Con una rovesciata di Berardi, il Sassuolo supera la Sampdoria (1-0)

Al Mapei Stadium, il Sassuolo supera per 1-0 la Sampdoria grazie alla rete in rovesciata di Berardi al 69′. I neroverdi si portano, così, a quota 52 punti in classifica, a soli tre punti di distanza dalla Roma, settima, in vista della gara della settimana prossima, ancora in casa, contro l’Atalanta.

Per la gara contro la Sampdoria, al Mapei Stadium, De Zerbi sorprende con un cambio modulo: nel 3-4-3 iniziale, in avanti il tridente è composto da Berardi, Defrel e Traore. Sulle fasce giocano Toljan e Kyriakopoulos, mentre in mezzo Lopez affianca Locatelli. La difesa, invece, è composta da Chiriches, Marlon e Ferrari, con il brasiliano che in fase difensiva si alza sulla linea dei centrocampisti e in quella offensiva opera da regista, trasformando il modulo in un 4-3-3. In avvio di gara, è il Sassuolo a partire meglio: già al 3′, Berardi calcia al volo da fuori area su azione da corner, ma Audere risponde presente. All’11’, arriva la risposta della Sampdoria: su un tiro di Keita che sarebbe finito a lato si avventa sul secondo palo Jankto, che colpisce il legno alla destra di Consigli. Dopo il primo quarto d’ora, i ritmi scendono e le occasioni da gol latitano: l’unica altra emozione del primo tempo è una rete annullata a Traore, che, partito in posizione di leggero fuorigioco sul lancio di Locatelli, aveva insaccato alle spalle di Audero.

In avvio di ripresa, De Zerbi torna sui propri passi, inserisce Boga al posto di Marlon e ripropone il consueto 4-2-3-1. Il cambio di modulo dà i suoi frutti: nel secondo tempo è tutto un latro Sassuolo, decisamente più pericoloso in avanti, anche grazie alle serpentine sulla sinistra del neoentrato Boga. Al 57′, su azione da calcio d’angolo, Chiriches si rende pericoloso con una girata bloccata da Audero. Al 61′, slalom di Boga, che salta tre avversari, ma calcia debolmente, trovando la risposta dell’estremo difensore ospite. Al 62′, De Zerbi cambia i terzini: dentro Rogerio e Muldur per Kyriakopoulos e Toljan. Al 69′, viene premiata la maggiore pressione dei neroverdi: Locatelli crossa dalla sinistra e Berardi inizialmente fallisce il controllo di testa, ma poi sulla respinta della difesa blucerchiata trova il gol dell’1-0 con una spettacolare rovesciata da pochi passi. Dopo il vantaggio, il Sassuolo gestisce il match, provando a rallentare un po’ i ritmi anche grazie all’inserimento di Obiang al posto di Defrel al 77′ e di Magnanelli al posto di Berardi all’85’. La gara scorre, così, verso il 90′ senza particolari sussulti, anche perchè la Sampdoria, nonostante i cambi di Ranieri, non riesce mai ad impensierire la retroguardia neroverde. La gara termina, così, sul punteggio di 1-0 e il Sassuolo sale a quota 52 punti, a sole tre lunghezze di distanza dalla Roma settima.

Il tabellino:

Sassuolo-Sampdoria 1-0

Reti: 69′ Berardi.

Sassuolo (3-4-3): Consigli; Chiriches, Marlon (46′ Boga), G. Ferrari; Toljan (62′ Muldur), Lopez, Locatelli, Kyriakopoulos (62′ Rogerio); Berardi (85′ Magnanelli), Defrel (77′ Obiang), Traore. A disposizione: Pegolo, Ayhan, Peluso, Karamoko, Samele, Oddei, Bourabia. Allenatore: Roberto De Zerbi.

Sampdoria (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Candreva, Damsgaard (80′ Askildsen), Thorsby, Jankto (79′ Leris); Keita, Gabbiadini (63′ La Gumina). A disposizione: Ravaglia, Letica, Rocha, Adrien Silva, Ekdal, Verre, Regini, Tonelli, A. Ferrari. Allenatore: Claudio Ranieri.

Arbitro: Sig. Gariglio di Pinerolo. Assistenti: Sig. Giallatini-Sig. Vono. Quarto ufficiale: Sig. Marini. VAR: Sig. Di Paolo-Sig. Costanzo.

Simone Guandalini