Sassuolo, sfuma la Conference League: non basta la vittoria (2-0) sulla Lazio

Il Sassuolo supera per 2-0 la Lazio al Mapei Stadium, ma la vittoria non basta ai neroverdi per ottenere il settimo posto in classifica e la qualificazione alla prossima Conference League. A causa del contemporaneo pareggio della Roma sul campo dello Spezia, gli uomini di De Zerbi chiudono, infatti, la stagione all’ottavo posto. A decidere la gara contro i biancocelesti le reti di Kyriakopoulos (poi espulso nella ripresa) al 10′ e di Berardi, su rigore, al 78′.

Per l’ultima gara sulla panchina dei neroverdi, De Zerbi opta per il consueto 4-2-3-1. Solo panchina per Caputo; Berardi, Djuricic e Boga sostengono l’unica punta Defrel. In mezzo al campo, Lopez affianca in regia Locatelli, mentre dietro, a protezione di Consigli, giocano i terzini Toljan e Kyriakopoulos e i centrali Chiriches e Ferrari. La Lazio di Simone Inzaghi risponde con un 3-5-2, in cui Correa e Muriqi formano la coppia offensiva

Al Mapei Stadium, i biancocelesti, ormai privi di obiettivi, avendo già messo in cassaforte la qualificazione alla prossima Europa League, complici alcune pesanti assenze (su tutti Immobile, Luis Alberto e l’ex Acerbi, a cui si aggiunge nei primi minuti di gioco anche Correa, sostituito da Fares), soffrono l’avvio sprint dei neroverdi. A sbloccare la gara alla prima vera occasione è Kyriakopoulos al 10′, con una bella conclusione dalla distanza su punizione toccata da Berardi che si infila nell’angolino basso alla sinistra di Strakosha. La Lazio prova a farsi vedere in avanti al 14′ con Muriqi, servito in profondità da Radu, che salta Consigli, ma calcia sull’esterno della rete. Al 27′, il Sassuolo va vicino al 2-0, ma Defrel, dopo aver vinto fortunosamente un rimpallo nell’area biancoceleste, calcia alto da ottima posizione. Tre minuti più tardi, Lazzari riparte in contropiede, bruciando in velocità Ferrari: contatto sospetto nell’area neroverde tra il difensore di casa e l’esterno ospite, ma per l’arbitro Prontera non è rigore. Al 40′, ancora pericoloso Kyriakopoulos con un mancino dalla distanza, ma la sua conclusione termina di poco a lato.

Nella ripresa, la Lazio entra in campo con un altro piglio e mette da subito in difficoltà i neroverdi. Al 57′, allora, doppio cambio per De Zerbi: dentro Caputo e Traorè e fuori Defrel e Djuricic, piuttosto impalpabili nel primo tempo. Un minuto più tardi, ottima occasione per la Lazio: su corss dalla sinistra, sponda di Marusic per Muriqi, che, perso da Ferrari, manda alto da buona posizione. Al 61′, il Sassuolo rimane in dieci: Kyriakopoulos, già ammonito nei primi minuti della ripresa, commette fallo su Lazzari e rimedia il secondo giallo, lasciando in inferiorità numerica i suoi e mezz’ora dalla fine. De Zerbi, allora, decide di coprirsi, inserendo Rogerio al posto di Boga, In 11 contro 10, la Lazio aumenta ancora la pressione sulla difesa neroverde: al 72′, è ancora Muriqi, questa volta di testa, a sfiorare l’1-1, ma la sua conclusione su cross di Fares, termina fuori. Due minuti più tardi, il Sassuolo esaurisce i cambi: dentro anche Ayhan e Bourabia per Toljan e Lopez. Al 76′, però, proprio nel momento di maggior spinta della Lazio, il Sassuolo trova la giocata che chiude il match: Berardi lancia in contropiede Caputo, il quale, di esperienza, trova un contatto in area con Parolo: per l’arbitro Prontera è rigore e dal dischetto Berardi spiazza Strakosha e firma la rete del 2-0, la sua diciassettesima in questo campionato. Dopo il gol del 2-0, la Lazio si spegne definitivamente e il Sassuolo sfiora il tris con Caputo all’83’, ma il numero nove neroverde, servito ottimamente da Berardi, trova la pronta respinta di Strakosha. Nel finale, altre occasioni per i neroverdi per arrotondare il risultato, ma il punteggio non cambia: il 2-0 non basta, però, alla squadra di De Zerbi a conquistare il settimo posto valido per la qualificazione alla prossima Conference League.

Il tabellino:

Sassuolo-Lazio 2-0

Reti: 10′ Kyriakopoulos, 78′ rig. Berardi.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Toljan (74′ Ayhan), Chiriches, Ferrari, Kyriakopoulos; Lopez (74′ Bourabia), Locatelli; Berardi, Djuricic (57′ Traorè), Boga (62′ Rogerio), Defrel (57′ Caputo). A disposizione: Pegolo, Marlon, Peluso, Obiang, Muldur, Raspadori, Haraslin. Allenatore: Roberto De Zerbi.

Lazio (3-5-2): Strakosha; Marusic, Parolo, Radu; Lazzari (86′ Armini), Akpa Akpro (80′ Moro), Leiva (80′ Escalante), Cataldi (86′ Bertini), Lulic; Correa (18′ Fares), Muriqi. A disposizione: Reina, Alia, Patric. Allenatore: Simone Inzaghi.

Arbitro: Sig. Prontera di Bologna. Assistenti: Sig. Bercigli-Sig. Massara. Quarto ufficiale: Sig. Rapuano. VAR: Sig. Massa-Sig. Meli.

Note: Ammoniti: Parolo (L). Espulso al 61′ Kyriakopoulos (S) per doppia ammonizione.

Simone Guandalini

Sassuolo-Lazio, i convocati di mr. De Zerbi

Titoli di coda. Termina oggi una durissima stagione, con la 38°, ed ultima giornata di serie A. La partita in programma è per questa sera alle 20:45 al Mapei Sassuolo-Lazio. I padroni di casa sono reduci da una sconfitta interna (1-3), subita per merito della Juve di Andrea Pirlo. Non solo, nell’ultima giornata una vittoria sul 1-3 finale in casa di un Parma già retrocesso. La Lazio invece viene da una vittoria interna su misura contro il Parma, e da una sconfitta per 2-0 all’Olimpico nel derby contro la Roma, c’è gran voglia di rivalsa. In classifica i padroni di casa sono attualmente ottavi, e l’obiettivo è quello di sorpassare la Roma al settimo posto, ancora possibile. La Lazio invece, che non regala mai niente a nessuno è sesta a sessantotto punti totali, e la concentrazione rimane alta, per chiudere in bellezza un campionato durissimo. L’arbitro della partita è il signor. Alessandro Prontera di Bologna, assistito da Bercigli e Massara.

Ecco l’ultimo elenco di convocati per mezzo di mr. De Zerbi, pronto a cambiare aria dopo tre splendidi anni trascorsi in Emilia, in bocca al lupo mr, !

PORTIERI

  • 47 Andrea CONSIGLI
  • 56 Gianluca PEGOLO
  • 63 Stefano TURATI

DIFENSORI

  • 2 MARLON
  • 5 Kaan AYHAN
  • 6 ROGERIO
  • 13 Federico PELUSO
  • 17 Mert MULDUR
  • 21 Vlad CHIRICHES
  • 22 Jeremy TOLJAN
  • 31 Gian Marco FERRARI
  • 77 Giorgos KYRIAKOPOULOS

CENTROCAMPISTI

  • 8 Maxime LOPEZ
  • 10 Filip DJURICIC
  • 14 Pedro OBIANG
  • 23 Junior TRAORE
  • 68 Mehdi BOURABIA
  • 73 Manuel LOCATELLI

ATTACCANTI

  • 7 Jeremie BOGA
  • 9 Francesco CAPUTO
  • 18 Giacomo RASPADORI
  • 25 Domenico BERARDI
  • 27 Lukas HARASLIN
  • 92 Gregoire DEFREL

Fonti e foto sito Sassuolo Calcio.

Sassuolo, continua la preparazione in vista della Lazio

Squadra al lavoro; giornate di lavoro intenso al Mapei Center in vista della 38° ed ultima giornata di serie A. Si gioca domenica sera alle 20:45 Sassuolo-Lazio, con i neroverdi in lotta per un settimo posto, mentre la Lazio ha già l’Europa League in tasca. Vietato però sottovalutare i biancocelesti che non danno mai nulla per scontato, e a prescindere dalla posizione in classifica, daranno filo da torcere anche al Sassuolo.

I neroverdi hanno inizialmente svolto il riscaldamento di routine, passando al possesso palla, fino alla partitella a campo ridotto. Lavoro differenziato per Magnanelli e Raspadori. Domani è previsto un allenamento al pomeriggio, sempre a porte chiuse.

Sassuolo, squadra al lavoro in vista dell’ultima gara stagionale, avversario la Lazio di Simone Inzaghi.

Squadra al lavoro dalle parti del Mapei Center. Il Sassuolo si sta preparando per la 38° e ultima sfida stagionale, in programma domenica sera alle 20:45 al Mapei contro la Lazio. Nel pomeriggio di oggi allenamento, partendo dal riscaldamento, passando al possesso palla, ma non solo. La squadra ha svolto anche tattica, concludendo con la partita a campo ridotto.

Lavoro a parte per Magnanelli, mentre un differenziato per Raspadori, dopo un guaio muscolare accusato durante Parma-Sassuolo. Per domani è previsto un allenamento pomeridiano, rigorosamente a porte chiuse.

Fonti e foto sito Sassuolo Calcio.

Sassuolo, si prepara l’ultima gara della stagione: al Mapei arriva la Lazio di Simone Inzaghi

Trentottesima, e ultima giornata di serie A. Si gioca Sassuolo-Lazio domenica sera alle 20:45 al Mapei. Sfida interessante in quanto i padroni di casa possono ancora scavalcare la Roma al settimo posto, non sarà facile, ma sognare non costa nulla. La Lazio invece è sesta, senza strani pensieri per la testa, e come da DNA del club capitolino renderà cara la pelle contro uno speranzoso Sassuolo.

Magnanelli e compagni hanno svolto oggi pomeriggio l’allenamento al Mapei Center. Si è cominciato con il più classico dei riscaldamenti, passando alla tattica fino alla partitella a campo ridotto. Anche per domani è previsto un allenamento pomeridiano, a porte chiuse.

Fonti e foto sito Sassuolo Calcio.

Parma-Sassuolo, le pagelle neroverdi

Il Sassuolo vince il derby emiliano contro il Parma: al Tardini finisce 1-3 con le reti di Locatelli, su rigore, Defrel e Boga. I neroverdi si giocheranno il settimo posto all’ultima giornata. Vincolante sarà la vittoria contro la Lazio di Inzaghi; contemporaneamente, il Sassuolo deve sperare in un passo falso della Roma contro lo Spezia. Gli uomini di De Zerbi sono chiamati ad un ultimo sforzo per credere ad un obiettivo inimmaginabile ad inizio stagione: il posto in una competizione europea. Di seguito le pagelle neroverdi.

Sassuolo (4-2-3-1) 7

Consigli 7

Muldur 6

Chiriches 6,5

Ferrari 7

Rogerio 7

Lopez 6,5

Locatelli 7,5

Berardi 7,5

Defrel 7

Boga 7

Raspadori 6

SUBENTRATI

Djuricic (Raspadori) 6,5

Toljan (Muldur) 6

Caputo (Defrel) 6

Traore (Lopez) 6

Obiang (Boga) 6

Mr. De Zerbi 7,5

Foto: sito ufficiale U.S. Sassuolo Calcio.

Parma-Sassuolo 1-3, tre punti carichi di speranze europee

Il Tardini è teatro del derby emiliano tra Parma e Sassuolo, valevole per la 37° giornata di Serie A Tim, la penultima di questa edizione. Le squadre arrivano a questo impegno con motivazioni ed emozioni differenti. Gli uomini di D’Aversa si trovano relegati all’ultimo posto in classifica con 20 punti, certi ormai della retrocessione in Serie B. Dall’altro lato, il Sassuolo è obbligato a vincere per restare in scia e sperare in un passo falso della Roma nell’ultima giornatadi campionato la prossima settimana, sognando il posto nella nuova Conference League.

Il Parma è reduce da sette sconfitte consecutive e 21 goal subiti, con un parziale di tre reti subite a partita di media. I neroverdi, invece, vogliono cercare la quarta vittoria consecutiva lontana da Reggio Emilia per vendicare la sconfitta interna contro la Juventus nel turno infrasettimanale.

Roberto D’Aversa avrà dato la carica ai suoi per cercare di restare imbattuto negli scontri con De Zerbi e per provare a raggiungere il penultimo posto. Il Parma si schiera con un 3-5-2: Sepe è coperto da Valenti, Bruno Alves e Busi, mentre sulle fasce prendono posto Dierckx e Laurini. Sohm, Hernani e Kurtic, uno degli ex della partita, completano il centrocampo; davanti a loro partono Brunetta e Cornelius.

De Zerbi risponde con il consueto 4-2-3-1: Consigli tra i pali, difesa a 4 con Muldur, Chiriches, Ferrari e Rogerio. Centrocampo di qualità con Lopez e Locatelli, sulla trequarti giocano Berardi, Defrel e Boga alle spalle del giovane Raspadori.

Fischietto affidato al signor Marco Piccinini, alla sua 13° presenza stagionale, la 34° in carriera in Serie A. Il Parma sembra partire meglio con due occasioni nei primi minuti, ma poi il Sassuolo inizia a gestire la partita con il solito possesso palla prolungato. Al quarto d’ora Sepe deve intervenire due volte nel giro di un minuto sui tentativi degli attaccanti neroverdi. Al 24’ Locatelli esegue un lancio perfetto per Berardi che calcia, Sepe para; sulla respinta si avventa Raspadori il quale viene atterrato da Busi: per l’arbitro è calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta Locatelli, il centrocampista calcia e spiazza Sepe; il Sassuolo si porta in vantaggio con merito. Al 32’ il capitano del Parma Bruno Alves trova un goal strepitoso con il piattone destro al volo, il pallone finisce sotto l’incrocio dei pali, impossibile intervenire per Consigli. Il portoghese, con il suo quinto goal in Serie A, porta i suoi al pareggio che dura fino al duplice fischio. Il primo tempo si chiude sul risultato di 1-1.

Durante l’intervallo c’è molto movimento ma dal tunnel del Tardini rientrano gli stessi ventidue giocatori. Al 53’ Sepe si allunga e neutralizza il tiro al volo di Lopez; il tiro del francese era diretto verso l’incrocio dei pali. Al 55’ Hernani e Raspadori restano a terra dopo uno scontro di gioco. Brugman è la prima mossa per D’Aversa, l’uruguagio entra al posto di Sohm. Un minuto dopo entrano Djuricic e Toljan per Raspadori e Muldur, con il numero 10 che si posiziona sulla trequarti e Defrel avanza nel ruolo di centravanti. Al 62’ Berardi mette in mezzo un cross dolce per Defrel, il quale si trova libero in mezzo ai due centrali e colpisce al volo con il mancino: il Sassuolo si riporta in vantaggio con il classico goal dell’ex. Lo stesso Defrel, insieme a Lopez, lascia il posto a Caputo e Traore al 64’. Al 69’ Ferrari alza il pallone per Boga che tira di potenza con il sinistro e insacca alle spalle di Sepe: 1-3 per gli ospiti. D’Aversa rimescola le carte e fa entrare Gervinho e il debuttante Zagaritis al posto di Brunetta e Dierckx. Al minuto 74 una grande manovra offensiva del Sassuolo porta al tiro a giro di Berardi; il suo tiro colpisce il palo. Graziano Pellè e Bani, al posto di Cornelius e Laurini al 78’, sono le ultime mosse del tecnico parmense; De Zerbi lascia spazio anche ad Obiang: il mediano subentra a Boga. L’ex attaccante della Nazionale impegna Consigli con una virata al volo; il portiere neroverde riesce a parare in controtempo e respinge anche la ribattuta di Gervinho. Negli ultimi minuti il Parma arriva più volte alla conclusione ma Consigli non si lascia trovare impreparato.

De Zerbi trova la prima vittoria contro D’Aversa. Il Parma resta all’ultimo posto, mentre il Sassuolo porta a casa 3 punti importanti, grazie ai quali i neroverdi possono ancora sperare nel settimo posto che vuol dire Europa. Sarà fondamentale vincere in casa contro la Lazio e contemporaneamente sperare in un passo falso dell’ultima Roma targata Fonseca, impegnata in trasferta contro lo Spezia.

Foto: sito ufficiale U.S. Sassuolo Calcio.

Parma-Sassuolo, i convocati di mr. De Zerbi

Campionato ormai agli sgoccioli; si gioca oggi la 37° e penultima giornata di serie A. Si gioca al Tardini di Parma, il derby Parma-Sassuolo alle ore 18:00. Il Parma già retrocesso in serie B è reduce da una sconfitta interna sonora dal finale di 2-5 in favore di una lanciatissima Atalanta, confermata per la prossima Champions. Non solo nell’ultima giornata i gialloblu hanno perso di misura in casa della Lazio. Il Sassuolo invece sta vivendo un finale di stagione a ritmi elevatissimi, come l’inizio di stagione. Nelle ultime due giornate una vittoria (1-2) in casa del Genoa, e una sconfitta al Mapei per 1-3 contro una Juventus bisognosa di punti Champions. In classifica come scritto poco sopra è il fanalino di coda, un ultimo posto a quota venti punti totali. Il Sassuolo è invece ottavo, a quota cinquantasei punti. I neroverdi possono ancora sognare il settimo posto, ma nella giornata di ieri la Roma, settima, ha vinto il derby contro la Lazio, ed è più distante ma sognare non costa nulla. L’arbitro della partita è il signor. Marco Piccinini di Forlì, assistito da Capaldo e Margani.

Ecco i convocati di mr. De Zerbi.

PORTIERI

  • 47 Andrea CONSIGLI
  • 56 Gianluca PEGOLO
  • 63 Stefano TURATI

DIFENSORI

  • 2 MARLON
  • 5 Kaan AYHAN
  • 6 ROGERIO
  • 13 Federico PELUSO
  • 17 Mert MULDUR
  • 21 Vlad CHIRICHES
  • 22 Jeremy TOLJAN
  • 31 Gian Marco FERRARI
  • 77 Giorgos KYRIAKOPOULOS

CENTROCAMPISTI

  • 8 Maxime LOPEZ
  • 10 Filip DJURICIC
  • 14 Pedro OBIANG
  • 23 Junior TRAORE
  • 68 Mehdi BOURABIA
  • 73 Manuel LOCATELLI

ATTACCANTI

  • 7 Jeremie BOGA
  • 9 Francesco CAPUTO
  • 18 Giacomo RASPADORI
  • 25 Domenico BERARDI
  • 27 Lukas HARASLIN
  • 92 Gregoire DEFREL

Fonti e foto sito Sassuolo Calcio.

Sassuolo, si avvicina il derby del Tardini, contro un Parma fanalino di coda.

E’ arrivato il fine settimana con la 37°, e penultima giornata di serie A. Si gioca al Tardini il derby contro il Parma, in programma domenica alle ore 18:00. I gialloblu sono ultimi, e ormai retrocessi, il Sassuolo invece può puntare al settimo posto, cercando di scavalcare la Roma.

Intanto nel pomeriggio di oggi la squadra si è allenata al Mapei Center, partendo dal riscaldamento, passando alla palestra, e palla con esercitazioni tattiche. Lavoro differenziato per Magnanelli. Per domani è previsto un altro allenamento pomeridiano, sempre a porte chiuse.

Fonti e foto sito Sassuolo Calcio.