Lewis Hamilton conquista la pole position,in 1:20.827 della prima edizione del Gp del Qatar, davanti a Max Verstappen (Red Bull) e Valtteri Bottas ( Mercedes) , una sessione che è stata caratterizzata da un problema di Pierre Gasly (Alpha Tauri), il quale ha dovuto rallentare sul rettifilo principale a causa di una foratura, costringendo la direzione gara all’utilizzo delle bandiere gialle, imponendo di conseguenza ai piloti di rallentare, ma non l’olandese del team di Milton Keynes che invece ha percorso il suo giro cronometrato a tutta velocità, pertanto i commissari di gara diretti da Michael Masi hanno notato tale episodio, mettendolo sotto inchiesta. E con qualche probabilità potrebbero esserci colpi di scena.

Le Ferrari hanno disputato la qualifica con Carlos Sainz che è riuscito a registrare il sesto tempo, candidandosi per disputare una buona gara, lottando per la zona punti in modo da incrementare il vantaggio con la Mclaren nel mondiale costruttori. A differenza del compagno di scuderia Charles Leclerc è stato autore di una qualifica molto difficile, alle prese con difficoltà nel trovare la corretta messa a punto della monoposto, registrando soltanto il tredicesimo tempo. Il monegasco dopo durante le interviste è apparso molto deluso, e sicuramente non demorde.

Il team di Woking finora ha disputato un weekend tra alti e bassi, con grandi difficoltà nel avere ritmo sul giro singolo e nei long-run, comunque, il giovane Lando Norris è riuscito a registrare il sesto tempo, in modo da dare filo da torcere almeno alla Ferrari di Sainz. Invece il compagno Daniel Ricciardo ancora una volta, in grande affanno con la sua MCL35M, pertanto è riuscito solamente a registrare il quattordicesimo tempo.

A parte le sentenza per la manovra di Verstappen nelle fasi finali della Q3, domani ci attende una gara spettacolare, per l’ennesima battaglia tra Hamilton vs Verstappen che ci terrà col fiato sospeso fino all’ultima gara.

di Stefano Penner Foto: Twitter