La Mercedes dopo il Gp di Abu Dhabi aveva presentato un doppio reclamo inerente alla condotta della direzione gara, durante il regime di safety car e anche per il comportamento di Max Verstappen alla ripartenza quando mancava un giro alla fine della corsa. Tali reclami erano stati respinti dalla federazione, e il team di Brackley in un primo momento aveva presentato la richiesta di ricorso al tribunale di Parigi. Alla fine la scuderia Mercedes, capitanata da Toto Wolff, ha deciso di rinunciare di non procedere in appello, naturalmente ci saranno ulteriori polemiche nei prossimi mesi. Il Team Principal Toto Wolff non nasconde la sua delusione, esprimendo parole molto dure nei confronti della FIA e della direzione gara. Commenta il manager austriaco” Abbiamo ritirato l’appello, anche se avremmo vinto, perché non è il nostro stile. Hamilton è stato derubato del titolo, Masi è incompatibile, hanno preso decisioni che hanno annientato Lewis. Spero che continui a correre, al momento è dissilluso.”

Wolff spiega come doveva essere gestita la situazione dopo l’incidente di Nicolas Latifi, puntualizzando che i regolamenti sono chiari ma devono essere applicati senza favoritismi. “Le regole sono chiare. Se c’ è una macchina incidentata in pista e serve tempo per rimuoverla, bisogna esporre la bandiera rossa. Inoltre avrebbero dovuto far sdoppiare tutti i piloti, non solo quelle tra Hamilton, primo Verstappen, secondo. Perché per esempio non far sdoppiare anche quelli davanti a Sainz, perché privare la Ferrari della possibilità di vincere. Ecco perché insisto sulla necessità di regole applicate in modo uniforme.”

Il Team Principal austriaco della Mercedes spende due parole sul comportamento del direttore di gara.. ” Masi? Io direi che il problema è ben più grande di Masi. Non è questione di singoli ma di come vengono prese le decisioni. Serve un metro equo e continuo su come e continuo su vengono applicate le regole. Semplicemente è stata presa una decisione negli ultimi 4 minuti del Gp, che ha annientato Hamilton. Glia ha tolto il titolo. Lewis ha dominato la gara dal via, non avrebbe mai preso quella situazione di gara, invece è fuor di dubbio che Hamilton sia stato derubato della vittoria. Da ogni punto di vista: sportivo, professionale, umano, è stato derubato. Per cui credo che il ruolo di Massi sia incompatibile con il tipo di decisione da prendere.”

Da evidenziare che in tutta questa vicenda vi è un Lewis Hamilton molto deluso, da come sono andate le cose, in gara domenica scorsa ad Abu Dhabi. E addirittura ci è un’ipotesi inerente a un suo eventuale ritiro per la prossima stagione. In merito Toto dichiara quanto segue ” Hamilton è disilluso. Spero vivamente che Lewis continui a correre perché è il più grande pilota di tutti i tempi. Nelle ultime quattro gare è stato dominante, non c’era nemmeno un dubbio su chi potesse vincere la gara. Penso che come pilota il suo cuore gli suggerisca di continuare perché è all’apice della carriera, ma dobbiamo superare il dolore che gli è stato inflitto domenica, anche perché è un uomo con valore con valori chiari ed è difficile capire che è successo.

Da queste parole, si può comprendere tutta la delusione di Toto Wolff per una mancata lucidità nelle decisioni. Pertanto i vertici della FIA dovranno sedersi a un tavolo, per stipulare un regolamento che sia ben chiaro a tutti e soprattutto che le decisioni vengano prese con estrema serietà e univocità.

Stefano Penner

Foto: Twitter.