Festa rimandata per la banda Tesser, che non va oltre l’uno a uno nella penultima giornata di campionato in casa del Gubbio. Nel mentre la Reggiana ha sconfitto 1-0 l’Entella, e si deciderà tutto al fotofinish.

Tra i padroni di casa Mr. Torrente schiera in campo un ben congeniato 4-3-3, che ha messo parecchio in difficoltà la difesa ospite. In porta Ghidotti, ben coperto dalla difesa a quattro composta da Formiconi-Righetti-Redolfi-Bonini. A seguire uno snello, ed efficace centrocampo a tre con protagonisti in positivo Di Noia-Cittadino-Bulevardi. Si chiude con i tre attaccanti Arena-Spalluto-Mangni.

Tra i canarini invece il modulo tipo 4-3-2-1, partendo da Gagno tra i pali, supportato dalla difesa a quattro composta da Ciofani, Silvestri-Pergreffi-Ponsi. A seguire a centrocampo Magnino-Gerli-Armellino. Si chiude con Tremolada-Minesso dietro insieme alla collaborazione di Azzi, che nel corso della partita cambierà più ruoli sempre con massimo impegno, e professionalità. Subentrano in corso d’opera Longo, Mosti, Scarsella, Ogunseye, Giovannini.

Passiamo al campo con la partita che comincia puntualmente alle 21:00 al “Barbetti” di Gubbio, con il direttore di gara Gualtieri che fischia l’inizio delle ostilità. Sin da subito il gioco è frizzantino, con i padroni di casa ben messi in campo, con l’obiettivo di ottenere più punti possibili fino all’ultima giornata in chiave play-off, già in pugno prima di oggi. All’undicesimo prima timida occasione ospite con Tremolada, che su punizione non c’entra lo specchio della porta. Al minuto venti due ottima chance umbra con Di Noia che sfiora il vantaggio, sospiro di sollievo per Gagno, e difesa. Passano i minuti con gli oltre mille supporters modenesi che sostengono i propri beniamini, e al minuto trentotto Minesso scheggia il palo della porta sotto, ma la palla non vuole entrare.

Il primo tempo sembra voler terminare a reti inviolate, ma allo scadere Redolfi di testa incorna la porta modenese 1-0 al “Barbetti” tra l’entusiasmo dell’ambiente locale. Terminati i due di recupero il direttore di gara manda le squadre negli spogliatoi.

Terminati i quindici di intervallo Gualtieri fischia l’inizio della ripresa. Il Modena subito mette in campo Mosti, e Longo al posto di Minesso, e Ciofani. Il Modena scosso dalla rete subita allo scadere del primo tempo inizia subito a spingere sull’avversario con protagonista propositivo si, ma non incisivo Tremolada, che non è concreto nelle sue occasioni da rete.

Nel mentre anche il Gubbio inizia con le prime sostituzioni, in casa gialloblu ancora una doppia sostituzione: dentro Scarsella, e Ogunseye al posto di Gerli, e Tremolada. Il Gubbio non sembra soffrire più di tanto la pressione ospite, quando al minuto cinquantadue il giocatore offensivo Mangni si divora il raddoppio. Passano i minuti con il Modena che assedia la difesa umbra, a sua volta prova il contropiede cercando di chiudere la pratica.

Continuano le sostituzioni tra i padroni di casa, abili a mantenere il vantaggio. Il Modena le prova tutte con Giovannini che entra a dieci dal novantesimo al posto di Armellino. Proprio questo cambia si rivelerà decisivo ai fini del risultato, in quanto il baby talento emiliano si conquista un calcio di rigore, per demerito di Bonini espulso dal direttore di gara. Dal dischetto va Ogunseye abile a spiazzare l’estremo difensore del Gubbio. Negli ultimi minuti il Modena le prova tutte, ma il Gubbio resiste agli attacchi gialloblu, e dopo quattro di recupero il triplice fischio finale, sapendo che nel mentre la Reggiana ha sconfitto 1-0 al Mapei l’Entella, quindi si deciderà tutto all’ultima giornata per un campionato infinitamente strepitoso.

Il prossimo incontro si giocherà sabato venti tre Aprile alle ore 17:30 al “Braglia” tra Modena-Pontedera, mentre la Reggiana sarà impegnata in contemporanea in casa del Teramo. Il Modena è ancora primo a quota ottanta cinque a due lunghezze dai rivali di sempre, saranno novanta minuti di PASSIONE !

Foto sito Modena Calcio.