Modena è tornata in campo ieri sera, per l’undicesima di campionato. Si è giocato Cisterna-Modena, con Modena che sfida un avversario esperto, seppur ultimo in classifica, con diverse assenze.

Coach Kovac ha messo in campo la seguente formazione: al palleggio Sottile, supportato da Sabbi. Szwarc e Krick nel ruolo di centrali. Chiudono il reparto offensivo Cavuto e Randazzo come schiacciatori, Cavaccini libero.

Coach Giani risponde con la solita formazione, Christenson al palleggio, insieme a Petric. Stankovic e Mazzone al centro. Karlitzek e Vettori al centro. Subentrano Estrada, Lavia e Porro.

Modena incomincia alla grande la gara, con un primo set in pieno controllo. Parziali confortanti, con ottimi punteggi (6-12, 12-18 e 15-21) a favore. Petric e Karlitzek protagonisti, Modena quindi vince il set 19-25.

Nel secondo set stesso risultato, ma a parti invertite. Per Modena i primi cambi con Porro, Estrada e Lavia a intermittenza. Cisterna in controllo fino al 17-12 a favore, e qualche distrazione di troppo tra le fila emiliane. Sul finale di set Cisterna controlla, con un 25-19 finale. Randazzo e Szwarc protagonisti assoluti.

Terzo set infinito, terminato ai vantaggi sul 27-25 per i padroni di casa. Modena conduce a tratti con Petric e Mazzone protagonisti, ma Cisterna sale in cattedra con Cavuto superstar. Il set si chiude con un errore di Estrada a servizio, e un vincente di Cavuto 2-1 Cisterna.

Andrea Giani non ci sta e striglia i suoi, abili a portare la partita al tie-break. Cavuto e Randazzo mattatori assoluti, ma non bastano e il quarto set, che se lo porta a casa Modena sul 22-25. Nel frattempo Karlitzek riprende quota dopo un calo drastico di prestazione nei set precedenti. Poi c’è il tie-break, vinto da Modena senza storia: 7-15 finale con tre ace di Christenson, e uno strepitoso Karlitzek. Vince Modena una partita complicata, contro un avversario altrettanto complicato, 2-3 in attesa di recuperare le partite mancanti, per un calendario alquanto particolare.

Foto add. stampa Modena.