Coppa Italia archiviata con la sconfitta interna per 1-3 contro il Casarano, i biancorossi sono pronti ad iniziare la nuova stagione, cercando di completare la rosa il prima possibile.

La Samb è sempre un avversario tosto, il Carpi è un cantiere aperto, dopo l’annuncio di Gozzi nella serata di ieri, c’è tempo fino a ottobre per sistemare il collettivo, soprattutto il reparto offensivo. Obiettivo stare nelle zone alte della classifica, umili e laboriosi, come da DNA del club, con la presenza di circa un migliaio di tifosi sin da domani contro la Samb.

Ecco il comunicato della società:

con favore la direttiva della Regione Emilia-Romagna, che consentirebbe l’accesso allo Stadio “Cabassi” a un numero massimo di 1000 ingressi già a partire dalla gara Carpi-Sambenedettese, in programma domenica 27 settembre 2020.

Pur nella piena volontà di ritornare ad avere il prima possibile il nostro pubblico sugli spalti, la società ha deciso, a livello organizzativo, di attivarsi con un approccio cauto ed oculato al fine di garantire la piena salvaguardia della salute di fruitori,addetti ai lavori ed il contestuale rispetto di tutte le normative di contenimento della pandemia di Covid-19. Per le ragioni di cui sopra la società sceglie di limitare ulteriormente la capienza concessa riservandola, solo ed esclusivamente per la gara d’esordio interna di Serie C 2020-21, a sponsor, dirigenti, tesserati e ospiti della Proprietà per i quali verrà stilata un’apposita lista.

Nelle prossime giornate la società si attiverà per provvedere alla sanificazione completa dei settori e degli ambienti. Contestualmente saranno intensificati i contatti con gli organi preposti al fine di poter usufruire della massima capienza consentita in vista della seconda gara interna contro il Fano in piena sicurezza e controllo organizzativa.

Per quanto riguarda la partita Carpi-Sambenedettese, non verranno pertanto emessi tagliandi e di conseguenza la biglietteria rimarrà chiusa ed il servizio di ticketing online inattivo.

Fonti e foto sito Carpi.