Addio sogni di gloria : era una buona occasione per raggiungere Civitanova in Finale, ma Perugia ha schiantato Modena con un netto 3-0 nonostante un super Bednorz.

Tempo di semifinale di Coppa Italia, Andrea Giani ha schierato la formazione tipo con Christenson in regia, Zaytsev, Bednorz e Anderson schiacciatori. Al centro Mazzone e Holt, chiudendo con Rossini libero. Entra sul finale Bossi, disastroso.

Il Perugia di Vital Heynen risponde con una rosa stellare : al palleggio De Cecco, fornitore di gioielli per il trio terribile formato da Atanasijevic, Leon e Lanza. Al centro Podrascanin e Russo, terminando con Colaci libero.

Nel primo set si gioca punto-punto fino alla metà del parziale, ma Atanasijevic rompe l’equilibrio, insieme a Leon, come sempre in stato di grazia. Strappo sul finale, con Bednorz che inizia a macinare punti, annullando anche un set point, Perugia avanti 25-19 e 1-0.

Nel secondo set comincia la sfida Zaytsev-Leon a suon di muri e schiacciate, ma gli umbri hanno una marcia in più e si porta a casa il set per merito del giocatore entrato a battere per il 25-22 Plotnytsky, che chiude il set con un ace vincente.

Il terzo e ultimo set è decisamente più equilibrato, Modena ci prova con Zaytsev e Bednorz, ma Perugia con Atanasijevic, Lanza e Podrascanin ha la meglio. Entra Bossi, che ha un approccio terrificante alla partita, e sul 26-24 si spengono i sogni di gloria di Modena, Perugia raggiunge Civitanova in Finale, che si giocherà domani, a Modena ora restano solo la Coppa CEV ( alla portata ), e lo scudetto.

Foto add. stampa Modena.