Sassuolo-Inter 2-1, le parole di Dionisi e Inzaghi

Al termine di Sassuolo-Inter 1-2 (per i nerazzurri decisiva la doppietta di Dzeko, intervallata dal momentaneo pareggio di Frattesi), i due allenatori, Alessio Dionisi e Simone Inzaghi, hanno commentato la gara appena conclusasi. Di seguito le loro parole:

Alessio Dionisi, allenatore Sassuolo: “Cosa è mancato? Oggi è mancata solo un po’ di attenzione sul secondo gol dell’Inter. L’Inter non dava l’impressione di voler vincere, aspettava un episodio. La nostra volontà era quella di provare a vincere: peccato, ma ai ragazzi posso solo dire che dobbiamo continuare così. Nell’intervallo ho cercato di mantenere equilibrio: è stata una partita alla pari, dove non meritavamo la sconfitta, ma dobbiamo accettarla. Laurientè? Oggi in tanti hanno fatto una buona prestazione. Ha fatto bene, ma può fare di più. Ha doti importanti, ma anche margini di miglioramento. Obiang? Ci può dare esperienza e leadership, come sta già facendo in allenamento. Pinamonti? La sua partita mi è piaciuta”.

Simone Inzaghi, allenatore Inter: “Mkhitaryan? E’ entrato molto bene, è un giocatore molto intelligente ed è stato un innesto importantissimo che ci ha aiutato in un momento in cui stavamo giocando male tecnicamente. Siamo migliorati dopo il gol del Sassuolo. Barcellona? Penso che i giocatori disponibili saranno questi. Correa, Lukaku e Brozovic saranno probabilmente ancora fuori. Oggi abbiamo avuto una grandissima voglia di vincere, ma c’è stata sofferenza perchè contro il Barcellona abbiamo speso tanto sia mentalmente che fisicamente. Lavoriamo per vincere, sappiamo di avere del terreno da recuperare, causato anche da qualche assenza. Già dopo la gara con la Roma avevo detto di essere abbastanza sereno, c’erano dei segnali positivi, avevo rivisto la squadra che cercavo. Portiere? Hnadanovic è un valore aggiunto, ha fatto la storia dell’Inter. Onana in due mesi ha dimostrato di potersi giocare il posto attraverso gli allenamenti e le partite di Champions. Valuterò di volta in volta chi giocherà”.

Sassuolo-Inter 1-2, le pagelle dei neroverdi

Sassuolo (4-3-3) 6: Consigli 6; Toljan 6, Erlic 5 (81′ Ayhan s.v.), Ferrari 5 (89′ Tressoldi s.v.), Rogerio 6; Frattesi 6,5 (81′ Alvarez s.v.), Lopez 6, Thorstvedt 5,5 (71′ Harroui 5); Ceide 6 (71′ Antiste 5,5), Pinamonti 5,5, Laurientè 6. Allenatore: Dionisi 5,5.

Foto: sassuolocalcio.it

Una doppietta di Dzeko stende il Sassuolo al Mapei Stadium: l’Inter passa 2-1

Un’Inter cinica e concreta si rialza dopo due ko consecutivi in campionato superando 2-1 al Mapei Stadium il Sassuolo, reduce dalle vittorie contro Torino e Salernitana. A decidere un match dove comunque i neroverdi non sfigurano, rimanendo in gara per tutta la partita, è una doppietta di Dzeko, intervallata dalla rete del Sassuolo, firmata da Frattesi.

Per il match casalingo contro un’Inter rinvigorita dalla vittoria infrasettimanale contro il Barcellona, Dionisi conferma in blocco il 4-3-3 capace di battere con un netto 5-0 la Salernitana la scorsa settimana: ancora spazio, in avanti, al tridente formato dagli esterni Ceide e Laurientè e dall’unica punta Pinamonti, mentre a centrocampo Thorstvedt e Frattesi agiscono da mezzali e Lopez funge da regista. L’Inter risponde con il consueto 3-5-2, in cui in attacco giocano Dzeko e Lautaro e indifesa c’è spazio per l’ex neroverde Acerbi. Sorpesa tra i pali, dove debutta in campionato Onana al posto di Handanovic. La prima occasione è neroverde: al 4′, Frattesi calcia in porta, trovando la respinta del portiere camerunense, poi la palla arriva sui piedi di Laurientè, che calcia al volo colpendo in pieno volto Barella. Dopo il brivido iniziale, si fa vedere l’Inter: al 10′. Bastoni, dopo un’ottima azione personale, serve Lautaro, ma la sua conclusione è ribattuta da Ferrari. Quattro minuti più tardi, colossale occasione per i nerazzurri: Dumfries dalla destra crossa per Lautaro che manda a lato in spaccata a tu per tu con Consigli. Il Sassuolo torna a rendersi pericoloso con Frattesi e Ceide, ma sul finire del primo tempo è l’Inter a trovare il vantaggio: su corner di Calhanoglu, Dumfries spizza di testa e Dzeko infila in rete, superando Consigli. I nerazzurri chiudono sull’1-0 i primi 45 minuti di gioco.

In avvio di ripresa, l’Inter abbassa troppo i ritmi e il Sassuolo prende coraggio e si rende pericoloso: al 56′, Ferrari manda alto di testa su cross di Laurientè. E’ il preludio al pareggio dei padroni di casa: quattro minuti più tardi, Frattesi si inserisce perfettamente su un cross dalla sinistra di Rogerio e firma l’1-1. Dopo il pareggio, Dionisi inserisce Antiste e Harroui per Ceide e Thorstvedt, ma l’Inter riesce a riprendere il controllo del match, ricominciando a macinare gioco. Al 74′, solo un miracolo di Consigli salva il Sassuolo su un colpo di testa di Lautaro su cross di Dumfries, ma il gol nerazzurro arriva sugli sviluppi del corner successivo: Mkhitaryan crossa da sinistra per Dzeko, che sfrutta un buco nella difesa neroverde per firmare la doppietta personale e portare di nuovo in vantaggio l’Inter. Nel finale, Dionisi si gioca il tutto per tutto, inserendo anche Alvarez e Ayhan per Frattesi ed Erlic, ma è l’Inter a sfiorare il 3-1 con Lautaro. La gara termina così sul punteggio di 2-1 e il Sassuolo vede finire la propria serie di due successi consecutivi, rimanendo fermo a quota 12 punti in classifica.

Il tabellino:

Sassuolo-Inter 1-2

Reti: 44′, 75′ Dzeko (I), 60′ Frattesi (S).

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Toljan, Erlic (81′ Ayhan), Ferrari (89′ Tressoldi), Rogerio; Frattesi (81′ Alvarez), Lopez, Thorstvedt (71′ Harroui); Ceide (71′ Antiste), Pinamonti, Laurientè. A disposizione: Pegolo, Russo, Marchizza, Henrique, Obiang, D’Andrea, Kyriakopoulos. Allenatore: Alessio Dionisi.

Inter (3-5-2): Onana; D’Ambrosio (58′ Skriniar), Acerbi, Bastoni; Dumfries, Calhanoglu, Asllani (46′ Mkhitaryan), Barella (84′ Gagliardini), Dimarco (67′ Darmian); Lautaro, Dzeko. A disposizione: Handanovic, Botis, De Vrij, Gosens, Bellanova, Curatolo, Carboni, Stankovic. Allenatore: Simone Inzaghi.

Arbitro: Sig. Sozza di Seregno. Assistenti: Sig. Valeriani – Sig. Dei Giudici. Quarto ufficiale: Sig. Colombo. VAR: Sig. Guida – Sig. Maggioni.

Note: Ammoniti: Asllani (I), Ferrari (S), D’Ambrosio (I), Harroui (S), Tressoldi (S).

Simone Guandalini

Sassuolo-Inter 0-3, le pagelle dei neroverdi

Sassuolo (4-2-3-1) 5,5

Consigli 5,5: corresponsabile, insieme a Chiriches, sul primo gol dell’Inter, quando esce a vuoto su Lautaro, anche a causa di una caduta. Incolpevole sugli altri due gol.

Toljan 5,5: fatica in fase di spinta e non riesce a contenere Perisic (59′ Muldur 6: meglio del compagno, ma anche lui va in difficoltà sugli spunti del croato).

Chiriches 5: gara da dimenticare. Sbaglia in impostazione sul gol dell’1-0; sfortunato nell’azione del 2-0, quando devia in porta il traversone di Vidal. Esce per infortunio al 42′ .(42′ Marlon 6: più attento rispetto a Chiriches, ma quando entra il risultato è quasi irrecuperabile).

Ferrari 6: il migliore della retroguardia neroverde, anche se pure lui soffre la buona gara degli attaccanti nerazzurri.

Rogerio 5,5: prova a farsi vedere in avanti, ma dietro Darmian lo mette spesso in difficoltà, come in occasione del gol del 3-0.

Lopez 5,5: spesso avulso dal gioco. Soffre il fatto che il Sassuolo non riesca a comandare il gioco come di consueto. (76′ Traorè s.v.)

Locatelli 6: il migliore tra i centrocampisti di De Zerbi, anche se la squadra non gira come al solito.

Berardi 5,5: prova a farsi vedere sulla corsia di destra, ma non è vivace come al solito.

Djuricic 5,5: colpisce un palo sul punteggio di 2-0 nella prima frazione di gioco, che avrebbe potuto riaprire il match. Per il resto, si vede poco. (59′ Obiang 5,5: un minuto dopo il suo ingresso, l’Inter chiude il match con la rete del 3-0).

Boga 6: prova con qualche guizzo a mettere in difficoltà la retroguardia dell’Inter, ma trova un Darmian in forma smagliante che lo marca stretto.

Raspadori 5,5: oscurato da una difesa dell’Inter tornata sui suoi livelli (76′ Schiappacasse s.v.)

Allenatore: De Zerbi 5,5: il suo Sassuolo va subito sotto di due gol e non riesce a reagire nemmeno con i cambi della ripresa.

Simone Guandalini

Foto: sassuolocalcio.it

Sassuolo sconfitto e agganciato al secondo posto dall’Inter (0-3)

Nel giorno in cui la Serie A ricorda Diego Armando Maradona, scomparso mercoledì scorso, al Mapei Stadium il Sassuolo viene sconfitto nettamente e agganciato al secondo posto in classifica (a quota 18 punti) dall’Inter (0-3). Per ricordare il Pibe de Oro, le due squadre giocano con il lutto al braccio dopo l’iniziale minuto di raccoglimento. Inoltre, al minuto 10, il numero di Maradona, l’arbitro Irrati sospende momentaneamente il gioco.

Tra la leggera nebbia di Reggio Emilia, il primo tempo è di marca nerazzurra. L’inizio è shock per il Sassuolo, schierato da De Zerbi con un 4-2-3-1 in cui Raspadori sostituisce l’indisponibile Caputo in avanti. Nel giro di un quarto d’ora, gli uomini di De Zerbi sono già sotto di due gol. Al 4′, segna Sanchez, preferito da Conte a Lukaku per affiancare Lautaro. Chiriches sbaglia in impostazione, Sanchez serve Lautaro che supera Consigli in uscita e rimette in mezzo per il cileno che segna il più facile dei gol a porta praticamente vuota. Al 14′, lo stesso Chirches è vittima di un episodio sfortunato: Vidal rimette in mezzo su azione da calcio d’angolo e il difensore rumeno devia involontariamente nella propria porta. Il Sassuolo si risveglia al 20′, quando Djuricic con un destro a giro dal limite dell’area centra il palo alla sinistra di Handanovic. Al 38′, ci prova Toljan, poi, quattro minuti più tardi, termina la complicata gara di Chiriches, che viene sostituito da Marlon per un problema muscolare.

In avvio di ripresa, il Sassuolo sembra più convinto in fase offensiva. Dopo due sostituzioni di De Zerbi, che inserisce Obiang e Muldur per Djuricic e Toljan, arriva però il 3-0 dell’Inter, che chiude la partita al 60′ con Gagliardini, ben servito da Darmian. Dopo la rete del numero cinque nerazzurro, il Sassuolo accusa il colpo e non riesce a farsi vedere in avanti, nonostante i cambi di De Zerbi, che toglie Lopez e Raspadori, inserendo Schiappacasse e Traorè al 76′. L’unica occasione per i neroverdi arriva nel recupero, quando Traorè prova la conclusione, ma non trova la porta. Il Sassuolo cade, così, per la prima volta in stagione e si vede raggiungere proprio dall’Inter a quota 18 punti al secondo posto in classifica.

Il tabellino:

Sassuolo-Inter 03

Reti: 4′ Sanchez, 14′ aut. Chiriches, 60′ Gagliardini.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Toljan (59′ Muldur), Chiriches (42′ Marlon), Ferrari, Rogerio; Locatelli, Lopez (76′ Traorè); Berardi, Djuricic (59′ Obiang), Boga; Raspadori (76′ Schiappacasse). A disposizione: Ayhan, Bourabia, Kyriakopoulos, Magnanelli, Oddei, Pegolo, Peluso. Allenatore: Roberto De Zerbi.

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Darmian (92′ Hakimi), Vidal, Barella (85′ Sensi), Gagliardini, Perisic (85′ Eriksen); Sanchez (79′ Young), Lautaro (79′ Lukaku). A disposizione: D’Ambrosio, Radu, Ranocchia, Stankovic. Allenatore: Antonio Conte.

Arbitro: Sig. Irrati di Pistoia. Assistenti: Sig. Fiorito-Sig. Baccini. Quarto ufficiale: Sig. Ghersini. VAR: Sig. Chiffi-Sig. Valeriani.

Note: Ammoniti: Locatelli (S), Rogerio (S), Lopez (S), Perisic (I).

Simone Guandalini

Foto: sassuolocalcio.it

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑