini.

Gara dicevamo senza storia per quel che riguarda il primo posto ma combattutissima fino all’ultima curva per le posizioni a seguire.

Moto2: Ancora un Pilota non Italiano sul primo gradino, vince Brad Binder che prende vantaggio nel finale dalle scaramucce tra Marquez, Bagnaia e Baldassarri ma soprattutto da un contatto fortuito con il nostro numero 42. Oliveira secondo in campionato non ha feeling su questa pista e raggiunge a malapena il sesto posto lasciando sul terreno altri punti a favore di Pecco Bagnaia al comando con 19 punti di vantaggio sul Lusitano. Podio quindi con Binder primo, Bagnaia secondo e Baldassarri terzo.

MotoGP: Anche oggi Rossi è il primo delle Yamaha partendo 18° ed arrivando ottavo, la Casa di Iwata peggiora tecnicamente e risulta battuta non solo dalle Suzuki stavolta ma inferiori nettamente anche all’Aprilia numero 41 di Aleix Espargarò. La Corsa perde il Pole Man Lorenzo che sbaglia alla prima curva, si capotta rompendosi un piede forzato all’esterno da una della solite manovre Kamikaze di Marquez, Dovizioso capisce l’antifona e tenta la fuga con Marquez dietro e le Suzuki di Iannone e Rins che tengono il passo fino a pochi giri dal termine. La partita a scacchi fatta di giri lenti e di sorpassi intimidatori termina solo all’ultimo giro dove Andrea Dovizioso e le Suzuki si arrendono.
Marquez rafforza il primato in classifica.

Foto sito Moto GP

ARTICOLO STEFANO ROLI