Poker roboante del Sassuolo e sontuosa prestazione del collettivo contro un timido Venezia, che rimane in piena zona retrocessione. Si è giocato oggi pomeriggio alle ore 15:00 allo stadio “Penzo” di Venezia la partita valevole per la ventottesima giornata di serie A.

In casa Venezia mr. Paolo Zanetti mette in campo il più classico dei 4-4-2, partendo da Romero tra i pali, supportato da una disastrosa difesa a quattro composta da Mateju-Svoboda-Ceccaroni-Haps. A seguire un centrocampo a quattro non molto incisivo con protagonisti nel bene, e nel male Kiyine-Vacca-Fiordilino-Aramu. Si chiude con le due punte Okereke-Henry.

Tra i neroverdi invece mr. Dionisi schiera uno straripante 4-5-1, partendo da Consigli in porta, supportato nel migliore dei modi da una difesa a quattro composta da Muldur-Ayhan-Ferrari-Kyriakopoulos. Un folto centrocampo a cinque con impeccabili protagonisti assoluti nel match Frattesi-Henrique-Berardi-Raspadori-Traorè. Chiude Scamacca unica punta. Subentrano in corso d’opera Defrel, Harroui, Ruan, Ceide, e Magnanelli.

Passiamo alla partita. Sono le 15:00 al “Penzo” di Venezia, e il direttore di gara Luca Pairetto fischia l’inizio delle ostilità, con i neroverdi che per demerito di una dormita di Svoboda vanno subito a segno in contropiede con Raspadori che tutto solo batte Romero, 0-1 Sassuolo. E’ un dominio emiliano con il trio Frattesi-Traorè-Berardi in stato di grazia, contro un inerme reparto difensivo lagunare. Il raddoppio neroverde arriva puntuale al diciassettesimo dal dischetto per mezzo di Berardi, che ritrova il goal, 0-2 e partita gia verso una storia a sé. Si arriva velocemente al venticinquesimo con un goal annullato ai padroni di casa: Fiordilino trafigge la porta di Consigli, ma per Pairetto è in fuorigioco. Passano una manciata di minuti, e Berardi si procura il dischetto per demerito di un distratto Romero, Scamacca sigla lo 0-3 ospiti, partita chiusa prima della fine del primo tempo.

Nonostante lo 0-3 Paolo Zanetti striglia i suoi, che trovano il goal della bandiera al minuto trentaquattro per merito dell’asse Okereke-Mateju, e Henry è abile a trafiggere la porta neroverde, ma il risultato pare compromesso.

Il Venezia prova a segnare a più riprese la rete del 2-3, ma il Sassuolo trova la rete al minuto quarantaquattro con uno stratosferico Traorè, ma per Pairetto è fuorigioco. Si va negli spogliatoi sul 1-3 Sassuolo.

Terminato l’intervallo Pairetto fischia l’inizio della ripresa con il Venezia che le prova veramente tutte, il Sassuolo rimane concentrato e controlla gli attacchi dei padroni di casa. Girandole di cambi tra Venezia, e Sassuolo, quando si arriva puntualmente al minuto settantesimo con il Sassuolo che ottiene un altro dischetto, siglato prontamente da Domenico Berardi, autore di una bella doppietta personale. Mr. Dionisi getta nella mischia un ritrovato Defrel al posto di uno stremato Scamacca, anche oggi autore di una splendida prestazione. Il Venezia vuole rendere il passivo meno amaro possibile, e ci prova con orgoglio un paio di volte, fino alla rete di Nsame, ma per il direttore di gara è fuorigioco.

Ancora un paio di sostituzioni in casa emiliana: fuori Muldur, e Frattesi, dentro Ruan, e Harroui.

Si arriva verso a cinque minuti dal novantesimo con un rigore concesso al Venezia, per demerito del difensore neroverde Ayhan, ma la giornata del Sassuolo è perfetta, Consigli para anche il rigore calciato da Aramu, tra le proteste di Paolo Zanetti che viene allontanato dalla panchina. Sul finale ultime due sostituzioni per mr. Dionisi che inserisce Ceide-Magnanelli al posto di Traorè-Berardi.

Al termine dei cinque di recupero Luca Pairetto fischia tre volte, una giornata perfetta per il Sassuolo, che continua il trend positivo di queste ultime tre giornate, con tre vittorie consecutive. La prossima giornata i ragazzi di mr. Dionisi giocheranno in casa della Salernitana, con obiettivo i tre punti.

Foto sito Sassuolo Calcio.