Max Verstappen conquista la pole position in 1,03.841 seguito da Vallteri Bottas (Mercedes) staccato di 0,191 e Lewis Hamilton con un distacco di 0,226 il pilota inglese non è riuscito a costruire il giro perfetto come accadeva fino a poco tempo fa, segno che la Mercedes sta perdendo il vataggio accumulato nei scorsi anni. Ben figura Lando Norris (Mclaren) che ha segnato un favoloso quarto tempo, buona prestazione di Pierre Gasly (Alpha Tauri), molto bene Fernando Alonso (Alpine) che comincia a trovare il giusto feeling con la sua monoposto. Purtroppo sono apparse ancora in difficoltà le Ferrari, pertanto Charles Leclerc ha registrato un anonimo settimo tempo e, invece il compagno di squadra Carlos Sainz ha solamente segnato il docisesimo crono.

L’unica spiegazione plausibile della mancata prestazione della Rossa di Maranello, è una scelta orientata a lavorare particolarmente sul ritmo gara, sacrificando la qualifica; in modo da evitare di ripetere la deludente prestazione del Gran Premio in Francia disputato Domenica scorsa. Ma la griglia non è ancora definitiva, a causa della penalità di tre posizioni che, dovrà scontare Valtteri Bottas, per aver creato una situazione di pericolo in pit lane durante la FP2, quando il pilota filandese era finito in testacoda, mentre stava provando una partenza dalla piazzuola dei box in seconda marcia.

La gara di domani sarà molto intensa, soprattutto per la battaglia tra Verstappen e Hamilton; però ci sarà modo di osservare una grande sfida  tra Charles Leclerc, Lando Norris,Yuki Tsunoda, Fernado Alonso e Pierre Gasly, per la lotta  al terzo gradino del podio,  evidenziando infatti che, la Ferrari, Alpha Tauri e Alpine hanno avuto ottimi riscontri nella simulazione passo gara, ma, la candidata principale per il podio nel Gran Premio di Stiria rimane la Mclaren.

ARTICOLO STEFANO PENNER.