Ventottesima di serie A, Sassuolo-Verona; si gioca di domenica ventotto giugno, alle 19:30 al Mapei Stadium di Reggio Emilia. Il Sassuolo dopo il pesante ko di Bergamo ha pareggiato a S.Siro contro l’Inter, segnando ben tre reti. L’obbiettivo sempre più vicino rimane la salvezza. I gialloblu veneti dell’Hellas hanno invece perso in casa 2-0 contro il Napoli in gran ripresa. Squadre relativamente tranquille, e sulla carta partita divertente.


L’arbitro è il signor. Antonio Giua di Olbia, assistito da Alassio e De Meo. Calcio offensivo : De Zerbi conferma il solito 4-2-3-1, Berardi, Defrel, Haraslin alle spalle di Ciccio Caputo, con Boga rilegato in panchina. Juric risponde con Stepinski punta centrale, supportato da Pessina e Zaccagni.

È un primo tempo privo di particolari emozioni, con le squadre che vanno negli spogliatoi sullo 0-0. Ad inizio ripresa mr. De Zerbi inserisce Boga per Haraslin, ma è il Verona a passare in vantaggio, con Lazovic, che trova un guizzo dal limite, dove Consigli non ha grandi colpe. Esattamente centoventi secondi dopo, il nuovo entrato Boga, punta Adjapong e trova lo spazio per calciare. ristabilendo la parità. Sono accadute più emozioni in otto minuti di secondo tempo, che in tutto il primo, complice anche il caldo e i ritmi bassi.

La partita decolla e il Verona passa in vantaggio con Stepinski, che, servito da Lazovic, appoggia in rete di petto. Al 23° minuto pasticcio difensivo del Sassuolo: Peluso e Bourabia si ostacolano, e Pessina ne approfitta, infilando Consigli, e di fatto partita apparentemente in ghiaccio.

Il Sassuolo, come sempre a trazione anteriore, non molla nulla, con un irresistibile Boga, che in questo momento è uno dei giocatori più determinanti del campionato. Proprio Boga al 32° controlla la palla dal limite dell’area di rigore, e con un destro a giro batte Silvestri, riportando i suoi in gioco 2-3.

Gli ultimi dieci minuti vedono un assalto da parte del Sassuolo, che in tutti modi prova a riagguantare il risultato, prima con Locatelli, poi con Caputo, peccando sempre di precisione. Ma al 97 esimo, nell’ultimo minuto di recupero, l’ex Barcellona Rogerio con un destro pazzesco da fuori dell’area di rigore, trova il gol del pareggio battendo Silvestri. 3-3. Un risultato pirotecnico, il secondo consecutivo, e la salvezza che si avvicina sempre più.

Foto sito Sassuolo.