Un pomeriggio di Reggio Emilia che rimarrà negli almanacchi di calcio della serie A, e anche per quelli dei principali campionati europei. Parliamo del goal del rossonero Leao, che ha sostituito Ibra e Rebic, capace di andare a segno dopo appena un minuto dal calcio d’inizio, un incredibile record che ha spiazzato tutti.

Mr. De Zerbi ha messo in campo la seguente formazione: in porta Consigli, supportato dalla difesa a quattro composta da Toljan, Marlon, Ferrari e Rogerio. A centrocampo uno spento Lopez, in netto calo dal super goal di Napoli, Bourabia e Berardi, con l’ultimo dei tre come spesso accade a segno, ma troppo tardi per portare a casa punti. Chiude il reparto offensivo con Traorè, Djuricic e Defrel poco brillanti, a parte Traorè. Subentrano in corso Caputo, Kyriakopoulos, Boga, Muldur e Obiang.

Il Milan di Pioli invece risponde con Donnarumma tra i pali protetto da una rocciosa difesa a quattro formata da Calabaria, Kalulu, Romagnoli ed Hernandez. A centrocampo Tonali, Kessie, Saelemaekers. Chiude il reparto offensivo con Calhanoglu, Diaz e Leao, quest’ultimo autore del goal più veloce della storia della Serie A.

La partita è piacevole il Milan primo in classifica è sicuramente più roccioso e incisivo. Al Sassuolo mancano Boga e Caputo, che entreranno nella ripresa, assenze che pesano. Pronti e via subito rete e Mapei gelato. Il Sassuolo si rimbocca le maniche, molto attivi Traorè su tutti e Djuricic, del resto prestazione collettiva opaca. Al ventiseiesimo arriva il raddoppio rossonero con il belga Saelemaekers, autore di un ottimo inizio di campionato. Berardi e compagni provano timidamente ad insidiare Donnarumma, attento anche su palloni insidiosi. Si va negli spogliatoi sullo 0-2 Milan.

Nella ripresa mr. De Zerbi suona la carica con Boga e Caputo e il brio migliora con il passare dei minuti, e il Milan allo stesso tempo vuole chiuderla. Diversi tentativi con Traorè, Berardi e Djuricic, ma manca il guizzo. Il goal finalmente arriva su punizione di Berardi, ma manca un minuto al novantesimo. Dopo tre minuti di recupero Sozza fischia la fine, sconfitta neroverde maturata al calcio d’inizio e pareggio mancato sul finale, il Milan continua a macinare punti in chiave scudetto, il Sassuolo deve migliorare qualcosa per non sprofondare in classifica, ma ogni partita in questo splendido campionato è molto complicata, con un record in più targato Leao.

Foto sito Sassuolo.