La giornata di domenica potrebbe rivelarsi decisiva per il Mondiale F1 2021. Il condizionale è d’obbligo al termine del diciannovesimo fine settimana dell’anno, l’ultimo in sudamerica dopo Mexico City. Il GP di San Paolo ha visto un nuovo atto della battaglia tra il britannico Lewis Hamilton e l’olandese Max Verstappen, protagonisti di una bellissima lotta nel cuore della gara.

Il #44 della Mercedes vince ed accorcia le distanze in classifica sul rivale che non è stato in grado, per svariati motivi, di allungare visto lo start dal fondo dello schieramento dell’avversario. La squalifica dopo le qualifiche ed il cambio del motore endotermico dopo la Sprint Race ha ‘rovinato’ il fine settimana del sette volte campione del mondo che ha saputo riprendersi e vincere al termine di una bellissima rimonta.

Il DRS e la netta superiorità della vettura tedesca hanno aiutato il britannico che ha strappato la leadership prima della frenata di curva 4 dopo aver fallito il primo duello con il rivale. Verstappen ha difeso con grinta la propria posizione, ma non è riuscito nel proprio intento finale. Hamilton ha ‘salvato’ in un certo senso il Sig. Michael Masi che magari in altre occasioni avrebbe valutato il comportamento del figlio di Jos Verstappen, in netta difficoltà contro l’avversario.

Mancano solo tre gare alla conclusione, cosa accadrà ora? Mercedes potrebbe essere favorita se confermerà la netta superiorità sui lunghi rettilinei. Jeddah dovrebbe essere infatti il tracciato cittadino più veloce al mondo, Losail ha un lungo rettilineo in cui le monoposto tedesche potrebbero fare la differenza.

 Dal GP di San Paolo apprendiamo infine una cosa. La Sprint Race è stata bella per la rimonta di Hamilton, ma cosa ricorderemo della gara di Interlagos? La risposta è da dare a fine anno perché l’episodio è ancora molto ‘fresco. Spostiamoci però a Silverstone o in quel di Monza. Vi ricordate della prima Sprint Race della storia o del contatto tra i due pretendenti del Mondiale a Copse? Della sanzione di Bottas nella gara di qualifica o del sigillo della McLaren nel tempio della velocità? Ragioniamoci per favore per non snaturalizzare una F1 che finalmente sta regalando quello che vogliamo!

Appuntamento settimana prossima in quel di Losail.