Finalmente si può giocare il match valevole per la 24° giornata, match inizialmente in programma nell’anticipo del venerdì sera della medesima giornata. La partita fu rinviata causa contagi Covid in diversi giocatori granata, quindi Torino-Sassuolo si è recupera oggi, di mercoledì diciassette marzo alle ore 15:00, all’Olimpico Grande Torino. I padroni di casa sono terz’ultimi in classifica, e cercano punti pesanti al fine di superare il Cagliari, per una lotta salvezza, che probabilmente durerà ancora diverse giornate. Il Sassuolo non sarà da meno, cercando di ritrovare quella costanza che nell’ultimo periodo è mancata, per un campionato più che positivo giocato sin qui. Si prevede una partita frizzante e ricca di colpi di scena.  

Mr. De Zerbi mette in campo la seguente formazione, partendo da Consigli tra i pali, protetto dalla difesa a quattro composta da Toljan, Marlon, Ferrari e Rogerio. Centrocampo a tre guidato dal veterano Magnanelli, affiancato da Obiang, e Defrel. Chiude con il reparto offensivo il trio Djuricic-Berardi-Caputo. Subentrano a gara in corso Traorè, Boga, Locatelli e Peluso.

Si può partire, alle ore 15:00 il direttore di gara Maurizio Mariani di Aprilia da il via alla partita in una giornata primaverile, con le condizioni ideali per giocare a pallone. Ritmi piacevoli e subito il Sassuolo avanti con Berardi che spiazza Sirigu, 0-1. Si arriva al decimo, e i granata si fanno avanti timidamente, il Sassuolo non ha fretta, e controlla il vantaggio. Al tredicesimo Mandragora sfiora il pari ma Consigli rimane attento, salvando in corner. Un paio di minuti più tardi Murru impegna di testa Consigli, pallone ancora in calcio d’angolo. Si arriva velocemente al trentesimo con il Sassuolo che prova il raddoppio, e il calo di ritmo del Toro, concentrato per agguantare gli emiliani. Tornano pericolosi i padroni di casa per merito di Rincon a dieci dall’intervallo, un bel sospiro di sollievo per Consigli e compagni. Raddoppio Sassuolo al minuto trentasettesimo: Toljan serve Berardi per un tiro di collo micidiale, 0-2 Sassuolo. Dopo tre minuti di recupero Mariani manda le squadre all’intervallo.

Si torna in campo dopo l’intervallo con un paio di sostituzioni tra i padroni di casa, stessi undici in casa Sassuolo. Vicinissimo al tris il Sassuolo al 47° con Djuricic, sfortunato nel “calciare”. Il Torino prende coraggio, al cinquantaduesimo minuto Mandragora di collo all’incrocio, ma Consigli si supera, salvando ancora una volta i suoi compagni. Il Torino tiene alta la concentrazione, cercando di riaprire la gara, gara che al sessantesimo non è del tutto in ghiaccio per Magnanelli e compagni. Poco dopo proprio il veterano neroverde lascia il campo per Locatelli, ma non solo esce anche Djuricic esce per Boga, e Defrel lascia spazio a Traorè, tra freschezza, gamba, e velocità dalla mediana in su. Azione insistita Torino, e Ferrari salva di testa sulla linea. Successivamente grande occasione per Ciccio Caputo che al settantaduesimo prova a scartare Sirigu un paio di volte, ma finisce per incespicare sul pallone, pallone che non riesce a entrare e allo stesso il cinquantesimo goal in A non è ancora storia.

Al settantacinquesimo esce uno soddisfatto Berardi al posto di Peluso per difendere il risultato. Un minuto dopo la sostituzione splendida azione corale torinista e Zaza che finalizza in rete 1-2, e gara riaperta. Scorrono i minuti, il Sassuolo trova difficoltà in contropiede, e Mandragora firma il pari su un’indecisione di Consigli 2-2, speranza granata. Partita infinita, Boga sfiora un euro-goal all’incrocio, ma Sirigu salva tutto. Le emozioni non vogliono finire, nei quattro di recupero Simone Zaza completa la “Remuntada” granata, 3-2 per un incredibile partita, come spesso accade quando si sfidano queste due formazioni. Al termine dei quattro di recupero il direttore di gara Mariani fischia tre volte, un’occasione sprecata neroverde.

Foto sito Sassuolo Calcio.