F1, Red Bull: Svelata la RB19 a New York

A New York è stata svelata la RB19, monoposto con cui Verstappen dovrà difendere il titolo mondiale, anche se è la versione dello scorso anno, la vettura reale nata dalla matita di Newey si vedrà solamente nei test pre-stagionali.

La squadra anglo-austriaca ha presentato nella grande Mela la nuova livrea della RB19, mentre la vera monoposto la vedremo solamente nei pre-season test, gli uomini di Milton Keynes si sono limitati di presentare la colorazione della carrozzeria e nient’altro. Speriamo che le prossime squadre presentino monoposto reali, non semplici show car. Quello che contra è di vedere un campionato entusiasmante come nella passata stagione.

Di Stefano Penner

Foto: Twitter Oracle Red Bull

Featured post

Modena-Cagliari, i convocati di Attilio Tesser

Si torna in campo, si gioca questa sera, di venerdì tre febbraio alle ore 20:30 allo stadio “Braglia”, in Modena con in programma Modena-Cagliari, partita valevole per la quarta giornata del girone di ritorno di serie B. I padroni di casa sono reduci da una vittoria interna contro il Cosenza (2-0), e da una sconfitta in trasferta nello scontro diretto contro la Ternana (2-1). Il Cagliari invece è reduce da un pareggio (0-0) in casa della Cittadella, ma anche da un immediato successo interno (2-1) contro la Spal quindi c’è voglia di continuità per i ragazzi di Claudio Ranieri. Per quanto riguarda la classifica i gialloblu sono undicesimi a quota ventotto punti, mentre i sardi sono sesti a trenta due lunghezze totalizzate sin qui. L’arbitro dell’incontro è il signor. Daniele Perenzoni di Rovereto, assistito da Fiore, e Laudato.

Ecco i CONVOCATI di Attilio Tesser:

PORTIERI: 26 Gagno, 12 Seculin, 1 Narciso.

DIFENSORI: 5 Cittadini, 57 Coppolaro, 28 De Maio, 96 Oukhadda, 4 Pergreffi, 3 Ponsi, 33 Renzetti, 15 Silvestri.

CENTROCAMPISTI: 21 Armellino, 7 Duca, 16 Gerli, 19 Giovannini, 27 Ionita, 6 Magnino, 8 Mosti, 43 Panada, 24 Poli, 10 Tremolada.

ATTACCANTI: 9 Bonfanti, 99 Diaw, 11 Falcinelli, 32 Strizzolo.

Fonti, e foto sito Modena Calcio.

Featured post

Calcio-mercato Modena, le ultime trattative del mercato di “riparazione”

Serata frenetica. Ultime ore di calcio-mercato frenetiche per il Modena Calcio, autore di una discreta stagione sin qui, cercando per mezzo di questa sessione di “riparazione” le mosse giuste al fine di completare la stagione senza rischi eccessivi sia dal punto di vista sportivo del collettivo, ma soprattutto per quelli psicologici del singolo atleta.

In primis Matteo Piacentini, difensore centrale classe ’99 passa in prestito alla Triestina alla ricerca del minutaggio,
perduto qui in Emilia ormai da tempo.

Successivamente Davide Marsura, attaccante classe ’94 cambia maglia si (Ascoli), senza però scendere di categoria.
La scelta è stata ovviamente quella di garantirsi maggior minutaggio, in base alle sue qualità tecniche. La società bianconera si è
aggiudicata le prestazioni di Davide a titolo definitivo.

Una trattativa forse inaspettata, ma non del tutto secondaria lo scambio di prestiti sull’asse Modena-Pisa
con Gargiulo che passa alla società toscana, e Artur Ionita che approda alla corte di Attilio Tesser.
Artur Ionita è un giocatore che non ha bisogno di presentazioni: lo ricordiamo soprattutto per le sue esperienze in serie A con Cagliari, e Verona, ma non solo. Il talento moldavo classe ’90 ha giocato in Italia anche con il Benevento, e appunto anche con il Pisa fino alle ultime ore.

Benvenuto in gialloblu Artur, mentre un sincero arrivederci per gli uscenti Piacentini, Marsura, Gargiulo, speriamo di rivederci presto.

Fonti, e foto sito Modena Calcio.

Featured post

F1:Haas ha presenta la nuova livrea che colorerà la VF-23.

La scuderia americana ha presentato ufficialmente la nuova livrea ed il nome della nuova monoposto denominata VF-23, che farà il suo debutto ufficiale l’11 Febbraio a Silverstone.

E’ incominciata la carellata di inaugurazione delle varie monoposto, con la Haas che ha preseentato la livrea della vettura con la sigla VF-23, che sarà portata in pista l’11 Febbraio a Silverstone da Kevin Magnussen e Niko Hulkenberg.. Si può notare tanta presenza di nero con porzioni bianche e qualche presenza di rosso. Il team principal Gunther Steiner commenta “Ovviamente condivido l’entusiasmo di tutti per la presentazione di questa livrea .È una pietra miliare nel calendario della pre-stagione, che ci avvicina un po’ di più a quello che vogliamo fare, cioè correre. Mi piace la livrea, ha sicuramente un aspetto ingrandito e modernizzato che si addice all’ingresso in una nuova era con MoneyGram al nostro fianco come title sponsor”.

Il manager italiano continua “Questo è un periodo dell’anno molto emozionante per la F1 ed è bello essere i primi a presentare la nostra livrea, ma la nostra attenzione è rivolta alla messa in pista della VF-23 e alla preparazione della stagione. Abbiamo davvero qualcosa su cui basarci rispetto alla performance dell’anno scorso. Tutta la società ha lavorato duramente per arrivare a questo punto e ovviamente con Kevin e Nico abbiamo due talenti che hanno dimostrato di poter fare centro.”

Di Stefano Penner

Foto: Twitter MoneyGram Haas F1

Featured post

Calcio-mercato Sassuolo, il terzino sinistro Kyriakopoulos passa al Bologna

Gong, il calcio-mercato è ormai agli sgoccioli quando il Sassuolo riesce ad operare ancora in uscita, cedendo il terzino greco classe ’96 Georgios Kyriakopoulos che passa al Bologna.

Georgios Kyriakopoulos terzino sinistro classe ’96 originario di Patras (Grecia) è cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Tripolis a partire dal 2013, fino all’approdo in prima squadra nel 2015 dopo aver fatto enormi progressi. Il terzino ellenico passa successivamente ai greci dell’ Ergotelis dove vi rimane fino al 2016.

Non solo: sempre in patria Georgios nel 2016 fa in tempo a vestire anche la maglia del Lamia, e ancora Tripolis prima del trasferimento al Sassuolo nel 2019, dove si fa conoscere giocando un buon calcio in un’ottima realtà qual’è la società neroverde. Nelle ultime ore Kyriakopoulos passa al Bologna a titolo di prestito, con diritto di riscatto per il Bologna.

Arrivederci Georgios, speriamo di rivederci presto, e in bocca al lupo per questa tua nuova avventura nella “vicina” Bologna.

Fonti, e foto sito Sassuolo Calcio.

Featured post

Calcio-mercato Sassuolo: Nadir Zortea è un nuovo giocatore neroverde

Calcio-mercato, ultime ore spumeggianti in casa Sassuolo. Dopo le cessioni di Ayhan, e Traorè con l’acquisto di Bajrami il club neroverde ha appena chiuso un altro colpo in entrata: Nadir Zortea, in arrivo dall’Atalanta.

Nadir Zortea, esterno di difesa/centrocampo classe ’99 è originario di Feltre, Italia. Il giovane talento, calcisticamente parlando è cresciuto nella US Feltreseprealpi a partire dal “lontano” 2013, per poi passare rapidamente alle giovanili del SudTirol (2013).

Dopo un breve ritorno a casa Nadir nel 2014 passa al prosperoso settore giovanile dell’Atalanta dove cresce tantissimo. Nel 2019, dopo una breve esperienza a Vicenza, arriva all’under 19 neroazzurra (Atalanta), per poi passare in prima squadra pochi mesi dopo.

Successivamente dal 2019 al 2021 è protagonista in un piacevole via-vai Atalanta-Cremonese, per poi vedere firmare il suo trasferimento alla Salernitana nel 2021, ma torna all’Atalanta nel 2022 fino alla firma con il Sassuolo nelle ultime ore.

Benvenuto a Sassuolo Nadir, speriamo che sia un’avventura piena di gioie, e di soddisfazioni professionalmente parlando, e non solo, FORZA SASO’L !

Foto sito Sassuolo Calcio.

Featured post

Calcio-mercato Sassuolo, Traorè ceduto in Premier League: al suo posto in arrivo da Empoli Nedim Bajrami

Calcio-mercato agli sgoccioli. Dopo le prime settimane di studio, o poco più il calcio-mercato del Sassuolo si è elettrizzato nelle ultime ore. Dopo l’uscita del difensore turco Ayhan al Galatasaray nella serata di ieri saluta un altro neroverde: Junior Traorè passa in Premier League più precisamente al Bournemouth per un’operazione da circa trenta milioni di euro.

Il Sassuolo, come suo solito fare in queste situazioni, anche questa volta non ha perso tempo e si è subito aggiudicato le prestazioni di Nedim Bajrami, trequartista classe’99 nato a Zurigo, ma di origine albanese. Nedim comincia la sua giovane carriera nel 2015 nelle giovanili dello Zurigo, per poi passare nel 2017 al Grasshoppers. Nel 2019 arriva in Italia, ad Empoli, dove si fa notare fino alla cessione nelle ultime ore al Sassuolo di Mr. Dionisi.

Arrivederci Junior, benvenuto Nedim, Forza Sasòl!

Foto sito Sassuolo Calcio.

Featured post

Calcio-mercato Sassuolo, Kaan Ayhan ai saluti: il difensore turco passa ai giallorossi (turchi) del Galatasaray

Calcio-mercato in chiusura. Ultime ore di manovre in entrata, ed in uscita con il Sassuolo che cerca di sfoltire la rosa senza rischiare di rimanere “corti”, complice i cinque goal di “San Siro”, che hanno elettrizzato l’ambiente neroverde uscente da un periodo complicato.

Nelle ultime ore la dirigenza del Sassuolo saluta Kaan Ayhan robusto difensore centrale turco classe ’94 che passa ai giallorossi del Galatasaray, tornando a casa dopo l’importante esperienza in Emilia-Romagna.

Arrivederci Kaan, speriamo in un tuo futuro ricco di gioie, e soddisfazioni professionalmente parlando e non.

Foto sito Sassuolo Calcio.

Featured post

Modena Volley, Tomas Rousseaux è un nuovo schiacciatore gialloblu

Il più classico dei rincalzi. Con la Regular Season già in mano da tempo a Perugia le diverse “avversarie” si stanno attrezzando al meglio per i play-off. A Modena si sapeva che mancava qualcosa: nelle ultime ore il club gialloblu si è aggiudicato le prestazioni di Tomas Rousseaux, schiacciatore classe ’94, originario di Jette (Belgio).

La carriera di Tomas comincia tra le fila del Roeselare dal 2012 al 2015 per poi arrivare in Italia per la prima volta, più precisamente a Monza, dove vi milita nella stagione 2015-16. Il giocatore cambia diverse squadre, maturando importanti esperienze in crescendo, fino all’arrivo a Modena in data odierna direttamente da Katowice.

Il giocatore nel pieno della sua carriera vanta un importante Palmares: una coppa, e una supercoppa di Germania, tre campionati belgi, una coppa belga, e due supercoppe belghe niente male per Andrea Giani e panchina. Benvenuto a Modena Tomas !

Fonti, e foto add. stampa Modena Volley.

Featured post

Cisterna-Modena 1-3, bella prova di forza di Bruno, e compagni che rimangono secondi in classifica.

Sesta giornata del girone di ritorno di Regular Season. Si è giocato questa sera, di domenica venti nove gennaio Cisterna-Modena alle ore 20:45 al “Palasport” di Cisterna, in Latina. I padroni di casa vengono da una bella vittoria interna contro Trento (3-2), ma anche da una deludente sconfitta (3-1) in casa del fanalino di coda Siena, quindi c’è tanta voglia di rivalsa contro Bruno, e compagni. Gli emiliani invece sono reduci da due sconfitte, la prima inaspettata (3-1) in Lombardia contro Milano, e la seconda in casa contro la strapotenza umbra targata Perugia (1-3). Per quanto riguarda la classifica Cisterna è ottavo a quota venti tre punti totalizzati sin qui, mentre Modena è secondo appaiato a Trento, ma Perugia è gia campione di Regular Season con sei giornate di anticipo per una stagione da urlo. Gli arbitri sono Marco Braico, e Andrea Puecher.

Passiamo alle formazioni l’ex coach di Modena Fabio Soli schiera in campo l’espertissimo palleggiatore Michele Baranowicz (ex) supportato dallo schiacciatore croato Petar Dirlic, bello a metà. A seguire la coppia di schiacciatori: Bayram-Sedlacek con il secondo in ordine autore di una discreta prova. Si arriva rapidamente alla coppia dei centrali Zingel-Rossi. Chiude il libero Damiano Catania. Da notare la prestazione di Gutierrez, che ha messo spesso, e volentieri in difficoltà la difesa emiliana.

Tra le fila emiliane coach Andrea Giani schiera in campo la formazione tipo partendo dal veterano palleggiatore Bruno, supportato nel bene, e nel male dal giovane talento turco Adis Lagumdzija. A seguire i due schiacciatori estro/gioventù firmato Ngapeth/Rinaldi anche quest’oggi sinonimo di sicurezza in fase punto.. Nel ruolo dei centrali la coppia rodata Stankovic-Sanguinetti, con il primo dei due in elenco letale in attacco, e a muro. Chiude un concentrato Salvatore totò Rossini nel ruolo di liberto. Subentrano in corso d’opera: Marechal, Sala, che si sono mostrati sicuri quando chiamati in causa.

Eccoci finalmente alla partita; nel primo set Modena conduce in diversi frangenti (2-4, 10-12, 11-13), ma Cisterna resta in scia per merito degli attacchi Dirlic-Sedlacek, aspettando Gutierrez giovane molto interessante. A spaccare il set un ace di Rinaldi 16-18 Modena, che chiuderà il set 22-25 per mezzo di un’attacco vincente di Adis Lagumdzija 22-25 per Bruno, e compagni.

Si arriva velocemente al secondo set dell’incontro con Modena che conduce 4-8 per merito di Lagumdzija, a tratti indomabile. Non solo Lagumdzija: per Modena salgono le prestazioni di Ngapeth/Rinaldi, e Tommaso in attacco segna il punto del 6-10 Modena. Gli ospiti sembrano controllare una timide Cisterna, ma pian pianino i laziali si avvicinano ai modenesi con mezzo di un bel muro di Zingel ai danni di Rinaldi 12-14 Modena. Il set scorre piacevolmente, Stankovic a servizio, e un errore di Kaliberda fanno dormire sogni tranquilli a Giani, e panchina 15-20 Modena. Il set lo chiude un errore a servizio dei padroni di casa 23-25 Modena.

Coach Fabio Soli non ci sta, e striglia i suoi ragazzi, abili a reagire nel terzo set riaprendo i giochi. In casa Modena protagonista nel bene, e nel male Lagumdzija, insieme a Ngapeth, e Stankovic, ma tra i padroni di casa brillano Gutierrez-Sedlacek-Dirlic. Determinante nel punteggio un muro di Zingel ai danni di Lagumdzija per il 23-20 in favore di Cisterna, che vincerà il set con un convincente 25-20.

Prima dell’inizio del quarto set Andrea Giani non ci sta, e striglia i suoi, così come Fabio Soli chiede il massimo cercando di giocare senza aver nulla da perdere, al fine di divertire gli spettatori. Modena rimane abile a mantenere alta la concentrazione con i due centrali, ma soprattutto con Ngapeth/Lagumdzija. Anche Tommaso Rinaldi appare incisivo per mezzo dell’ace del 4-5 Modena. Gutierrez tiene vive le speranze di Cisterna, ma Modena è concentrato soprattutto con merito della sontuosa esperienza di Stankovic al centro, e di Lagumdzija che torna ai suoi livelli. L’ultimo punto del set, e dell’incontro è firmato Earvin Ngapeth, 23-25 Modena, che mantiene il secondo posto in classifica a pari merito con Trento.

Il prossimo incontro Modena giocherà sabato quattro febbraio alle ore 20:30 al “Pala Panini” contro il fanalino di coda Siena, gara da non sottovalutare affatti, per evitare cali di concentrazione, ma soprattutto scivoloni in classifica.

Foto add. stampa Modena Volley,

Featured post

Milan-Sassuolo 2-5, le pagelle neroverdi

Sassuolo 10

Consigli 8; Rogerio 8; Erlic 8; Ruan 7,5; Marchizza 8; Frattesi 7,5; Obiang 7,5; Berardi 10; Traorè 7,5, Laurentiè 8; Defrel 8

SOSTITUZIONI

Marchizza-Kyriakopoulos (Kyriakopoulos 7)

Laurentiè-Martinez (Martinez 7)

Defrel-Henrique (Henrique 8)

Frattesi-Thorstvedt (Thorstvedt 7)

Berardi-Ferrari (Ferrari 7)

Mr. Dionisi 10

Foto Wikipedia.

Featured post

Milan-Sassuolo 2-5, rossoneri umiliati in casa contro un leggendario Sassuolo, che segna cinque reti ai campioni d’Italia in carica.

Umiliazione rossonera. Si è concluso da poco l’anticipo dell’ora di pranzo Milan-Sassuolo, e abbiamo assistito ad una partita leggendaria del Sassuolo capace di segnare cinque reti ai rossoneri campioni d’Italia in carica.

Incominciamo dalle formazioni con il Milan di Stefano Pioli che schiera un’inerme 4-2-3-1, partendo da un disastroso Tatarusanu tra i pali, supportato in modo indecente da un’inguardabile difesa a quattro composta in ordine da: Calabria-Kalulu-Gabbia-Hernandez. A seguire i due centrali di centrocampo in stato confusionario quali Tonali-Krunic. Infine un attacco desolatamente inconcludente formato dai tre trequartisti: Saelemaekers-De Ketelaere-Rebic, dietro ad uno isolato Giroud.

Tra le fila neroverdi Mr. Dionisi risponde a Pioli con un 4-2-3-1, che rispecchia ed annienta totalmente i campioni d’Italia in carica in casa. In porta Andrea Consigli, supportato in maniera egregia dalla difesa a quattro composta in ordine da: Rogerio-Erlic-Ruan-Marchizza. A seguire i due centrali di centrocampo Frattesi-Obiang in stato di grazia, che per novanta sette minuti di giocano gestiscono al meglio la manovra neroverde, capace di segnare cinque reti a S.Siro. Per fase offensiva Berardi-Traorè-Laurentiè dietro alla punta Defrel. Subentrano in corso d’opera Kyriakopoulos, Henrique, Martinez, Thorstvedt, e Ferrari.

Passiamo alla partita sono le 12:30 a “San Siro” in Milano, e il direttore di gara Giua di Olbia fischia l’inizio delle ostilità. E’un primo tempo da impazzire per il Sassuolo che per mezzo delle qualità tecniche di Frattesi-Laurentiè mette in difficoltà subito la difesa rossonera che a sua volta vede annullarsi un goal a Giroud all’ottavo minuto, per mezzo del VAR, pubblico inferocito.

La partita è più che piacevole con le due squadre che giocano un bel calcio, fino al diciannovesimo minuto in cui Berardi serve Defrel, che solo soletto porta il Sassuolo sullo 0-1. Il Milan accusa il colpo e dopo due minuti è ancora Berardi a servire in goal un compagno di squadra: questa volta è Frattesi che sigla lo 0-2 per gli emiliani tra la gioia di Dionisi, e panchina.

Siamo solo all’inizio di una partita clamorosa, quando al minuto ventiquattresimo vediamo già il terzo goal dell’incontro per merito di Giroud abile a sbarazzarsi di Erlic 1-2 Sassuolo, e “San Siro” carica i suoi beniamini.

Così come il Milan non perde le speranze, così anche il Sassuolo non si abbatte, e al trentesimo segna la rete dell’1-3 con Berardi che gela “San siro”. Solo al trentesimo si inizia a capire che la partita regalerà straordinarie emozioni fino all’ultimo sospiro.

I rossoneri si rimboccano le maniche per mezzo di De Ketelaere-Rebic, ma il Sassuolo è ben messo in campo, e oggi gira tutto a favore.

Dopo quattro di recupero Giua fischia la fine del primo tempo con il Milan sotto 1-3 in casa contro un Sassuolo in stato di grazia.

Passati i quindici di intervallo Giua fischia l’inizio della ripresa. Subito i primi cambi: per il Milan dentro Leao, per il Sassuolo uno stoico Marchizza al posto del terzino greco Kyriakopoulos. Stefano Pioli, e i suoi ragazzi puntano a riaprire la partita, ma al quarantaseiesimo di gioco Calabria atterra rovinosamente su Laurentiè, e Giua assegna il penalty realizzato dallo stesso esterno francese neroverde, Milan-Sassuolo 1-4 con il pubblico che inizia a perdere la pazienza.

I padroni di casa un po’ intontiti non perdono la grinta, ma un po’ la speranza per causa di un goal annullato con VAR ai danni di Giroud, quest’oggi non proprio fortunato per usare un eufemismo.

In casa Milan continuano le sostituzioni: dentro Messias-Pobega-Origi al posto di Saelemaekers-Krunic, Rebic. Continua di fatto l’assedio per i rossoneri, ma oggi al Sassuolo gira tutto bene, oltre che perfetti sono anche fortunati.

Al minuto settanta sei triplo cambio deciso da Alessio Dionisi, escono in ordine: Laurentiè-Defrel-Frattesi al posto di Alvarez-Henrique-Thorstvedt. E un paio di minuti più tardi c’è anche il tempo per concedersi la “manita” neroverde al diavolo con Henrique servito al meglio da Berardi, e dopo aver mandato in tilt la difesa del Milan c’è il goal dell’1-5 con i primi tifosi che lasciano “San Siro”.

Ultima emozione della partita una manciata di minuti successivi la perla di Origi, 2-5, ma è troppo tardi per Stefano Pioli, e panchina.

Negli ultimissimi minuti di gara non manca il nervosismo in campo con il Milan che “discute” vivacemente contro Berardi-Consigli su tutti, e in campo succede il finimondo.

A cinque dal novantesimo ultimo cambio con Dionisi che sostituisce un fischiatissimo Berardi al posto di Ferrari, cercando di ristabilire la tranquillità in campo.

Passano i sette minuti di recupero e il direttore di gara fischia tre volta 2-5 Sassuolo che umilia in trasferta i campioni d’Italia per un risultato che è gia entrato negli annali del calcio, complimenti Dionisi, complimenti Sassuolo, che puoi finalmente tornare a sorridere, e in grande stile dopo un periodo molto complicato, FORZA SASO’L !

Foto sito Sassuolo Calcio.

Featured post

Ternana-Modena, le pagelle gialloblu

Modena 5

Gagno 5,5; Oukhadda 5; Cittadini 5; Pergreffi 5,5; Renzetti 5,5; Armellino 5,5; Gerli 5; Gargiulo 5; Tremolada 5,5; Falcinelli 6; Strizzolo 5,5

SOSTITUZIONI

Tremolada-Giovannini (Giovannini 5,5)

Gargiulo-Magnino (Magnino 6)

Strizzolo-Diaw (Diaw 5,5)

Falcinelli-Bonfanti (Bonfanti 4,5)

Armellino-Duca (Duca 5)

Mr. Attilio Tesser 5

Foto sito Modena Calcio.

Featured post

Ternana-Modena 2-1, i gialli pagano i primi venti minuti di black-out totale, e non riescono ad agguantare punti nonostante le diverse occasioni create.”

Un’altra occasione sprecata lontano dal “Braglia”. I gialli pagano i primi venti minuti di black-out nei quali la Ternana segna due reti. Una bella reazione nel secondo tempo con il goal dal dischetto di Falcinelli, ma gli umbri reggono, e portano a a casa i tre punti.

Si è giocato oggi pomeriggio alle ore 14:00 allo stadio “Liberati” in Terni Ternana-Modena, partita valevole per la terza giornata del girone di ritorno, uno scontro diretto sciupato per demerito dei ragazzi di Attilio Tesser.

Tra i padroni di casa Mr. Aurelio Andreazzoli schiera in campo un efficiente, e tenace 3-4-1-2, partendo dall’estremo difensore Iannarilli, ben supportato da una snella, ed efficiente difesa a tre composta in ordine da: Diakitè-Sorensen-Mantovani. A seguire un preciso, e robusto centrocampo a quattro con protagonisti in modo più che positivo: Ghiringhelli-Agazzi-Di Tacchio-Corrado. Si chiude con Palumbo dietro alle due punte Favilli-Portipilo.

Per il Modena Mr. Attilio Tesser risponde al tecnico umbro con il classico 4-3-2-1, partendo da Riccardo Gagno tra i pali, protetto malamente dai quattro compagni di reparto in ordine: Oukhadda-Cittadini-Pergreffi-Renzetti. A seguire uno snello, ed impacciato centrocampo a tre con protagonisti in modo non del tutto sufficiente il trio Armellino-Gerli-Gargiulo. Si chiude con Tremolada-Falcinelli dietro a Strizzolo unica punta. Subentrano in corso: Giovannini, Magnino, Diaw, Bonfanti, Duca.

Passiamo alla partita, sono le 14:00 puntuali allo stadio “Liberati”, in Terni e il direttore di gara Matteo Gualtieri di Asti fischia l’inizio delle ostilità. Il Modena nei primi venti minuti appare spaesato, e non riesce ad ammortizzare la freschezza dei rossoverdi. Dopo sedici minuti la Ternana è gia 2-0 per merito delle reti di Ghiringhelli-Favilli entrambi a segno di testa per demerito di un vero, e proprio black-out difensivo.

Attilio Tesser non ci sta, e striglia i suoi ragazzi con Tremolada che prova timidamente la via del goal, ma la difesa umbra non corre rischi. Al minuto ventuno la partita sembra chiusa dopo l’esultanza rossoverde di Ghiringhelli, ma il direttore di gara annulla dopo il controllo al VAR.

Fino all’intervallo da segnalare due occasioni da goal gialloblu rispettivamente con Tremolada, e Strizzolo ma sono troppo timide per mettere in difficoltà la porta di Iannarilli. Dopo due minuti di recupero Matteo Gualtieri manda le squadre negli spogliatoi con la Ternana avanti 2-0 tra gli applausi del “Liberati”.

Passano i quindici di intervallo, e puntualmente Matteo Gualtieri fischia l’inizio della ripresa. A inizio ripresa due novità in casa gialloblu, Tesser getta nella mischia Magnino-Giovannini al posto degli uscenti Gargiulo-Tremolada. Il neo entrato Magnino ci mette poco per soddisfare il Mr. in quanto al minuto quaranta nove è abilissimo a procurarsi un calcio di rigore, rigore segnato da Diego Falcinelli, che carica la squadra.

Al minuto cinquanta sette un altro cambio nel Modena, esce uno stremato Strizzolo al posto di Davide Diaw al fine di dare maggior spinta all’attacco alla caccia del pari. La Ternana regge bene dietro, e prova timidamente in contro piede, ma gli emiliani nel secondo tempo hanno un atteggiamento molto più costruttivo rispetto al primo tempo.

Nel frattempo Andreazzoli effettua i primi cambi, cercando di evitare brutte sorprese. Al minuto settanta quattro Mr. Tesser sostituisce Falcinelli al posto di Bonfanti, che tre minuti più tardi si divora un goal gia fatto spedendo il pallone sul palo.

Il Modena le prova tutte per il pari soprattutto sull’asse Magnino-Giovannini, ma la Ternana si copre bene, e in casa gialloblu il tempo inizia a scarseggiare. Diversi cambi in casa Ternana, mentre per il Modena al minuto settanta nove c’è spazio anche per Duca, che entra al posto di Armellino.

Si arriva velocemente al quinto minuto di recupero con il Modena che non è riuscito a trovare il pari, pagando l’abilità della Ternana nel segnare due goal nei primi venti minuti della partita per demerito di un black-out canarino.

Sicuramente Tesser striglierà i suoi ragazzi nelle prossime ore, in attesa della prossima partita ovvero Modena-Cagliari nell’anticipo di venerdì tre febbraio alle ore 20:30 allo stadio “Braglia”.

Foto sito Modena Calcio.

Featured post

F1: Alessandro Bravi Alunni diventa Team Principal della Sauber Alfa Romeo.

La scuderia Alfa Romeo ha annunciato il nome di Alessandro Bravi Alunni come nuovo team principal al posto di Vasseur passato alla Ferrari. Il team elvetico si prepara ad una nuova stagione pensando a un futuro marchiato Audi.

Dopo il passaggio del manager francese alla Ferrari, la squadra elvetica è stata per un mese e mezzo senza un team principal, i vertici di Hinwill hanno scelto Alessandro Bravi Alunni, con il suo ingaggio il nuovo CEO Andreas Seidl può concentrarsi a lavorare in ottica 2026 quando la squadra si chiamerà Audi, con obiettivi che saranno ben diversi da quelli attuali.

Alunni Bravi commenta “Sono convinto che si tratti di un’altra preziosa aggiunta a quella che è senza dubbio una squadra molto forte, dai piloti al team di gestione, a ciascuno dei nostri dipendenti, in grado di costruire sul successo dello scorso anno e di creare un futuro luminoso per la Sauber”.

“Voglio ringraziare Andreas e i nostri azionisti per la loro fiducia, e voglio ribadire il mio impegno a dare il massimo per essere all’altezza delle loro aspettative e rappresentare la squadra nel miglior modo possibile”.

“È un enorme privilegio continuare a lavorare con un gruppo di persone incredibili che, nel corso di molti anni, mi hanno aiutato a integrarmi all’interno del Gruppo Sauber: ciò che mi hanno dato in questo periodo mi permetterà di svolgere questo compito e di rappresentare la squadra secondo la nostra visione condivisa e i nostri obiettivi”.

Alunni conclude “Sono pienamente consapevole del lavoro che ci aspetta e delle sfide che dobbiamo affrontare: Affronto questo compito con umiltà, sapendo di far parte di un team forte che porterà a termine il lavoro, e con la convinzione di avere tutto ciò che serve per un futuro di successo”.

Di Stefano Penner

Foto. Twitter Sauber Alfa Romeo Stake

Featured post

Ternana-Modena, i convocati di Attilio Tesser

Si torna in campo. Si gioca domani, di sabato ventotto gennaio alle ore 14:00 Ternana-Modena allo stadio “Libero Liberati” in Terni, partita valevole per la terza giornata del girone di ritorno di serie B. I rossoverdi sono reduci da una vittoria di misura contro l’Ascoli (1-0), e da una sconfitta in casa della Reggina (2-1). Il Modena invece viene da una sconfitta a testa alta in casa della capolista Frosinone (2-1), ma anche da una bella vittoria interna (2-0) contro il Cosenza fanalino di coda. Per quanto riguarda la classifica le due squadre sono appaiate: la Ternana è nona a venti nove punti totalizzati sin qui, mentre i canarini decimi a quota ventotto per il più dei classici scontri salvezza. L’arbitro della gara è il signor. Matteo Gualtieri di Asti, assistito da Cipriani, e Cortese.  

Ecco i CONVOCATI di Mr. Attilio Tesser

PORTIERI: 26 Gagno, 12 Seculin, 1 Narciso.

DIFENSORI: 5 Cittadini, 57 Coppolaro, 28 De Maio, 96 Oukhadda, 4 Pergreffi, 77 Piacentini, 33 Renzetti, 15 Silvestri.

CENTROCAMPISTI: 21 Armellino, 7 Duca, 20 Gargiulo, 16 Gerli, 19 Giovannini, 6 Magnino, 8 Mosti, 43 Panada, 24 Poli, 10 Tremolada.

ATTACCANTI: 9 Bonfanti, 99 Diaw, 11 Falcinelli, 32 Strizzolo.

Fonti, e foto sito Modena Calcio.

Featured post

F1: Leclerc completa il trainning test a Fiorano, sotto la supervisione di Vasseur.

Charles Leclerc completa l’ultima giornata delle tee complessive organizzate dalla Ferrari a Fiorano, collezioando ben 123 giri sotto la supervisione del nuovo tema principal Frédèrc Vasseur, nella giornata di ieri è toccato allo spagnolo Carlos Sainz, e Martedì a Robert Swhartzman. Lo scopo di queste sessioni era quello di allenare i piloti dopo la pausa invernale, per tenerli pronti per la nuova stagione che inizierà il 5 Marzo in Bahrain.

La F1 comincia a farsi sentire infatti, la scuderia Ferrari ha organizzato tre giornate di test sulla pista di Fiorano allo scopo di allenare i piloti dopo la pausa invernale, i tecnici di Maranello hanno deciso di mettere in azione la SF-21, nella prima giornata è toccato al giovane israeliano Swhartzman nuovamente confermato come pilota di riserva del Cavallino, il quale ha compiuto 87 giri senza problemi.

Il giorno successivo è toccato a Carlos Sainz che ha saputo completare ben 354 km, ovvero più di un Gp senza intoppi. Infine nella giornata odierna è stato il turno del monegasco Charles Leclerc portando a termine 123 tornate, sotto l’attenta supervisione di Frederic Vasseur neo capo della gestione sportiva della rossa. Dopo queste sessioni non rimane altor che attendere il 14 Febbraio quando la Ferrari presenterà la nuova monoposto che avrà il compito di contrastare il dominio della rivale Red Bull.

Di Stefano Penner

Foto. Twitter Scuderia Ferrari

Featured post

Calcio-mercato Modena, acquistato il giovane fantasista Kleis Bozhanaj

Colpo di mercato in casa gialloblu. Nelle ultime ore il club di Viale Monte Kosica si è aggiudicato le prestazioni del giovane trequartista albanese Kleis Bozhanaj, in arrivo dalla Carrarese.

Kleis è nato nel 2001 (21 anni) in Albania, più precisamente a Tirana, e cresce calcisticamente nella Dinamo Tirana per poi arrivare nel 2016 nelle giovanili dell’Empoli Calcio, passando successivamente a quelle del Napoli nel 2020. Non solo: nel 2021 torna di passaggio ad Empoli prima di fare il “salto” allo Spezia nel 2021.

Nel frattempo nel 2021 lo Spezia gira il talentino albanese alla compagine portoghese del Casa Pia AC, per crescere professionalmente, e non solo. Nel 2022 ritorna allo Spezia, per poi trasferirsi alla Carrarese fino all’approdo nelle ultime alla corte di Tesser.

Il Modena di fatto lo ha appena acquistato a titolo definitivo dalla Carrarese, ma il giovane trequartista terminerà la stagione 2022/2023 a Carrara, aspettando i gialloblu nella prossima estate.

Fonti, e foto sito Modena Calcio.

Featured post

Modena-Perugia, le pagelle gialloblu

Modena 5,5

Bruno 5,5; Lagumdzija 5; Ngapeth 6; Rinaldi 6; Stankovic 5; Sanguinetti 5,5; Rossini 5,5

INGRESSI

Marechal 5,5; Salsi s.v; Sala 5,5

Andrea Giani 5,5

Foto add. stampa Modena Volley.

Featured post

Modena-Perugia 1-3, un’altra ed ennesima prova di forza per la corazzata umbra, che espugna da tre punti anche il “Pala Panini”.

Grande volley. Si è giocato ieri pomeriggio di domenica venti due gennaio alle ore 18:00 al “Pala Panini”, in Modena Modena-Perugia, big match della quinta giornata del girone di ritorno di campionato. Una super sfida, che vede Modena uscire nelle ultime due partite con un’imperiosa vittoria interna contro Civitanova (3-0), ma anche da un tonfo esterno inaspettato contro Milano (3-1). Perugia, che sta giocando un campionato a sé invece è reduce da due ennesimi 3-0 a favore, rispettivamente contro Verona, e Padova. Per quanto riguarda la classifica Modena è seconda a quota venti nove, mentre Perugia è primissima a quota quaranta cinque punti, un rullino di marcia strabiliante. Gli arbitri dell’incontro sono Stefano Cesare, e Maurizio Canessa.

Passiamo alle formazioni con coach Andrea Giani che schiera il sestetto base, partendo dal veterano Bruno in regia, supportato in maniera non del tutto sufficiente dal giovane schiacciatore turco Adis Lagumdzija. A seguire per il reparto offensivo il duo estro/gioventù firmato Ngapeth-Rinaldi, sicuramente i due migliori in campo tra le fila gialloblu. Nel ruolo di centrali Stankovic-Sanguinetti, con il secondo in ordine ottimo in fase difensiva. Si chiude Salvatore Totò Rossini nel ruolo di libero. Subentrano in corso Marechal, Sala, Salsi,

Tra le fila umbre invece coach Andrea Anastasi schiera in campo la formazione tipo, partendo dal palleggiatore della nazionale italiana Simone Giannelli sempre più ai massimi livelli, supportato dallo schiacciatore Kamil Rychlicki, che parte malino, ma che nel corso della partita avrà modo di rifarsi. A seguire come attaccanti il duetto imponente Leon-Semeniuk, sinonimi di garanzia nei momenti determinanti. Si arriva rapidamente al ruolo di centrali con il duetto todo sudamericano firmato Solè-Flavio, chiudendo con Massimo Colaci libero. Determinanti gli ingressi in corso d’opera di Plotnytskyi-Herrera, due riserve di lusso che giocherebbero titolari in qualsiasi altra squadra.

Eccoci finalmente al primo set, che vede Modena partire forte, per mezzo di un ace di Tommaso Rinaldi 8-7 per Bruno, e compagni. Tra gli umbri parte male la coppia Rychlicki-Flavio, Bruno fa un ace, e siamo 12-9 per Modena tra gli applausi del “Pala Panini”. Rychlicki continua a faticare, e appare impacciato in attacco 15-10 Modena. In casa Modena salgono le prestazioni di Lagumdzija, e di Ngapeth 20-15. Errore di Rychlicki sul finale, e Modena si aggiudica il set 25-23.

Terminato il primo set Andrea Anastasi non ci sta, e striglia i suoi con Kamil Semeniuk che parte forte, autore di un ace micidiale 4-8 Perugia, che fa la voce grossa. Modena si rimbocca le maniche, ed un super Tommaso Rinaldi in grande spolvero fa l’ace del 8-9, e i gialloblu restano in scia degli umbri. Tra i padroni di casa oltre a Rinaldi sale la prestazione di Giovanni Sanguinetti a muro 14-14, e set ancora vivo. Nella seconda metà del set un punto di Lagumdzija a muro (16-14), e un errore di Giannelli (17-15) permettono a Modena di sperare, ma Perugia come al solito gioca un’altra pallavolo nei momenti complicati, e Sebastian Solè chiude il set sul 23-25 Perugia.

Archiviato il secondo set il pubblico del “Pala Panini” non smette di seguire i propri beniamini, ma nel terzo set Perugia gioca una pallavolo mostruosa, con due riserve di lusso, ovvero Plotnytskyi-Herrera che dominano Modena in lungo, ed in largo. Rispettivamente a muro, ed in attacco Herrera-Leon portano Perugia sul 2-6 ad inizio set. Numeri impressionanti di Plotnytskyi-Herrera e si arriva rapidamente sul 5-11 Perugia. Modena non incide, Ngpaeth-Sala vengono annientati dal muro ospite, e il set appare compromesso sul 10-17 per gli umbri, che se lo aggiudicheranno sul risultato di 16-25 in favore.

Andrea Giani fa mente locale, e dice ai suoi di non perdersi d’animo, ma contro questa Perugia è una parola grossa, e anche nel quarto set Perugia pare inarrestabile con un rullino di marcia strabiliante soprattutto nei rincalzi, e nei momenti decisivi. LeonHerreraPlotnytskyi macinano punti, con la collaborazione di Rychlicki che torna ai suoi livelli, e con la fase a muro, nettamente a suo favore. Da segnalare due ace Plotnytskyi (10-13), e Leon (15-19), ma anche Tommaso Rinaldi segna dal servizio per il punto della speranza canarina (18-21). Sul finale Modena non riesce più a tenere il passo perugino, con Perugia abile a chiudere il set sul muro vincente di Sebastian Solè, 18-25 Perugia, e vittoria in Regular Season con un’anticipo da fanta volley, corazzata d’altri tempi.

Il prossimo turno Modena giocherà in casa di Cisterna, domenica venti nove gennaio alle ore 20:45, cercando di ritrovare il sorriso dopo i due tonfi contro Milano, e Perugia.

Foto add. stampa Modena Volley.

Featured post

Monza-Sassuolo 1-1, le pagelle dei neroverdi

Sassuolo (4-3-3) 6: Pegolo 6,5; Toljan 6, Erlic 6, Ferrari 6,5 (79′ Tressoldi s.v.), Rogerio 6; Frattesi 6,5, Obiang 6, Traorè 5,5 (61′ Henrique 5,5); Berardi 6,5, Defrel 5,5 (79′ Alvarez s.v.), Laurientè 6 (79′ Ceide s.v.). Allenatore: Dionisi 6

Featured post

Il Sassuolo interrompe la striscia di sconfitte: a Monza è 1-1

Dopo quattro ko consecutivi, il Sassuolo torna a fare punti pareggiando in trasferta sul campo del Monza (1-1): al vantaggio neroverde, firmato al 13′ da Ferrari, risponde nella ripresa il Monza con una rete di Caprari (60′). Il Sassuolo sale così a quota 17 punti in classifica, a + 5 sulla zona retrocessione.

Ancora Pegolo al posto dell’infortunato Consigli in porta, il Sassuolo conferma il consueto 4-3-3: in avanti Defrel viene preferito ad Alvarez per sostituire Pinamonti, mentre in regia c’è ancora spazio per Obiang al posto di Lopez. Il Monza risponde con un 3-4-2-1 in cui Caprari e Ciurria sostengono Petagna.

Dopo una prima occasione per Ciurria, è il Sassuolo a portarsi avanti al 13′, quando Ferrari approfitta di un velo di Frattesi per trovare il gol su calcio d’angolo di Traorè. Il primo tempo è avaro di occasioni da gol: il Monza accusa il colpo e fatica a rendersi pericoloso e il Sassuolo sfiora il 2-0 in contropiede, quando, al 40′, Berardi serve l’accorrente Laurientè che, da buona posizione, colpisce la traversa. Il Monza si fa vedere al 43′, con una conclusione di Carlos Augusto su cross di Ciurria che termina alta.

Palladino rivoluziona il Monza nell’intervallo, con un triplo cambio che vede entrare sul terreno di gioco Mota, Colpani e Mari. I cambi del mister del Monza danno gli effetti desiderati, mentre il Sassuolo torna in campo nella ripresa troppo rinunciatario: al 60′, dopo che già in un paio di occasioni il Monza aveva impensierito la porta difesa da Pegolo, i padroni di casa trovano il pari, con un pregevole tiro a giro di Caprari, che si insacca dopo aver toccato il palo. Il Sassuolo si sveglia dopo aver subito il gol del pari e prova a reagire: le palle gol più limpide capitano sui piedi di Berardi che, prima al 73′ su assist di Toljan e poi all’85’ su passaggio di Frattesi, sbaglia due volte con il destro a tu per tu con Di Gregorio. La gara termina così sul punteggio di 1-1.

Il tabellino:

Monza-Sassuolo 1-1

Reti: 13′ Ferrari (S), 60′ Caprari (M).

Monza (3-4-2-1): Di Gregorio; Marlon (46′ Mari), Caldirola (71′ Gytkjaer), Izzo; Birindelli (46′ Colpani), Pessina, Machin, Carlos Augusto; Ciurria, Caprari (80′ Valoti); Petagna (46′ Mota). A disposizione: Cragno Sorrentino, Antov, Carboni, Rovella, Barberis, Sensi, Bondo, D’Alessandro, Vignato. Allenatore: Raffaele Palladino.

Sassuolo (4-3-3): Pegolo; Toljan, Erlic, Ferrari (79′ Tressoldi), Rogerio; Frattesi, Obiang, Traorè (61′ Henrique); Berardi, Defrel (79′ Alvarez), Laurientè (79′ Ceide). A disposizione: Zacchi, Russo, Marchizza, Ayhan, Kyriakopoulos, Harroui, Lopez, Thorstvedt, Antiste. Allenatore: Alessio Dionisi.

Arbitro: Sig. Prontera di Bologna. Assistenti: Sig. Ranghetti – Sig. Fiore. Quarto ufficiale: Sig. Gualtieri. VAR: Sig. Di Paolo. AVAR: Sig. Abbattista.

Note: Ammoniti: Laurientè (S), Colpani (M), Valoti (M), Berardi (S).

Simone Guandalini

Foto: twitter Sassuolo

Featured post

Modena-Cosenza, le pagelle gialloblu

Modena 7

Gagno 7; Oukhadda 6,5; Pergreffi 6,5; Cittadini 6,5; Renzetti 6; Armellino 6,5; Gerli 7; Gargiulo 6,5; Tremolada 5,5; Falcinelli 5,5; Diaw 6;

SOSTITUZIONI

Tremolada-Bonfanti (Bonfanti 5,5)

Falcinelli-Giovannini (Giovannini 7)

Diaw-Strizzolo (Strizzolo 6,5)

Armellino-Magnino (Magnino 6)

Renzetti-Coppolaro (Coppolaro s.v)

Mr. Tesser 7

Foto sito Modena Calcio.

Featured post

Modena-Cosenza 2-0, Gerli-Giovannini al foto-finish, e i canarini ritrovano i tre punti casalinghi.

Di nuovo “Fortino amico”. Il Modena quest’oggi ha finalmente ritrovato i tre punti interni, che mancavano ormai da troppo tempo per mezzo delle reti di Gerli-Giovannini, e Mr. Tesser si è tolto un peso, facendo gioire di nuovo il “Braglia”.

Nei canarini Mr. Attilio Tesser schiera in campo il classico 4-3-2-1, partendo dall’estremo difensore Riccardo Gagno, ben protetto da una solida, e compatta difesa a quattro composta in ordine da: Oukhadda-Pergreffi-Cittadini-Renzetti. Si passa da uno snello, e ben impostato centrocampo a tre con protagonisti in positivo Armellino-Gerli-Gargiulo. Infine nel reparto offensivo Tremolada-Falcinelli dietro a Davide Diaw punta unica. Subentrano in corso d’opera: Bonfanti, Giovannini, Strizzolo, Magnino, Coppolaro.

Tra le fila ospiti invece coach William Viali risponde ad Attilio Tesser con un 4-3-1-2 non del tutto convincente, partendo dall’estremo difensore Alessandro Micai, supportato in malo modo dalla difesa a quattro composta in ordine da: Rispoli-Meroni-Vaisanen-La Vardera. Passiamo al centrocampo a tre con protagonisti in maniera non del tutto sufficiente dal trio Brescianini-Voca-Florenzi. Si chiude con il reparto offensivo che vede Alessandro Cortinovis dietro alle due punte Zilli-Finotto.

Eccoci alla partita, sono le 14:00 allo stadio “Braglia” in Modena in una pungente giornata di fine gennaio, e il direttore di gara Daniele Minelli di Varese fischia l’inizio delle ostilità. Il primo tempo per usare un eufemismo non è del tutto entusiasmante, più precisamente un tiro in curva di Armellino per il Modena, e una bella parata di Gagno ai danni di Finotto. Senza recupero Daniele Minelli manda le squadre negli spogliatoi sullo 0-0.

Passano i quindici minuti di intervallo, e Daniele Minelli fischia l’inizio della ripresa in un “Braglia” sempre più infreddolito. La prima occasione della ripresa accade al minuto quaranta nove, quando Renzetti serve al meglio Davide Diaw, con un tiro che scheggia la parte alta della traversa.

Il Modena non ingrana quanto basta, e saggiamente Mr. Tesser al minuto cinquantanove cambia le carte in regola: dentro Giovannini, Bonfanti, e Strizzolo al posto di Falcinelli-Tremolada-Diaw, e il pubblico invoca la rete. Un paio di minuti dopo il triplo cambio il Modena rischia la beffa, ma Riccardo Gagno non si fa colpire da Meroni.

Nel frattempo anche il Cosenza effettua i cambi a disposizione tra le quali un cambio illustre: al minuto sessanta sei entra Larrivey al posto di Zilli. Dal centrocampo in su il Modena ingrana e al minuto sessanta nove Bonfanti si divora il vantaggio a porta spalancata, grande rammarico del pubblico di casa.

Il Modena continua a pressare la difesa calabrese con Bonfanti-Armellino, ma la porta ospite sembra stregata. Al minuto ottanta esce dal campo Armellino, al posto di Magnino Si arriva velocemente alla svolta, cioè al minuto ottanta tre va a segno Gerli con una delle sue solite serpentine trafiggendo la porta di Alessandro Micai 1-0 Modena, e i canarini esultano.

I gialli ci prendono gusto e due minuti dopo il vantaggio cioè al ottantacinquesimo trovano il raddoppio per mezzo di Giovannini che con una bella carambola riesce a trovare la rete del 2-0 finale sotto la curva dei suoi supporters. Da segnalare agli amanti delle statistiche l’ultimo cambio utilizzato da Mr. Tesser, con Coppolaro che entra sul finale al posto di uno stremato Renzetti. Dopo cinque minuti di recupero l’intero stadio “Braglia” torna ad esultare, ritrovando i tre punti che mancavano qui da un’eternità.

Il Modena tornerà in campo sabato prossimo alle ore 14:00 a Terni contro la Ternana per la ventiduesima giornata di campionato cercando di ritrovare una continuità importante da qui verso la fine del campionato, campionato ancora lunghissimo e sempre molto equilibrato.

Foto sito Modena Calcio.

Featured post

Modena-Cosenza, i convocati di Attilio Tesser

Si torna in campo. Archiviata la sconfitta di sabato scorso contro la capolista Frosinone per il Modena è già tempo di tornare in campo. Si gioca domani, di sabato ventuno gennaio alle ore 14:00 allo stadio “Braglia” in Modena con Modena-Cosenza in primo piano, partita valevole per la seconda giornata del girone di ritorno. I padroni di casa vengono da una vittoria esterna (0-2) contro il SudTirol, ma anche da un ko esterno (2-1) in casa della capolista Frosinone, quindi tanta voglia di ritrovare i tre punti tra le “mura amiche”. Il Cosenza di William Viali invece è reduce da un ko esterno (2-0) contro il Cagliari, e da un pareggio (1-1) interno contro il Benevento di Mr. Fabio Cannavaro. Per quanto riguarda la classifica i gialloblu occupano l’undicesimo posto con venti cinque punti totalizzati sin qui, mentre i calabresi sono ultimi a quota diciotto punti. L’arbitro dell’incontro è il signor. Minelli, assistito da Margani, e Miniutti.

Ecco i CONVOCATI di Mr. Attilio Tesser.

PORTIERI: 26 Gagno, 12 Seculin, 1 Narciso.

DIFENSORI: 5 Cittadini, 57 Coppolaro, 28 De Maio, 96 Oukhadda, 4 Pergreffi, 3 Ponsi, 33 Renzetti, 15 Silvestri.

CENTROCAMPISTI: 21 Armellino, 7 Duca, 20 Gargiulo, 16 Gerli, 19 Giovannini, 6 Magnino, 8 Mosti, 43 Panada, 24 Poli, 10 Tremolada.

ATTACCANTI: 9 Bonfanti, 99 Diaw, 11 Falcinelli, 32 Strizzolo.

Fonti, e foto sito Modena Calcio.

Featured post

Milano-Modena, le pagelle gialloblu

Modena 5

Bruno 5,5; Lagumdzija 5,5; Ngapeth 5; Rinaldi 6; Stankovic 5,5; Sanguinetti 5; Rossini 5,5

INGRESSI

Sala 5,5; Marechal 5,5; Salsi 5; Bossi 5,5

Andrea Giani 5

Foto add. stampa Modena Volley.

Featured post

Milano-Modena 3-1, al termine di una straordinaria battaglia vincono i meneghini, portandosi a casa tre punti d’oro.

Si torna in campo. Si è scesi in campo ieri pomeriggio, domenica quindici gennaio alle ore 18:00 all’ “Allianz Cloud” in Milano, con Milano-Modena sfida valevole per la quarta giornata del girone di ritorno. I lombardi sono reduci da una sconfitta interna (1-3) contro il Monza, ma anche da un netto (0-3) in casa di Siena, quindi contro Bruno e compagni si va a caccia del bis. Modena invece sta vivendo uno splendido momento di forma: nelle ultime due giornate due vittorie da (3-0), prima in casa di Piacenza, poi in casa contro Civitanova. Gli arbitri della partita sono i signori Lot Dominga, e Brancati Rocco.

Passiamo alle formazioni: tra le fila milanesi l’ex tecnico gialloblu Roberto Piazza schiera la seguente formazione, partendo da un altro ex modenese in regia ovvero Paolo Porro, supportato dallo schiacciatore francese Jean Patry. Ancora per il reparto schiacciatori la coppia Ishikawa-Hernandez. Nel ruolo di centrali successivamente Piano-Loser, si chiude con Nicola Pesaresi libero.

Per Modena coach Andrea Giani risponde con il sestetto base, partendo da Bruno in regia supportato dal giovane schiacciatore turco Adis Lagumdzija, autore di una prova non del tutto sufficiente. Nel ruolo di schiacciatori il duo estro/gioventù firmato Ngapeth-Rinaldi, con il secondo probabilmente migliore in campo di Modena. Si arriva rapidamente nel ruolo dei centrali con la coppia rodata Stankovic-Sanguinetti, chiude Salvatore Totò Rossini libero. Subentrano in corso d’opera Sala, Marechal, Salsi, Bossi.

Passiamo alla partita con il primo set di gioco. Nel primo set comincia molto bene Modena, subito avanti 1-4 per mezzo di un bel colpo di Sanguinetti. Milano inizia ad ingranare con la coppia offensiva Ishikawa-Loser, e siamo sul 9-10 in favore di Modena. Verso la metà del set entra Sala, abile a sfruttare le proprie occasioni (13-16). Il set si chiude con un’invasione di Patry, 23-25 Modena.

Il secondo set è uno spot per la pallavolo, in quanto termina ai vantaggi 30-28 in favore di Milano. Ishikawa parte alla grande, e Milano conduce 4-1 ai danni di un’impacciata Modena. Il set è una sfida nella sfida Ishikawa-Ngapeth, ma anche Agustin Loser è in grande spolvero, con quest’ultimo in ordine abile a murare Earvin Ngpapeth per il 17-12 Milano. Modena non ci sta, con Andrea Giani che striglia i suoi. Oltre ad Ngapeth tra le fila ospiti Lagumdzija-Rinaldi-Bossi raggiungono Milano sul 18-18 firmato Elia Bossi. Come il primo set anche il secondo l’ultimo punto parla francese (Milano) con Jean Patry che firma il punto del 30-28.

Eccoci rapidamente al terzo set con il pubblico dell’ “Allianz Cloud” che si gusta una splendida pallavolo. A inizio terzo set tra le fila di casa subito incisivi Ishikawa-Patry, e Milano conduce 5-4. Modena prova a rispondere a Milano con gli attacchi di Ngapeth-Lagumdzija, ma non solo: Tommaso Rinaldi è un po’ sciupone, e Milano conduce 10-8. Nel terzo set per i lombardi sale il livello offensivo aggiungendo le prestazioni convincenti di Hernandez, autore di un ace (21-12). Modena si rimbocca le maniche con Ngapeth-Lagumdzija, ma Milano è troppa roba, e vince il terzo set di gioco 25-18.

Siamo arrivati al termine di una vera, e propria maratona, al quarto ed ultimo set di gioco con Milano-Modena che da spettacolo fino all’ultimo respiro. A inizio set nel bene, e nel male fa tutto Rinaldi, e siamo 3-3. A livello di spettacolo c’è anche spazio per una schiacciata di Bruno (5-6). Per gli emiliani Ngapeth-Lagumdzija provano ad arrivare al tie-break, ma per Milano Ishikawa-Loser-Patry sono devastanti. Punto fatale del match sul finale del quarto set un muro strepitoso di Loser ai danni di Lagumdzija (21-19) Milano. A chiudere set, e partita è Ishikawa con una pipe in grande stile: 25-21, e 3-1 Milano.

Il prossimo turno, il quinto del girone di ritorno si giocherà domenica alle ore 18:00 al “Pala Panini” con un altro spot per la pallavolo: Modena-Perugia, che garantisce volley spettacolo.

Foto add. stampa Modena Volley.

Featured post

Sassuolo-Lazio, le pagelle neroverdi

Sassuolo 5

Pegolo 5,5; Toljan 5,5; Erlic 5; Ruan 5; Rogerio 5,5; Frattesi 6; Obiang 5,5; Berardi 6; Traorè 5,5; Laurentiè 6; Alvarez 5

SOSTITUZIONI

Obiang-Lopez (Lopez 5)

Alvarez-Defrel (Defrel 5)

Traorè-Thorstvedt (Thorstvedt 5,5)

Laurentiè-Ceide (Ceide 5,5)

Erlic-Ferrari (Ferrari s.v)

Mr. Dionisi 5

Foto sito Sassuolo Calcio.

Featured post

Sassuolo-Lazio 0-2, è notte fonda in casa neroverde: le reti di Zaccagni, e Anderson fanno esultare la Lazio.

Orario di pranzo, ed è tempo di serie A. Si è giocato oggi pomeriggio alle ore 12:30 Sassuolo-Lazio, incontro valevole per la diciottesima giornata di serie A, in programma allo stadio “Mapei”, in Reggio Emilia.

Per quanto riguarda le formazioni Mr. Alessio Dionisi schiera in campo un importante 4-3-2-1, partendo dal veterano estremo difensore Pegolo, supportato dalla difesa a quattro composta in ordine: Toljan-Erlic-Ruan-Rogerio. A seguire in mediano il duo Frattesi-Obiang, dietro al trio Berardi-Traorè-Laurentiè. Unica punta Alvarez. Subentrano in corso d’opera Lopez, Defrel, Thorstvedt, Ceide, Ferrari.

Per i capitolini Maurizio Sarri invece schiera un massiccio 4-1-4-1, partendo da Provedel in porta, supportato dalla difesa a quattro con protagonisti in ordine: Hysaj-Casale-Romagnoli-Marusic. A centrocampo in solitaria Cataldi dietro ad un imperioso reparto di centrocampisti offensivi quali: Anderson-Savic-Alberto-Zaccagni. Chiude Immobile unica punta, uscito malconcio nel primo tempo di gioco.

Passiamo alla partita, sono le ore 12:30 e il direttore di gara Pairetto di Nichelino fischia puntualmente l’inizio delle ostilità al “Mapei”. Parte forte il Sassuolo con l’esterno Laurentiè pericoloso due volte nei primi cinque di gioco, sicura di sè la difesa biancoceleste. La Lazio risponde nell’immediato quando al sesto spreca una bell’occasione goal con Anderson che si divora il vantaggio. Da segnalare al quindicesimo un guaio muscolare ai danni di Ciro Immobile, che esce dolorante al posto di Pedro.

Il Sassuolo torna a farsi avanti con il trio Frattesi-Berardi-Alvarez, ma la difesa ospite è ben schierata quest’oggi. Al minuto quaranta quattro una bell’occasione d’oro per i neroverdi con Provedel che annienta Frattesi. La Lazio non demorde e al minuto quarantatreesimo tramite VAR concede il calcio di rigore agli ospiti, rigore siglato da Zaccagni 0-1 Lazio all’intervallo.

Terminato l’intervallo Pairetto fischia l’inizio del secondo tempo senza cambi (Immobile primo tempo). La partita rimane frizzante, subito un’occasione per parte prima di due sostituzioni in favore di Mr. Dionisi: dentro Lopez-Defrel per gli uscenti Obiang-Alvarez.

Passano i minuti e Berardi prova ad agguantare il pari ma il forte centrocampo della Lazio è maggiormente resistente rispetto a quello neroverde, e Maurizio Sarri ne è soddisfatto.

Si arriva velocemente al sessantanovesimo di gioco con la Lazio che regge bene la pressione neroverde, e riparte altrettanto bene. Altre due sostituzioni per Alessio Dionisi: Traorè-Laurentiè al posto di ThorstvedtCeide.

Intorno al minuto settanta quattro la Lazio ci prova un paio di volte con Luis Alberto, ma la difesa di casa controlla bene. Quattro minuti più tardi Sarri getta nella mischia Vecino, al posto di uno stremato Cataldi, per cercare di chiudere la pratica.

Ci si avvicina sempre più alla fine della partita, quando a sei dal novantesimo Marusic da lontano per poco non sigla lo 0-2, Pegolo controlla a lato. Nello stesso minuto (88°) ultimo cambio per i neroverdi, dentro Ferrari al posto di Erlic.

Siamo arrivati così al novantesimo, con Pairetto che concede cinque minuti di recupero, nei quali la Lazio riesce a trovare la rete dello 0-2 per merito di Anderson che allo scadere ha la meglio su Pegolo, e chiudere i conti.

Per il Sassuolo un’altra sconfitta pesante in vista della prossima partita, con Monza-Sassuolo in programma domenica ventidue gennaio alle ore 15:00 contro i biancorossi in stato di grazia. Ripartire da zero contro un super Monza può essere sicuramente un ottimo stimolo per Berardi e compagni, che stanno vivendo uno dei momenti più negativi delle ultime stagioni, nulla è perduto Sassuolo!

Foto sito Sassuolo Calcio.

Featured post

Frosinone-Modena, le pagelle gialloblu

Modena 5,5

Gagno 5,5; Coppolaro 5,5; Pergreffi 5,5; Silvestri 5; Ponsi 5; Armellino 5,5; Gerli 5,5; Gargiulo 5; Giovannini 5,5; Falcinelli 5,5; Diaw 5

SOSTITUZIONI

Giovannini-Tremolada (Tremolada 6)

Diaw-Bonfanti (Bonfanti 5,5)

Gargiulo-Magnino (Magnino 5,5)

Falcinelli-Strizzolo (Strizzolo 6,5)

Gerli-Duca (Duca s.v)

Attilio Tesser 5,5

Foto sito Modena Calcio.

Featured post

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑