Antonio Giovinazzi dopo la FP1 a Monza con Haas, torna a salire nuovamente nella giornata di domani su una monoposto di F1, con il team Alpine a bordo della A521, sulla pista dell’Hungaroring. Sperando che questo test abbia un buon epilogo per il pilota italiano.

Nella giornata di domani Antonio Giovinazzi torna a guidare una monoposto di F1 con il team Alpine, a bordo della A521 sulla pista dell’Hungaroring sede del Gp di Ungheria. La squadra di Enstone sta compiendo questa sessione di test per affidare il sedile liberato durante l’estate da Fernando Alonso, il quale ha annunciato il suo passaggio in Aston Martin per la prossima stagione. Mercoledì sarà il turno di Nick De Vries che si è ben distinto a Monza, a bordo della Williams giungendo per la prima volta punti, cogliendo il 9° posto, sostituendo Alexander Albon ricoverato in ospedale per appendicite.

Successivamente giovedì a chiudere ci sarà Jack Doohan figlio d’arte del leggendario Mick 5 volte campione del mondo di motociclismo, il giovane pilota australiano si sta ben comportando in F2, tanto da attirare al momento, l’attenzione dei vertici della squadra di Enstone. Da tenere presente che Alpine vorrebbe piazzare Pierre Gasly, così facendo la scuderia avrebbe una coppia di piloti tutta francese, molto utile per una questione di immagine, tenendo conto che sia Ocon e Gasly sono piloti molto veloci, i quali, sicuramente daranno gioie al team anglo-francese.

In questo periodo sarà una scelta molto importante per il team principal Otmar Szafnauer e l’amministratore delegato Luce De Meo, ovviamente, la tifoseria italiana spera in un ingaggio per Antonio Giovinazzi, che come sappiamo è una pilota veloce, e meritevole per un ritorno in F1, purtroppo, la missione non è così scontata, tra i nomi elencati prima, vi è quello di Gasly, che sembrerebbe la scelta principale per Alpine, non solo perché è di nazionalità francese, in particolare per il suo palmares sportivo, molto altisonante, pertanto, sarà l’avversario principale di Giovi per un sedile in ottica 2023.

Di Stefano Penner

Foto: Twitter Haas F1 Team.