In una Domenica fredda di fine autunno, con la F1 a motori spenti, è morto Frank Williams all’età 79 anni. Un personaggio straordinario, un vero appassionato di corse che dopo una breve carriera da pilota, ha iniziato quel straordinario percorso che lo ha portato a diventare un team manager di grandissimo livello, fondando la William Grand Prix Engineering nel 1977 vincendo ben nove titoli costruttori. Era una persona dotata di tanta determinazione e passione caratteristiche fondamentali nel suo successo in F1; tali caratteristiche per il manager britannico sono state importantissime anche quando fu vittima nel 1986 di un’incidente stradale perdendo l’uso delle gambe, costretto successivamente a vivere per tutta la vita su una sedie a rotelle. Con la scomparsa di Sir Frank se va un pezzo di storia di questo sport, sarebbe bella cosa che, l’intero circus gli dedicasse qualche curva o un autodromo in suo onore.

Stefano Domenicali Ceo della F1 commenta “E’ stato un vero gigante del nostro sport, ha superato le sfide più difficili della sua vita e ha lottato ogni giorno per vincere la sua battaglia dentro e fuori . Abbiamo perso un membro molto amato e rispettato della famiglia F1 e ci mancherà tantissimo. Domenicali conclude ” Il mio pensiero va alla famiglia Williams e ai loro amici in questo momento triste.”

di Stefano Penner

Foto: Wikipedia.