Mercato Modena volley: Leal è un nuovo giocatore gialloblu !

Stellare, stiamo parlando di un roster stellare per Modena Volley circa la prossima stagione 2021/22 in attesa, sperando il prima possibile, del ritorno del pubblico al Pala Panini. Dopo l’arrivo di Bruno-N’Gapeth, di Rossini-Aziz e qualche uscita necessaria, come riportato negli articoli precedenti Modena avrà una rosa di elevatissimo spessore, con l’obiettivo principale di tornare a vincere il più possibile.

Andiamo a presentare il nuovo schiacciatore fresco di contratto: Yoandy Leal classe ’88 è di origini cubane, ma naturalizzato brasiliano. Leal ha cominciato la sua carriera nel 2012 al Sada Cruzeiro, dove in sei anni vince praticamente tutto quello che c’era da vincere, un talento assoluto.

Nel 2018 sceglie il grande passo e arriva in Italia a Civitanova. Anche qui vince tutto, campionati, coppe nazionali, Champions, e mondiali per club, top player !

Concludendo anche con la nazionale colleziona titoli nel proprio continente, tra i quali due ori e un argento.

Benvenuto in Emilia, al Pala Panini, ma soprattutto a Modena Yoandy. Non vediamo l’ora di ammirare le tue gesta !

Fonti e foto add. stampa Modena Volley.

Milano-Modena 1-3, i gialloblu accedono alla prossima Challenge Cup, ne vedremo delle belle !

Ne vedremo delle belle; Modena nella giornata di ieri, domenica venticinque aprile vince la Finale contro Milano a Milano a gara secca, sul finale di 3-1, e quindi Challenge Cup. Entusiasmo a mille dalle parti del Pala Panini dopo i ritorni di Bruno ed Ngapeth, e una competizione europea sicuramente alla portata del club gialloblu.

Partiamo dalle formazioni. Roberto Piazza coach di Milano schiera la seguente formazione, partendo da Sbertoli in regia, supportato da Patry. Nel ruolo di centrali Piano e Kozamernik. Chiudono il reparto schiacciatori Urnaut e Maar. Pesaresi libero.

Coach Andrea Giani risponde con Christenson in regia, supportato da Petric. Nel ruolo di centrali il duo azzurro Bossi-Mazzone. Chiudono il reparto offensivo Buchegger e Rinaldi. Libero Grebennikov. Subentrano a gara in corso Porro, Vettori, Karlitzek, Sanguinetti e Gollini.

Passiamo ora alla partita. Per Modena comincia in salita, per merito dell’ex gialloblu Urnaut, e di Patry, primo vantaggio lombardo sul 8-5. Modena in crescita con Karlitzek carico a mille, ma non ancora pungente, Milano rimane a distanza di sicurezza dalla Leo Shoes, 12-8, 16-12, fino al 23-15 che arriva per demerito di un errore in attacco di Karlitzek. Il primo set è di Milano, termina 25-16.

Andrea Giani non ci sta, e suona la carica ai suoi, che cominciano il secondo set concentrati e maggiormente determinati. Per alzare l’asticella titolari da inizio set Karlitzek e Vettori, e i segnali si vedono. Modena gira bene con il duo azzurro al centro Bossi-Mazzone, e il secondo mette a segno un ace micidiale 6-7 Modena. Oltre a Karlitzek e Vettori si fa sentire Petric, che con un attacco di prestigio inganna la difesa di Milano, 10-13 per la Leo Shoes. Nel set c’è un interessante sfida nella sfida tra Urnaut-Karlitzek, ma tra i due litiganti a fare la differenza è Elia Bossi al centro, che porta Modena avanti sul 17-21. Lo stesso Elia, chiude il set sul 20-25 per mezzo di un pallonetto.

Si passa al terzo set e Modena vuole rimontare subito Milano per evitare un dispendioso tie-break. Nel set in questione cala di rendimento la fase offensiva milanese, soprattutto con Sbertoli, autore di qualche errore di troppo. Torna a farsi sentire lo schiacciatore Patry, e c’è spazio per l’ingresso dell’ex gialloblu Ishikawa, molto propositivo, ma non più di tanto concreto negli attacchi. Il gioco è molto equilibrato, tra le fila modenesi sul finale di set Gollini sorprende un po’ tutti, mettendo a segno il punto del 18-20. Il set termina per demerito di un errore di Sbertoli a servizio 20-25.

Si passa quindi al quarto set con Modena carica a mille. Sfida nella sfida Petric-Ishikawa, e il regista milanese Sbertoli ancora impacciato. Si arriva rapidamente sul risultato di parità di 10-10. Modena cresce di livello soprattutto con i servizi di Mazzone e Christenson, fino al 13-20 targato Petric. Luca Vettori timbra il 15-25, set, partita e accesso alla prossima Challenge Cup.

Termina quindi un’annata molto complicata per la Leo Shoes, Leo Shoes che dopo i ritorni di Bruno ed Ngapeth, e ancora tanto da modificare nel roster, si gode la partecipazione alla prossima Challenge Cup, sicuramente alla propria portata, ne vedremo delle belle.

Foto add. stampa Modena Volley.

Modena Volley, il ritorno nel “Tempio” di sua “maestà” Bruno, ancora affamatissimo di volley.

Ennesimo ritorno a Modena di sua maestà Bruno, palleggiatore carioca che ha fatto la storia del nostro amato sport chiamato volley, di cui ne risulta ancora affamatissimo, con tanta voglia di riabbracciare il Pala Panini dopo le Olimpiadi di Tokyo 2020 (21).

Bruno Mossa De Rezende è nato a Campinas, in Brasile, il due luglio 1986. Comincia la sua splendida carriera nel lontano 2002, militando tra le fila del Florianopolis fino al 2011. Arriva da idolo in Italia a Modena, o meglio Casa Modena nella stagione 2010/11, per poi tornarvi dal 2013 al 2016, con un piccolo ritorno a casa nel Desportiva RJX, (2013-2014).

Ritorna dalle parti del Pala Panini quasi subito, dal 2013 al 2016, conquistando tutti in Italia, e nel Mondo. Nel 2016/17 uno dei suoi consueti ritorni in Brasile, nel San Paolo, e di nuovo un ritorno in Emilia nella stagione 2017/18. Non mancano i rumors, e Bruno cerca nuovi stimoli, restando nel campionato italiano, passando alla rivale Civitanova, e nel 2020/21 ancora un ultima volta in Brasile, al Taubatè. Notizia fresche delle ultime ore la sua ennesima, e mai banale firma con Modena.

A livello di club sua “Maestà” Bruno vanta un Palmarès strabiliante: un Campionato del Mondo, una Champions League, sette Campionati Brasiliani, una Coppa del Brasile, due Campionati Italiani, tre Coppe Italia, e una Supercoppa Italiana. Non solo i tantissimi trofei a livello di club, Bruno ha stravinto tutto anche con la nazionale brasiliana. Ori e argenti alle Olimpiadi, un oro nel Campionato del Mondo, e due argenti nella medesima competizione. Ancora quattro ori alle World League, e cinque argenti, sempre in World League, in pochi come lui…

Il Tempio del Volley, in attesa del ritorno del pubblico non vede l’ora di riassaggiare le gesta del suo idolo, che insieme a Ngapeth, e probabilmente una formazione di altissimo livello, darà filo da torcere a chiunque, attendendo la qualificazione alla Challenge Cup, competizione pur sempre importante a livello di bacheca europea, che manca di gioie da troppo tempo secondo gli standard gialloblu, bentornato a casa Bruno.

Fonti e foto add. stampa Modena Volley.

Piacenza-Modena 0-3, i gialli volano in Finale, attendendo l’avversario.

Ultimo sforzo per Christenson e compagni, per dare un senso a una stagione molto travagliata, e carente di gioie. Oggi pomeriggio la Leo Shoes ha ottenuto il pass per la Finalissima, battendo Piacenza al Pala Banca sul risultato finale di 0-3.

Coach Andrea Giani ha messo in campo la seguente formazione, partendo con Christenson pronto a volare in Russia, così come Petric, due giocatori che lasciano Modena da signori, nonostante tutto: massima professionalità ed umiltà da parte di entrambi, sia sul campo, che non. Al centro il duo azzurro Bossi-Mazzone, concreti e incisivi quando chiamati in causa. A completare il reparto schiacciatori uno scatenato Buchegger, anch’egli verso i saluti, con un’ennesima super prestazione in questo torneo: oggi altri sedici punti totali. Insieme a Buchegger Tommaso Rinaldi, il più “rodato” del vivaio gialloblu, e forse il più pronto a far parte del mondo dei grandi. Libero Grebennikov. Subentrano a gara in corso Sanguinetti-Porro, Stankovic e Gollini.

Modena si aggiudica la partita senza troppi problemi, con uno 0-3 finale (21-25, 16-25, 21-25). Finale raggiunta che si giocherà domenica venticinque Aprile contro la vincente tra Milano-Verona.

Fonti e foto add. stampa Modena Volley.

Modena-Padova 3-1, continua il cammino gialloblu, prossimo avversario Piacenza !

Semifinali, pass ottenuto. Obiettivo minimo raggiunto per Christenson e compagni nel torneo vista Challenge Cup, la terza coppa europea del volley. Ieri si è giocata l’ultima giornata del girone alle ore 18:00 al Pala Panini, e Modena ha sconfitto Padova in maniera incisiva.

Coach Andrea Giani ha messo in campo la seguente formazione, partendo da Christenson in regia, supportato da Petric. Nel ruolo di centrali Sanguinetti-Mazzone. Chiudono il reparto offensivo Rinaldi-Vettori. Grebennikov libero. Subentrano a gara in corso Porro, Gollini, Karlitzek ed Estrada.

Risponde alla formazione gialloblu coach Jacopo Cuttini di Padova, che ha inserito al palleggio Tusch, supportato dall’attaccante Casaro. Nel ruolo di centrali Canella, e Volpato. Chiudono il reparto offensivo Bottolo e Merlo, Gottardo libero.

Nel primo set parte bene Padova con il duo Bottolo-Volpato e un paio di vantaggi 5-6, e 8-9. Petric pareggia i conti, ma Volpato chiude un bellissimo scambio, e i veneti conducono 12-15. Tra le fila gialloblu molto bene i giovani Sanguinetti, Rinaldi e Porro, soprattutto il terzo in ordine, abile al servizio. A rompere l’equilibrio è il veterano Petric, che mette a segno due ace micidiali, uno dietro l’altro 22-19 Modena. Modena si aggiudica il set sul 25-19 finale, 1-0.

Secondo set diverso, nel quale Modena parte sulle ali dell’entusiasmo con un importante 7-2 a favore, sfruttando pasticci ospiti in fase offensiva. Sale in cattedra il giovane centrale gialloblu Sanguinetti, che segna il punto del 11-5 Modena, in totale controllo. Coach Cuttini per Padova inserisce Wlodarczyk, che insieme a Bottolo riavvicina i suoi ai gialloblu, 15-12, e 18-13, non troppo distanti da Modena. Rinaldi e Petric aumentano di nuovo il distacco, portandosi sul 22-18 Modena. L’ultimo punto del set avviene per merito di un muro comodo comodo da parte di Daniele Mazzone 25-21.

Coach Cuttini e i suoi non ci stanno, e nel terzo set quando la partita sembra conclusa si rimboccano le maniche, per merito del trio Wlodarczyk-Casaro-Bottolo. A inizio set però a condurre sono i padroni di casa, con parziali 7-5, 8-6 e 11-7 a favore. Casaro e Bottolo riportano come riportato in precedenza, Padova in carreggiata, fino al sorpasso, con i veneti sul 15-19 dopo un ace di Bottolo. Stern chiude il terzo set sul 22-25 Padova, e gara riaperta.

Si va al quarto set, con un ottimo inizio di gara gialloblu targato Vettori-Mazzone, 5-4 Modena. Padova è un po’distratta, e Modena ne approfitta fino al 8-6. Padova rimane in corsa spinta da Wlodarczyk e Bottolo, arrivando alla parità nel finale di set sul 17-17. Un ace micidiale di Mazzone rompe gli equilibri sul finale 22-19 Modena. Gli emiliani maggiormente concentrati rispetto ai padovani conducono, e risolvono le ostilità sino al 25-21 finale.

Modena approda alle semifinali, e mercoledì scenderà in campo per il derby in casa di Piacenza, cercando la Finalissima, in programma domenica alle ore 18:00. Modena missione possibile !

Foto add. stampa Modena Volley.

Mercato Modena Volley, bentornato Earvin !

Bentornato a casa Earvin. E’arrivata nelle ultime ore la grande notizia, ovvero la firma del contratto in casa gialloblu di Earvin Ngapeth, che vede un ennesimo, e graditissimo ritorno al Pala Panini di “genio e sregolatezza”. Soprannominato così visto il suo estro, e talento cristallino, nonostante qualche nota stonata di troppo. Come dal suo DNA anche questo non sarà un ritorno banale, importantissimo dal punto di vista mediatico per il mondo pallavolistico italiano, e non. Per Earvin pronto un contratto triennale.

Ngapeth, schiacciatore transalpino originario di Saint-Raphael è nato il dodici febbraio 1991, ed è cresciuto nella squadra francese del Tours VB nel lontano 2008, dove vi rimase sino al 2011.

Il suo approdo in Italia risale proprio in quell’anno nel 2011, a Cuneo, con un primo contratto importante fino al 2013, anno in cui arrivò da superstar a Modena, e vi limitò fino al 2018. In Emilia-Romagna Ngapeth ha conquistato il Tempio del volley vincendo il magico “Triplete” nella stagione 2015-16, diventando sempre più l’idolo del Pala Panini.

Poi l’impensabile: alla ricerca di nuovi stimoli, tra le lacrime degli Irriducibili gialloblu, Earvin è volato in Russia nelle fila del Kazan, potenza economica mondiale a livello pallavolistico. Nei biancoazzurri gioca dal 2019 fino alla recentissima firma in gialloblu, conclusasi nelle ultime ore. Anche in queste annate non sono mancati i trofei, infatti si è portato a casa due coppe di Russia, e due supercoppe di Russia. Ovunque va è sempre protagonista, sperando che lo sia anche nella prossima stagione, in attesa del ritorno del pubblico…

Fonti e foto add. stampa Modena Volley.

Cisterna-Modena 2-3, si fa interessante il cammino gialloblu in vista Challenge Cup

Di nuovo in campo la Leo Shoes nella giornata di oggi mercoledì quattordici Aprile, si gioca per la sesta giornata del girone in vista Challenge Cup. Ottima vetrina di fine stagione per quelli che hanno giocato meno in campionato, soprattutto per i tanti giovani, che hanno bisogno di test importanti a livello di crescita personale.

Si è giocato oggi pomeriggio alle ore 17:00 al Palasport Cisterna di Latina. Coach Slobodan Kovac mette in campo Seganov in regia, supportato dall’ex modenese Giulio Sabbi, in grande spolvero. Al centro Krick e Szwarc. Chiudono il reparto offensivo un altro ex Leo Shoes Kevin Tillie, insieme a Cavuto. Cavaccini libero.

Coach Andrea Giani risponde con Christenson in palleggio affiancato da Buchegger, in calo rispetto alla quinta giornata del girone, ma comunque autore di una discreta prestazione. Nel ruolo di centrali uno splendente Elia Bossi, autore di ben undici punti totali nella gara, insieme a Stankovic, con il secondo che fa il compitino. Chiudono il reparto attaccanti Karlitzek, ex di turno e Tommaso Rinaldi, con il secondo miglior marcatore emiliano con sedici punti totali, niente male per la giovane età. Nel ruolo di libero Grebennikov. Subentrano a gara in corso Mazzone, Porro, Vettori e Estrada.

Modena comincia male la partita con un incredibile primo set vinto dai laziali sul 29-27 finale, mentre si rimette subito in scia nel secondo set, portandolo a casa sempre ai vantaggi sul 24-26, 1-1 per un lungo inizio di partita. Cisterna rialza subito la testa per merito di uno scatenato Giulio Sabbi, e vince il terzo set sul 25-21. Modena risponde a sua volta con i suoi giovani Bossi-Rinaldi insieme all’esperienza di Karlitzek insieme a Stankovic, e si aggiudica il quarto set sul 23-25, evitando dispendiosi vantaggi.

Modena chiude l’incontro al tie-break, vincendolo sul risultato finale 15-17, al termine di una partita molto lunga e combattuta, vinta con il massimo impegno da parte di Modena, contro un avversario che non ha mollato un colpo. Ora il cammino emiliano si fa interessante, aspettando le gare che contano. Non sarà un torneo prestigioso come la Champions League, ma la Challenge è pur sempre un’ottima eventuale vetrina in ottica prossima stagione per turn-over e soprattutto per tornare ad alzare trofei a livello europeo, che dalle parti del Pala Panini mancano ormai da troppo tempo, ultimo sforzo Modena !

Foto add. stampa Modena Volley.