Successo all’ultimo respiro per il Sassuolo nel match casalingo contro la Fiorentina: al vantaggio neroverde firmato Traorè al 19′, risponde all’88’ Cabral, quando i viola erano in inferiorità numerica per l’espulsione di Bonaventura. Al 94′, però, Defrel firma la rete del definitivo 2-1, che porta il Sassuolo a quota 36 punti in classifica, in vista della trasferta di Venezia.

Per dar seguito all’importante vittoria ottenuta la scorsa settimana, a San Siro, contro l’Inter, Dionisi schiera il suo Sassuolo con il consueto 4-2-3-1, in cui Berardi, Raspadori e Traorè sostengono l’unica punta Scamacca. In mezzo al campo, confermata la coppia titolare Lopez-Frattesi, mentre dietro Muldur e Kyriakopoulos agiscono ai lati di Ferrari e Chiriches a protezione di Consigli. La Fiorentina risponde con un 4-3-3, in cui il tridente è compost dagli esterni Ikonè e Sottil e da Piatek.

Al Mapei Stadium, i ritmi sono alti fin dai primi minuti del primo tempo, anche se per le prime vere occasioni da gol, ad esclusione di un tiro di Frattesi deviato in angolo al 2′, occorre attendere il quarto d’ora: al 16′, infatti, ci prova Scamacca dalla distanza, ma la sua conclusione termina alta. Un minuto più tardi, arriva la risposta della Fiorentina: Castrovilli, dal limite, manda fuori di poco. Al 19′, il Sassuolo sblocca il match: Traorè, lanciato in contropiede sulla corsia di sinistra, vince fortunosamente un rimpallo con Odriozola e si presenta da solo davanti a Dragowski, che supera con un preciso tiro a giro sul secondo palo. Al 23′, i neroverdi vanno vicini al raddoppio: su cross di Kyriakopoulos, Scamacca, solo in area, colpisce centralmente di testa, gettando alle ortiche un’ottima occasione. Dopo un colpo di testa di Piatek, finito di poco alto su punizione di Biraghi alla mezz’ora, è ancora Traorè ad andare vicino alla rete della personale doppietta per il Sassuolo: su cross di Lopez dalla destra, infatti, il suo colpo di testa centra la traversa, a Dragowski battuto. La Fiorentina, spinta dal tifo incessante dei propri tifosi, giunti in massa a Reggio Emilia, sfiora per due volte il gol del pari negli ultimi cinque minuti della prima frazione di gioco: in entrambi i casi, prima al 40′ e poi al 44′ è Ikonè a sprecare due ottime occasioni, trovando la pronta respinta di Consigli in entrambe le circostanze.

La ripresa si gioca a ritmi decisamente più bassi rispetto ai primi 45 minuti: al 51′, ottima occasione per Piatek, che, servito in profondità da Ikonè, salta Consigli, ma si allunga troppo il pallone, che termina, così, sul fondo. La Fiorentina continua a spingere: al 66′, ci prova anche il neoentrato Bonaventura, che manda alto su cross dalla destra. Dionisi prova a dare la scossa ai suoi, inserendo prima Henrique per un ottimo Traorè e poi Defrel per Scamacca, ma, tra i due cambi è ancora la Fiorentina a rendersi pericolosa, prima con Castrovilli, che manda a lato di testa, e poi con una punizione di Biraghi deviata in corner da Consigli. Al 79′, la Fiorentina rimane in dieci per l’espulsione di Bonaventura, entrato solo un quarto d’ora prima, che prima rimedia un giallo per un fallo a centrocampo e, poi, si vede sventolare il rosso per proteste. Per il Sassuolo, in superiorità numerica, sembra fatta, ma all’88’ arriva la doccia gelata: su cross di Saponara, il neoacquisto Cabral si avventa in spaccata sul secondo palo e batte Consigli, trovando la rete dell’1-1. Non è finita: il Sassuolo non si arrende e, in pieno recupero, al 94′, trova il gol del 2-1 con Defrel, bravo d insaccare di testa su cross di Berardi.

Il tabellino:

Sassuolo-Fiorentina 2-1

Reti: 19′ Traorè (S), 88′ Cabral (F), 94′ Defrel (S).

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Muldur, Chiriches, Ferrari, Kyriakopoulos; Frattesi, Lopez; Berardi, Raspadori, Traorè (68′ Henrique); Scamacca (78′ Defrel). A disposizione: Satalino, Pegolo, Magnanelli, Ayhan, Oddei, Ciervo, Peluso, Ceide, Ruan. Allenatore: Alessio Dionisi.

Fiorentina (4-3-3): Dragowski; Odriozola, Martinez Quarta, Igor, Biraghi; Castrovilli, Amrabat (77′ Gonzalez), Maleh (62′ Bonaventura); Ikonè (83′ Torreira), Piatek (62′ Cabral), Sottil (62′ Saponara). A disposizione: Terracciano, Rosati, Callejon, Terzic, Frison, Venuti, Duncan. Allenatore: Vincenzo Italiano.

Arbitro: Sig. Prontera di Bologna. Assistenti: Sig. Bresmes – Sig. Bottegoni. Quarto ufficiale: Sig. Miele. VAR: Sig. Aureliano – Sig. Zufferli.

Note: Ammoniti: Lopez (S). Espulso al 79′ Bonaventura (F).

Simone Guandalini