Non ci si riposa mai; oggi pomeriggio, di domenica ventuno marzo si è giocato Triestina-Carpi, sfida valevole per la trentaduesima giornata del girone B di serie C. Partita in programma alle ore 15:00 allo Stadio “Nereo Rocco” di Trieste, impianto storico e affascinante, soprattutto in un contesto climatico come quello di oggi, primo giorno di primavera.

Mr. Pochesci dopo due ko consecutivi mette in campo la seguente formazione per provare ad invertire la rotta: si parta con Pozzi tra i pali, coperto dalla difesa a tre composta da Gozzi, Venturi e Sabotic. Segue un centrocampo folto formato da Eleuteri e Lomolino sugli esterni, supportati dal trio interno Fofana-Ghion-Bellini. Chiude il reparto offensivo il duetto De Sena-Giovannini. Subentrano in corso d’opera Ercolani, Martorelli, Marcellusi e Ferretti.

Sono le 15:00 e il direttore di gara Niccolò Turrini di Firenze fischia l’inizio delle ostilità. Gioco veloce sin dai primi minuti, al quarto colpo di testa alto sulla traversa di Mensah. Nella fase di studio è la Triestina più propositiva degli emiliani. Prima occasione vera dell’incontro Gozzi che spazza in corner un bel colpo di testa di Gomez. Il Carpi si smuove subito, con il mancato guizzo vincente da parte di Lomolino, 0-0. La Triestina gioca un bel calcio pulito ed efficace, si arriva al ventitreesimo con Pozzi e difesa che reggono gli Alabardi.

Al minuto trentesimo Ghion viene atterrato dal capitano triestino, punizione dal limite dell’area, ma nessun brivido per Offredi e difesa. Continua il monologo dei padroni di casa, il Carpi è troppo timido in fase offensiva, ma in difesa regge bene per merito dell’esperienza di Gozzi, e delle parate di Pozzi. Non succede granchè, e dopo un minuto di recupero Niccolò Turrini manda le due squadre negli spogliatoi sullo 0-0.

Si torna in campo dopo l’intervallo con il Carpi maggiormente inspirato rispetto alla prima frazione. Buon inizio ospite, ma in zona-goal l’approccio è troppo timido per sbloccare le sorti dell’incontro. Si avvicina il sessantesimo con la Triestina che si rifà avanti, troppo poco una rimessa laterale, Pozzi e difesa non rischiano nulla. Al minuto cinquantottesimo il Carpi vicinissimo al vantaggio per mezzo di Giovannini, salvataggio Alabardo. Subito dopo costretto ad uscire per infortunio Simone Gozzi, al suo posto entra Ercolani.

Al sessantaseiesimo esce per il Carpi Ghion, ed entra Martorelli. Carpigiani sicuramente più pericolosi, ma il tempo scorre velocemente, e le due porte “stregate”, non vogliono saperne mezza di vedere esultare nessuno, partita che rimane molto piacevole. Al sessantanovesimo emozione emiliana, con il goal di De Sena, annullato però per off-side dal fischietto Turrini. Un minuto dopo Gomez segna di testa, e beffa la porta di Pozzi tra le proteste emiliane, per via di un presunto fuori-gioco.

Il Carpi pare scosso, e la vivacità ritrovata a inizio ripresa va scemando, con la Triestina che vuole “guadagnare” tempo, cercando di chiudere la pratica in contropiede con il raddoppio. Girandola di cambi per la Triestina in fase turn-over visto la stanchezza post turno infrasettimanale. A dieci dalla fine assedio carpigiano con un paio di corner ravvicinati, ma l’attacco composto da De Sena e Giovannini manca di incisività, conduce la Triestina. A cinque dalla fine mr. Pochesci getta nella mischia Marcellusi e Ferretti. Il direttore di gara Niccolò Turrini concede ben cinque minuti di recuperi per via delle numerose sostituzioni, e per una partita tutto sommato piacevole, e ben giocata da ambo le squadre.

Il Carpi prova ancora l’assedio ma i cinque minuti di recupero “volano” letteralmente, vittoria importante per la Triestina, per il Carpi si mette parecchio male con la terza sconfitta consecutiva in pochi giorni, e la classifica che potrebbe diventare un problema se si continua di questo passo. Prossimo appuntamento domenica prossima in casa contro la Virtus Verona al fine di ritrovare i tre punti contro un avversario sicuramente più alla portata.

Foto Wikipedia.