Ferrari veloce ma l’usura preoccupa. Segnali incoraggianti dalle frecce d’argento.

Oggi è ufficialmente iniziato il weekend di gara del GP di Spagna. Chiunque si aspettasse qualche sorpresa da FP1 e FP2 non sarà di certo rimasto deluso e può sperare in un fine settimana più movimentato del solito, nonostante queste siano solo indicazioni parziali.

Partendo però dalle conferme, Charles Leclerc si è dimostrato ancora una volta molto veloce al venerdì precedendo tutti col tempo di 1’19″670, dando 0″320 di distacco al compagno di squadra Carlos Sainz, 4° in questa sessione. Una Ferrari rapida, certo, ma che ha dato mandato anche dei segnali preoccupanti, soprattutto nelle simulazioni sul passo gara: dopo degli inizi di buon livello infatti la gomma tende a registrare un calo drastico nelle vetture di entrambi i piloti. Situazione inversa in casa Red Bull, con Max Verstappen 5° (+0″336) e Sergio Perez 7° (+0″962) apparentemente deludenti in FP2 ma ottimi nelle prove a serbatoio pieno.

La sorpresa di giornata è stata sicuramente la Mercedes: oltre a degli ottimi giri secchi, George Russel e Lewis Hamilton, rispettivamente 2° (+0″117) e 3° (+0″204), hanno fatto registrare anche dei long run veramente competitivi, a livello e forse superiori a quelli della scuderia di Maranello. Che sia l’inizio di una rinascita per le monoposto di Brackley? Continuando per coppie di opposti, è stato proprio un venerdì nero per le McLaren: Lando Norris ha interrotto la sua sessione di prove dopo solamente 6 giri dopo aver riportato danni al fondo a seguito di un passaggio sulla ghiaia; Daniel Ricciardo invece solamente 15° (+1″715).

Fra i piloti di scuderie di medio livello da segnalare le buone prestazioni dell’esperto Fernando Alonso di Alpine (6° a +0″533), sempre a suo agio nel tracciato di casa, e di Sebastian Vettel di Aston Martin (8° a +1″033). Sfortunato invece Valtteri Bottas: il pilota dell’Alfa Romeo ha dovuto alzare bandiera bianca dopo solamente 3 giri a causa di un guaio al motore.

L’attesa per le qualifiche cresce: appuntamento alle ore 16:00 di domani sabato 21 maggio.

PHOTO: twitter Scuderia Ferrari