Il Sassuolo sfiora i supplementari nella tana della Juventus, ma alla fine, in semifinale di Coppa Italia, contro la Fiorentina, ci vanno i bianconeri. Alla fine la formazione di Dionisi si deve arrendere allo strapotere di Vlahovic e alla forza offensiva dei bianconeri. Rimane un grande primo tempo per i neroverdi e un pizzico di rammarico per aver sfiorato l’impresa.

Sassuolo (4-2-3-1):
Pegolo 7.5;
Tressoldi 5.5,
Ayhan 6 (45′ Muldur 5),
Ferrari 6.5,
Kyriakopoulos 6.5;
Harroui 5 (74′ Frattesi 6),
Lopez 6 (90′ Ceide sv);
Berardi 6.5 (59′ Defrel 6),
Raspadori 6.5,
Traore 7 (59′ Henrique 6);
Scamacca 6.
All. Dionisi 6.5
A disposizione: Satalino, Consigli, Magnanelli, Rogerio, Ciervo, Peluso, Chiriches.

Le parole di Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, nella conferenza stampa post-partita:

VITTORIA«I ragazzi sono riusciti a portare a casa questa partita nella non-occasione, perché Vlahovic se l’è costruita da solo. Ma abbiamo avuto tante occasioni prima che non siamo riusciti a concretizzare. Il Sassuolo è una squadra che sa mettere in difficoltà qualsiasi formazione e nel primo tempo è riuscito a farlo con noi. Nel secondo tempo siamo andati decisamente meglio».

DYBALA«Oltre al gol, si è sacrificato e ha dato una grossa mano. È un giocatore che più gioca e meglio sta».

FORMAZIONE«Ci siamo adattati alle varie esigenze. Ci sono dei momenti in cui tocca far rifiatare uno piuttosto che un altro. Stasera ad esempio mancavano Berardeschi e Kean».

Le dichiarazioni di Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, nella conferenza stampa post-partita:

RISULTATO FINALE«Un po’ di rammarico per il risultato finale, il risultato più giusto sarebbe stato il pareggio e di conseguenza andare ai supplementari. Credo davvero che ci siamo divisi equamente la gara, un tempo a testa».

SPINTA PER LE PROSSIME GARE«Venivamo da una sconfitta in campionato. Ci tenevamo a fare bene. Stasera volevamo trovare energie positive per avere una spinta per la partita con la Roma e le prossime. Abbiamo interpretato bene la gara, siamo andati forte in avanti nel primo tempo con una buona aggressività, di meno nel secondo, ma sicuramente anche per merito della Juve. A volte siamo stati troppo individualisti e possiamo migliorare sotto questo aspetto. Dobbiamo proseguire nel nostro percorso che non è semplice, perché questo anno abbiamo cambiato molto. Dobbiamo cercare di dare continuità alle prestazioni».

TRAORE«La sua prestazione è stata molto positiva, non era facile tornare così dopo la Coppa d’Africa. Ciò su cui deve migliorare, è quello che ha fatto una volta uscito dal campo. Quel gesto plateale una volta sostituito non va bene, perché ha il talento e può migliorare sotto questo aspetto. L’ho tolto solo perché tra 2 giorni rigiocherà con la Roma, in campionato. Anche Berardi è stato sostituito, ma non si è lamentato».

OBIETTIVO«Il nostro obiettivo è continuare a crescere. Muovere la classifica e crescere».

Scritto da Alberto Scomparin, inviato all’Allianz Stadium