Bologna – Sassuolo 3-0: le pagelle dei neroverdi

Il Sassuolo esce nettamente sconfitto dal “Dall’Ara” di Bologna, cedendo per 3-0 ai padroni di casa.

Queste le pagelle dei neroverdi:

CONSIGLI 5,5 – Può poco sui tre gol, non compie interventi degni di nota.

TOLJAN 5 – Mai propositivo in avanti, abbastanza disattento dietro: poca sostanza. (dal 66′ KYRIAKOPOULOS 6 – Prova a spingere molto sulla sinistra, non riesce ad incidere più di tanto).

AYHAN 5 – Non la sua miglior serata, fatica a contenere le iniziative avversarie.

FERRARI 5,5 – Serata difficile anche per lui, che non riesce a guidare la difesa con la solita solidità.

ROGERIO 5 – Non si vede praticamente mai, sul terzo gol del Bologna va completamente fuori giri.

OBIANG 5 – Battaglia a centrocampo, spesso in affanno rispetto ai centrocampisti avversari. (dal 53′ BERARDI 5 – Non è ancora al meglio e si vede.)

THORSVEDT 5,5 – Mette Traorè davanti al portiere nel primo tempo, esce durante l’intervallo. (dal 45′ MATHEUS HENRIQUE 5,5 – Non apporta note positive alla difficile serata neroverde.)

FRATTESI 5 – Letteralmente evanescente. (dall’82’ HARROUI s.v.)

LAURIENTE’ 5,5 – Si fa vedere in qualche occasione, ma non riesce a preoccupare più di tanto la retroguardia bolognese.

TRAORE’ 5 – Spreca malamente un’opportunità enorme sullo 0-0, imperdonabile. (dal 53′ ALVAREZ 5,5 – Si vede poco, nell’unica occasione importante viene murato da Medel).

PINAMONTI 5,5 – Mezzo voto soltanto perché ha la più grossa occasione di marca neroverde nel primo tempo, solo Skorupski lo ferma. Per il resto, si vede pochissimo.

ALL.: DIONISI 5 – Prima del match aveva parlato di un Bologna allo stesso livello del Sassuolo. Vista la serata molto negativa dei suoi, sembrerebbe tutt’altro. C’è molto da registrare in vista della seconda parte di stagione, sperando di recuperare al 100% tutti gli effettivi.

Salvatore Fratello

Sassuolo KO al “Dall’Ara”, il Bologna schianta i neroverdi

Netta sconfitta prima della sosta per il Sassuolo. Al “Dall’Ara” di Bologna, i neroverdi cedono per 3-0 ai rossoblu padroni di casa: a decidere il match, sono le reti di Aebischer, Arnautovic e Ferguson, che regalano tre punti preziosissimi agli uomini di Thiago Motta.

Mister Dionisi schiera i suoi con il 4-3-3 consueto: tra i pali c’è Consigli, con Toljan, Ayhan, Ferrari e Rogerio a comporre il pacchetto arretrato; in mediana manca Maxime Lopez, tocca quindi ad Obiang, Thorsvedt e Frattesi, con Traorè e Laurientè a sostegno della punta Pinamonti. Al 10′, la prima palla gol arriva dai piedi di Arnautovic, che riceve in area e, dopo un controllo volante, prova la conclusione ravvicinata, senza inquadrare lo specchio. Minuto 17, si vede anche il Sassuolo: traversone dalla sinistra di Thorsvedt sul quale si avventa Traorè, che da due passi manda altissimo. L’occasione più ghiotta per i neroverdi, nel primo scorcio di match, arriva al 25′ quando, sugli sviluppi di un corner, Pinamonti riceve in area e calcia da distanza ravvicinata, chiamando Skorupski ad una gran parata, con il pallone che termina nuovamente in angolo. Alla mezz’ora i padroni di casa trovano il vantaggio: traversone di Lucumì dalla sinistra, Aebischer è il più pronto e trova la deviazione vincente, mandando la sfera nell’angolino alla sinistra di Consigli, che non può nulla. Il primo tempo si trascina stancamente verso la conclusione, con il Bologna che gestisce il pallino del gioco e il Sassuolo che fatica a creare opportunità. Al 44′, brivido per Consigli, che respinge corto una conclusione di Dominguez, con Aebischer che prova a lanciarsi sulla ribattuta, trovando però i guantoni dell’estremo difensore ospite. Senza recupero, si va a riposo sull’1-0.

Durante l’intervallo, subito un cambio per mister Dionisi, con Matheus Henrique che rileva Thorsvedt. In avvio di ripresa, il Sassuolo si vede da calcio piazzato, con Laurientè che prova la conclusione, parata in due tempi da Skorupski. Sul ribaltamento di fronte, i padroni di casa arrivano fino in fondo con Arnautovic, che salta anche Consigli e deposita in rete per il 2-0. Dionisi cerca soluzioni al rebus Bologna, inserendo al 53′ Berardi ed Alvarez per Obiang e Traorè. Proprio il numero 10 prova a farsi vedere al 62′, quando riceve in area ed incrocia con il sinistro, mandando fuori non di molto. Qualche istante più tardi, è Pinamonti a provare una conclusione dal limite, sparando però altissimo. Al 66′ entra anche Kyriakopoulos, che rileva Toljan. I neroverdi prendono il controllo delle operazioni per provare a riaprire la gara, alla mezz’ora è Alvarez, sugli sviluppi di un angolo, ad avere una grande opportunità, ma viene murato da Medel in area piccola. Minuto 78, il Bologna trova il tris con un gol bellissimo di Ferguson che, dopo aver ricevuto la sfera da Dominguez, calcia a giro sul secondo palo, facendo esplodere il “Dall’Ara”. Nel finale, Dionisi lancia anche Harroui, che sostituisce Frattesi. Proprio il marocchino risulta il più pimpante nel finale, ma la sua conclusione dal limite all’88’ termina alta. Nei 3′ di recupero non accade altro, al triplice fischio arriva la settima sconfitta stagionale per il Sassuolo, che resta a quota 16 in classifica e chiude così la prima parte del proprio campionato nella seconda metà della graduatoria. Al rientro dopo la sosta mondiale, i neroverdi ospiteranno la Samp al “Mapei”.

TABELLINO

BOLOGNA: (4-2-3-1) Skorupski; Posch, Soumaoro (dall’83’ Sosa), Lucumì, Lykogiannis; Medel (dal 76′ Moro), Dominguez; Aebischer (dal 67′ Orsolini), Ferguson, Soriano; Arnautovic (dall’83’ Barrow). A disp.: Bardi, Raffaelli, De Silvestri, Cambiaso, Schouten, Vignato, Zirkzee, Sansone. All.: Thiago Motta.

SASSUOLO: (4-3-3) Consigli; Toljan (dal 66′ Kyriakopoulos) , Ayhan, Ferrari, Rogerio; Obiang (dal 53′ Berardi), Thorsvedt (dal 45′ Matheus Henrique), Frattesi (dall’82’ Harroui); Laurientè, Traorè (dal 53′ Alvarez), Pinamonti. A disp.: Pegolo, Zacchi, Romagna, Marchizza, Erlic, Tressoldi, Ceide, D’Andrea, Antiste. All.: Dionisi.

Arbitro: sig. Ivano Pezzuto di Lecce.

Assistenti arbitrali: Filippo Bercigli di Valdarno e Dario Cecconi di Empoli.

4^ufficiale: sig. Alberto Santoro di Messina.

VAR: sig. Federico La Penna di Roma 1. – AVAR: sig. Eugenio Abbattista di Molfetta.

MARCATORI: 30′ Aebischer (B), 52′ Arnautovic (B), 78′ Ferguson (B).

AMMONITI: Soumaoro (B). – ANGOLI: 7-4 per il Sassuolo. – RECUPERI: 0′ p.t.; 3′ s.t..

Salvatore Fratello

Il Sassuolo ferma la Roma (1-1): Pinamonti risponde ad Abraham

Nell’ultima gara casalinga prima della sosta per il Mondiale, il Sassuolo conquista un punto contro la Roma: succede tutto negli ultimi dieci minuti: Roma avanti con Abraham all’80’, pareggio di Pinamonti all’85’. Il Sassuolo sale così a quota 16 punti in classifica.

Per la gara contro la Roma, Dionisi conferma il consueto 4-3-3, in cui, in avanti, Pinamonti è supportato da Laurientè e dal giovanissimo D’Andrea, La Roma di Mourinho risponde con un 3-4-2-1, in cui Zaniolo e Volpato affiancano l’unica punta Shomurodov.

Al Mapei Stadium, il primo quarto d’ora è di studio, ma, passati i primi 15 minuti, la gara è vivace e ricca di occasioni da gol. Apre le danze delle occasioni il Sassuolo, con una conclusione di D’Andrea bloccata da Rui Patricio al 16′, poi è Pinamonti ad avere la migliore palla gol per i neroverdi nella prima frazione di gioco: il numero 9 del Sassuolo salta anche Rui Patricio dopo essere stato servito in profondità da Laurientè, ma si allunga troppo la palla, potendo solo provare a rimetterla in mezzo, quando ormai, però, la difesa ospite aveva recuperato la posizione. Sul ribaltamento di fonte, la Roma si rende pericolosissima in contropiede: Zaniolo serve Shomurodov, che calcia in porta a tu per tu con Consigli, bravo a dirgli di no in uscita. Nel finale di tempo, ancora pericoloso il Sassuolo: prima, con una conclusione dal limite di Laurientè finita a lato; poi, al 41′, con un colpo di testa di Frattesi su azione da calcio d’angolo. L’ultima occasione del primo tempo, però, è della Roma: al 44′, cross di Celik per Zalewski e il giovane calciatore giallorosso sfiora un bellissimo gol con una conclusione di sinistro al volo terminata, però, alta sopra la traversa.

Nella ripresa, ritmi blandi e poche occasioni fino al 70′, poi la partita si accende dopo il valzer di cambi da una parte e dall’altra: nel Sassuolo entrano prima Traorè e Thorstvedt per D’Andrea e Harroui, poi Obiang per un Lopez nervoso e già ammonito. La Roma inserisce le punte Abraham e Belotti. Al 70′ ci prova per il Sassuolo Pinamonti, ma il suo colpo di testa su cross di Kyriakopoulos è debole e centrale. Al 75′, risponde la Roma: cross di Zaniolo per Bove, colpo di testa e palla alta. Un minuto più tardi, occasionissima per il Sassuolo: contropiede di Laurientè, che si invola in velocità nella metàcampo avversaria e serve Traorè, che, tutto solo davanti a Rui Patricio, centra, però, il portiere ospite. Gol sbagliato, gol subito è una delle leggi non scritte del calcio e si applica all’80’, quando la Roma passa in vantaggio con un preciso colpo di testa di Abraham su cross dalla destra di Mancini. Il Sassuolo, però, non ci sta e riprende ad attaccare alla ricerca del pari: ricerca premiata all’85’, quando arriva come una liberazione il pareggio firmato da Pinamonti, che non trovava il gol da diverse giornate ed esulta in modo incontenibile togliendosi anche la maglia e rimediando il cartellino giallo. Dopo il gol del pari, c’è spazio tra le fila del Sassuolo anche per il ritorno in campo dopo l’infortunio di Berardi, oltre che per l’ingresso di Rogerio. Non ci sono, però, altre occasioni, e la gara termina così sul punteggio di 1-1 dopo sei minuti di recupero.

Il tabellino:

Sassuolo-Roma 1-1

Reti: 80′ Abraham (R), 85′ Pinamonti (S).

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Toljan, Ayhan, Ferrari, Kyriakopoulos (88′ Rogerio); Harroui (66′ Thorstvedt), Lopez (75ì Obiang), Frattesi; D’Andrea (66′ Traorè), Pinamonti, Laurientè (88′ Berardi). A disposizione: Pegolo, Zacchi, Marchizza, Hnerique, Alvarez, Ceide, Antiste, Romagna, Erlic, Tressoldi. Allenatore: Alessio Dionisi.

Roma (3-4-2-1): Rui Patricio; Ibanez, Smalling, Mancini; Celik (65′ Karsdorp), Cristante, Matic, Zalewski (66′ El Shaarawy); Volpato (73′ Bove), Zaniolo (78′ Belotti); Shomorudov (66′ Abraham). A disposizione: Boer, Svilar, Vina, Camara, Kumbulla, Tripi, Tahirovic, Cherubini, Faticanti. Allenatore: Josè Mourinho.

Arbitro: Sig. Ayroldi di Molfetta. Assistenti: Sig. Bottegoni – Sig. Liberti. Quarto ufficiale: Sig. Doveri. VAR: Sig. Abisso – Sig. Banti.

Note: Ammoniti: Zaniolo (R), Laurientè (S), Ayhan (S), Lopez (S), Kyriakopoulos (S), Cristante (R), Pinamonti (S), Mancini (R).

Empoli-Sassuolo, le pagelle neroverdi

PAGELLE

Sassuolo 5

Consigli 6, Toljan 5, Ferrari 6, Erlic 5; Rogerio 5; Frattesi 5; Lopez 6; Thorstvedt 5; D’Andrea 5.5; Pinamonti 5; Traorè 5,5

INGRESSI

Kyriakopoulos 5

Ceide 5

Harroui 5.5

Alvarez 5.5

Mr. Dionisi 5

Foto pagina Twitter Sassuolo Calcio, pagelle Niccolò Tozzi.

Empoli-Sassuolo 1-0, un freddo vento a tinte biancoblu si abbatte sugli emiliani.

Siamo a Empoli allo stadio “Castellani” per il tredicesimo turno di Serie A. Il Sassuolo vuole riprendersi dopo le quattro reti subite dal Napoli e, come detto nella conferenza stampa prima della partita da mister Dionisi, sono queste le gare che contano e dove serve continuità nei risultati. Il meteo vede un cielo sereno sferzato peró da un vento freddo che inaugura la prima vera giornata invernale. L’affluenza allo stadio è buona, per i neroverdi qualche decina di appassionati nel settore ospiti a sostenere la squadra. 

La prima parte del primo tempo vede il Sassuolo corto e ordinato che dà l’impressione di voler aspettare l’Empoli e ripartire. Atteggiamente inconsueto per la squadra ospite che solitamente comanda – o tenta di farlo – il gioco. Dopo i primi minuti di studio la squadra di Dionisi fatica a prendere campo. Solo qualche spunto di Frattesi e del giovane D’Andrea, protagonista di un buono spunto alla mezz’ora di gioco. Da qui in avanti peró comincia un bel pressing dei padroni di casa che piano piano prendono il predominio del campo conquistando anche una buona opportunità per il vantaggio al minuto trentaseiesimo. La squadra di Zanetti sembra più convinta e in grado di poter far male. Da segnalare un sospetto fallo di mano in area di rigore dell’Empoli al minuto trentaquattro. Finisce un primo tempo tutto sommato noioso senza grandi occasioni e con molti errori tecnici. Nella ripresa il Sassuolo entra male in campo e perde ogni tipo di iniziativa. Una squadra scialba, spenta. Anche i giocatori da cui ci si aspetta di più (Frattesi e Pinamonti) latitano e allora l’Empoli al sessantaquattresimo trova la rete che sblocca la partita grazie ad un’incursione sulla sinistra di Satriano che si beffe di Erlic, mal posizionatio, e mette un rasoterra in area che trova Baldanzi, che dopo un dribling secco scarica in porta a colpo sicuro. 

Chi si aspetta una reazione dagli uomini di Dionisi resta deluso perchè è l’Empoli che, con l’andare dei minuti e forte del vantaggio, acquisisce sempre piu fiducia procurandosi al sessantanovesimo un’occasione per il raddoppio

Dionisi cerca la svolta con un triplo cambio, dopo aver tolto il rientrante Traore per Kyriakopoulos, al settantunesimo dentro Harroui, Ceide e Alvarez per Thorstvedt, e D’Andrea, e Rogerio. Cambia poco a dir la verità, nel finale occasioni da entrambe le parti con l’Empoli vicino al 2-0 all’89’ dopo un contropiede condotto da Bajrami che peró non trova Lammers in area piccolo. La palla per il pareggio arriva sulla testa di Alvarez che peró non concretizza. Vicario tiene la saracinesca abbassata con l’aiuto dei suoi compagni di reparto. 

Finisce così una partita che ha visto il Sassuolo davvero troppo poco convinto e quasi irriconoscibile. Forse ancora scottato dal poker subito dal Napoli, sicuramente una delle peggiori prestazioni della gestione Dionisi. 

Foto pagina Twitter Sassuolo Calcio, articolo Niccolò Tozzi.

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑