Sassuolo (3-4-3) 7

Consigli 6: parte male con un errore in appoggio che consegna a Osimhen un’occasione importantissima, poi si riscatta con alcune parate decisive.

Ayhan 6,5: molto sicuro in fase difensiva, si adatta bene anche all’inedita difesa a tre.

Chiriches 6: poche sbavature in fase difensiva, lucido in fase di costruzione. (87′ Marlon s.v.).

Ferrari 6: è una delle certezze della squadra di De Zerbi. Prova a rendersi pericoloso sui calci piazzati.

Muldur 6: un po’ in difficoltà nel trovare la giusta posizione nel ruolo di esterno del centrocampo a quattro voluto da De Zerbi. (80′ Kyriakopoulos s.v.).

Locatelli 7,5: il migliore tra i neroverdi. Sempre preciso in fase di impostazione, lotta a centrocampo e ha il merito di trasformare il rigore dell’1-0.

Lopez 6,5: una partita di qualità e sostanza a centrocampo impreziosita dalla rete del 2-0 nel finale.

Rogerio 6,5: si adatta alla perfezione al nuovo modulo con la difesa a tre. Può spingere più del solito e lo fa con continuità, mettendo in difficoltà Di Lorenzo.

Traore 6: si vede poco in fase offensiva, ma lotta e fa un importante lavoro sporco a centrocampo (68′ Defrel 6: entra quando il Napoli prova a spingere maggiormente alla ricerca del pareggio. Si vede poco.)

Raspadori 6,5: prova a sostituire bomber Caputo con una partita di grande impegno. Ha il merito di procurarsi il rigore dell’1-0, subendo fallo da Di Lorenzo (87′ Bourabia s.v.)

Boga 6,5: bel rientro dal primo minuto. Tanta corsa, sempre pericoloso con le sue accelerazioni e la sua tecnica nello stretto. (80′ Obiang s.v.).

Allenatore: De Zerbi 7: si inventa un 3-4-3, che, anche senza Berardi, Djuricic e Caputo, permette al suo Sassuolo di espugnare il San Paolo, vincendo 2-0. Sembra aver creato una macchina perfetta, in cui i sostituti sono all’altezza dei titolari.

Simone Guandalini

Foto: sassuolocalcio.it