F1, Sentenza Budget cup: Red Bull condannata a una multa di 8 milioni, con una riduzione del 10% di ore in galleria del vento.

La Red Bull per aver sforato di 1,8 milioni di dollari il budget cup, ha avuto una multa di 8 milioni da pagare entro trenta giorni e una riduzione del 10 percento di ore in galleria del vento. Il paddock è ancora in fermento alcuni team principal pensano che la sanzione sia troppo blanda rispetto alla pesante violazione, a differenza di Toto Wolff che apparentemente è sembrato d’accordo con la sentenza emanata.

Negli ultime tre Gran Premi disputati (Giappone, Austin e Città del Messico) c’è stato un bel terremoto all’interno del paddock inerente alla sentenza che ha visto inputata la Red Bull, per aver sforato di 1,8 milioni di dollari il budget cup nel 2021, infatti alcuni team principal tra cui Andreas Seidl (Mclaren) e Mattia Binotto (Ferrari), Laurent Mekies (Ferrari) non sono per nulla soddisfatti della sentenza emanata, ritendendola non adeguata alla violazione, invece, Toto Wolff è pienamente soddisfatto e apparentemente calmo, considerando che è stato il primo a denunciare questo fatto.

Le dichiarazioni di Helmut Marko ” E’ pesante possiamo essere competitivi anche in futuro non potranno esserci errori nello sviluppo, la squadra è già motivata”

Mekies direttore sportivo della Ferrari commenta a Sky Sport ” Bene che la FIA abbia fatto chiarezza ammettendo illegalità. Non siamo contenti della penalità non c’è stata riduzione sul budget per il 2023, potranno migliorare la macchina.”

Andreas Seidl a Sky Sport dichiara quanto segue ” Diciamo che avevo dei sentimenti contrastanti guardandolo è chiaro che la penalità non mi pare adeguata alla violazione. Però d’ora in avanti è importante guardare avanti, perché speriamo che delle violazioni simili possano avere delle penalità più adeguate. E’ bello vedere che la revisione ha funzionato e che il lavoro che ha fatto la FIA ha confermato che ci fosse una violazione, ed è stata annunciata trasparenza, ed è stata messa in atto una penalità. Questo spero che possa servire per il futuro”. Seidl conclude con una frase molto eloquente ” Sono abbastanza stufo di ascoltare tutte le favole che racconta la Red Bull”.

La squadra anglo-austriaca dovrà pagare una multa di 8 milioni di dollari entro trenta giorni e avranno in ottica 2023, un dieci per cento in meno di ore in galleria del vento, che dovrebbe impattare sulla competitività della monoposto del prossimo anno. Questa sentenza per alcuni può essere giusta o troppo blanda, bisogna tenere conto che sforare il tetto di spesa di quasi due milioni equivale a guadagnare tre decimi sulle prestazione della macchina. Ma, verrebbe da porre un quesito, nonostante la complessità delle vetture e i team molto spesso si affidano a società esterne per la realizzazione di alcuni componenti, come fanno a rispettare budget cup di 145 milioni? Domanda da un miliardo di dollari.

In F1 queste controversie nel corso degli anni ci sono sempre state e continueranno ad esserci, però, la federazione dovrà essere chiare nella stipulazione dei regolamenti finanziari, i quali devono essere ben comprensibili e soprattutto senza fare preferenze, ma come è noto a tutti gli appassionati, quando un team vince tantissimo tende ad avere un certa influenza sulla FIA, è capitato nelle stagioni precedenti con la Mercedes e anche con la Ferrari ai tempi delle vittorie mondiali con Michael Schumacher. Ora il mondiale va verso la conclusione con le ultime due gare Brasile e Abu Dhabi,, sperando di non sentire polemiche sul caso budget cup e di vedere due gare ricche di emozioni e spettacolo.

Di Stefano Penner

Foto: Twitter Oracle Red Bull Racing

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: