Archiviato il secondo turno infrasettimanale della stagione 2020/21 del girone B di Serie C, si torna di nuovo in campo. Al “Cabassi” va in scena un interessantissimo derby emiliano-romagnolo tra Carpi e Cesena. I padroni di casa arrivano da una pesante sconfitta per 3-0 in casa del Sudtirol, big match dell’ultimo turno, che ha rappresentato un passo indietro per i biancorossi mai pericolosi, con i padroni di casa sempre in controllo. Il Cesena, invece, viene da due successi di fila, con Gubbio e Fano, che l’hanno lanciato nelle zone nobili della classifica. Inizialmente previsto per le 15, il match viene posticipato alle 20:45 a causa della positività al Covid di quattro tesserati del Cesena, tra cui due calciatori, consentendo alle due società di effettuare un giro di tamponi prima della sfida.

LA CRONACA

Classico 3-4-1-2 per mister Pochesci: tra i pali c’è Rossini, con Sabotic, Gozzi e Venturi a comporre il pacchetto arretrato; in mediana Ghion e Fofana al centro, Martorelli e Bayeye sulle fasce, con Maurizi ad agire alle spalle del tandem offensivo composto da Giovannini e Biasci. Il Carpi parte meglio, sembrando più in palla degli ospiti fin dai primi istanti. Al 5’ Gozzi stacca di testa su corner, impegnando Nardi. Subito dopo, bella ripartenza gestita da Biasci, che prova la conclusione dalla distanza, trovando i guantoni di Nardi, che preferisce respingere la sfera anziché bloccarla. La pressione dei Falconi continua per tutto l’inizio del primo tempo, con Biasci che sfiora ancora il vantaggio, stavolta direttamente da calcio di punizione, al 12’: Nardi è ancora bravissimo a distendersi in tuffo e togliere la sfera dall’angolino. Minuto 20, l’episodio che sblocca il match ha dell’incredibile: traversone di Giovannini dalla trequarti, palla che sembra lunghissima per tutti e dovrebbe essere facile preda di Nardi, il quale viene beffato da un rimbalzo della sfera, che passa tra le sue gambe e termina in rete. Al 25’ il primo squillo degli ospiti, con Bortolussi che prova la conclusione dal limite, mandando la palla ad un soffio dal palo. I padroni di casa abbassano il baricentro ed il Cesena ne approfitta, facendosi vedere più spesso dalle parti di Rossini. Al 35’ conclusione di Russini dal limite, palla fuori non di molto. Nel finale di frazione, l’ultima opportunità arriva ancora dai piedi di Tommaso Biasci, che calcia dalla distanza, trovando la facile parata di Nardi. All’intervallo il risultato è di 1-0 per il Carpi.

Il riposo fa bene ai Falconi, che al 51’ sfiorano il raddoppio, con Biasci che serve tra le linee Giovannini, il cui diagonale insidioso è deviato da Nardi. Passano pochi minuti, stavolta è Giovannini a gestire perfettamente un contropiede, servendo Biasci, che dal limite calcia a giro, mandando la sfera vicinissima all’incrocio dei pali. Intorno al quarto d’ora, mister Pochesci apre la girandola dei cambi, inserendo Varoli per Gozzi, Bellini per Maurizi e Lomolino per Martorelli. Al 68’ Carpi ancora ad un passo dal gol: Biasci controlla e calcia da ottima posizione, Gonnelli devia e la sfera manda fuori causa Nardi, andando a sbattere contro il palo. Altra occasione, stavolta da calcio piazzato, arriva al 75’, quando Venturi prova la conclusione, mandando alto non di molto. All’81’ quarto cambio per Pochesci, costretto a sostituire un acciaccato Ghion con Marcellusi. È proprio l’ultimo entrato a sigillare il match all’84’: Giovannini ruba palla sulla trequarti e lascia il pallone a Biasci, che serve perfettamente Marcellusi, la cui conclusione lambisce il palo e termina alle spalle di Nardi, portando il risultato sul 2-0. Il Carpi, ormai padrone del match, spinge ancora in contropiede: Bellini serve sulla corsa Bayeye, il cui tiro termina alto di un soffio. Vengono assegnati 4’ di recupero, durante i quali il Cesena prova uno sterile dominio, senza tuttavia riuscire mai a pungere. Il fischio finale sancisce il definitivo 2-0 per i padroni di casa, che conquistano il quarto successo stagionale, salendo a quota 13 in classifica, in seconda posizione alle spalle del Sudtirol capolista. Prossimo appuntamento domenica 1°novembre in casa della Fermana.

TABELLINO

CARPI: (3-4-1-2) Rossini; Sabotic, Gozzi (dal 61’ Varoli), Venturi; Bayeye, Fofana, Ghion (dall’81’ Marcellusi), Martorelli (dal 66’ Lomolino); Maurizi (dal 61’ Bellini); Biasci, Giovannini. A disp.: Pozzi, Danovaro, Varga, Ferri, Carletti, Ferretti, Offidani, Ridzal. All.: Pochesci.

CESENA: (4-3-3) Nardi; Ricci, Gonnelli, Ciofi (dal 74’ Munari), Favale (dal 55’ Aurelio); Petermann, Ardizzone, Collocolo (dal 69’ Steffè); Russini (dal 74’ Capanni), Koffi (dal 55’ Nanni), Bortolussi. A disp.: Bizzini, Maddaloni, Sala, Campagna. All.: Viali.

Arbitro: sig. Michele Di Cairano di Ariano Irpino.

Assistenti arbitrali: Emanuele De Angelis di Roma 2 e Mattia Bartolomucci di Ciampino.

4^ufficiale: sig. Luca Zucchetti di Foligno.

MARCATORI: 20’ Giovannini (CA), 84’ Marcellusi (CA).

AMMONITI: Sabotic (CA); Favale, Ricci (CE). – ANGOLI: 10-5 per il Cesena. – RECUPERI: 0’ p.t.; 4’ s.t..