Gara cinque, il pass verso la finale tra Modena-Perugia verrà assegnato a gara cinque, o meglio come si dice in gergo “la bella”. La semifinale fino qui è stato uno spot per la pallavolo, con Modena-Perugia capaci di grandi cose, e rimonte ma la vittoria fino adesso è arrivata solamente lontano dalle mura amiche, e Perugia ha la possibilità di spezzare l’incantesimo chiudendo la pratica.

Gara quattro si è giocata ieri pomeriggio alle ore 18:00 in un “Pala Panini” sold-out, con Modena che riabbraccia Yoandy Leal di ritorno dalla squalifica ridotta da quattro, a due giornate.

Coach Andrea Giani mette in campo questa formazione, partendo con il palleggiatore carioca Bruno in regia, supportato dalla classe infinita dello schiacciatore olandese Nimir Aziz. Si prosegue con il rientro dalla squalifica di Yoandy Leal, affiancato da Earvin Ngapeth. Nel ruolo di centrali l’esperto Stankovic, insieme a Sanguinetti, chiude Rossini libero. Subentrano in corso d’opera Van Garderen, Mazzone, Sala, Gollini.

Tra le fila ospiti coach Nikola Grbic risponde al tecnico modenese con la formazione tipo. In regia Simone Giannelli, supportato dal talento del lussemburghese Rychlicki. In fase offensiva la coppia stellare Leon-Anderson. Poi nel ruolo di centrali il confermatissimo duetto Solè-Ricci. Chiude nel ruolo di libero Colaci.

Passiamo ora alla partita con Modena che parte molto bene per mezzo degli attacchi di Nimir Aziz, e di Ngapeth, ma Perugia non è da meno con Ricci-Rychlicki supportati da un prezioso Simone Giannelli a servizio, e gli umbri conducono 9-10 con un punto dell’ex Matthew Anderson. Il set scorre via molto equilibrato, sul finale Modena alza l’asticella a servizio per merito di un triplo ace di Sala, ed è 21-14 nel delirio del Pala Panini. L’ultimo punto del set arriva per demerito di un errore di Rychlicki, e Modena se lo aggiudica 25-21, 1-0.

Coach Nikola Grbic non ci sta, e striglia i suoi ragazzi abili a rimettersi in carreggiata. A inizio set Modena impone il proprio gioco con Aziz-Ngapeth, ma Perugia conduce 7-11 per merito di Rychlicki-Ricci, con il secondo dei due attento a muro. La partita rimane di alto livello, ma Perugia nel secondo set sembra avere qualcosa in più rispetto a Bruno, e compagni conducendo in diverse fasi sul 10-14, 12-17, e 13-22. L’ultimo punto del set parla lussemburghese, con Rychlicki micidiale a muro 17-25, e 1-1.

Gli ospiti sono rivitalizzati, e anche nel terzo set dell’incontro impongono il loro gioco ai danni della formazione gialloblu. Per Modena in palla Aziz-Leal-Ngapeth, ma Perugia controlla gli emiliani per mezzo di un attacco al centro vincente di Ricci, ed è 5-9 Perugia. Gli ospiti prendono fiducia con gli attacchi vincenti di Rychlicki-Leon, con il secondo indomabile a servizio 9-17 Perugia, e set in ghiaccio. Nel finale di set Modena rosicchia qualche punto con lo schiacciatore olandese Van Garderen, ma l’ex di turno Anderson chiude il set sul 16-25 Perugia.

Tutt’altro che finita, Modena come spesso è accaduto in questa stagione si gioca un altra ed ennesima maratona. Nel quarto set l’attacco gialloblu parla olandese con Aziz-Van Garderen abili in fase offensiva, con il secondo dei due puntuale a firmare il punto del 8-5 Modena, che ha fretta di guadagnarsi il tie-break tra l’euforia del “Pala Panini”. Per Perugia non bastano le iniziative di Leon-Rychlicki, Modena con Van Garderen mette in cascina le redini del set con un 17-12 a favore. Sul finale tra i gialloblu protagonisti in positivo Aziz-Mazzone, e Modena vince il set per demerito di un errore a servizio ospite 25-19, e tie-break, per un’incredibile partita giocata sin qui dai dodici in campo.

Eccoci al tie-break con Leon che parte alla grande in attacco, e a muro 0-2 Perugia. Protagonista assoluto nella prima fase del tie-break Van Garderen, ma gli umbri conducono 2-4. Scorrono i punti, e sale la tensione: per Modena propositivi come al solito Aziz-Ngapeth, ma un errore a servizio di Sala permette a Perugia di rimanere avanti sul 9-10. Nel finale Leon è straordinario autore di un doppio ace, il set lo decideranno in negativo Bruno, ed Ngapeth, Perugia se lo aggiudica sul 12-15.

Con la vittoria di ieri dei ragazzi di Nikola Grbic la serie va a gara cinque, con le due squadre capaci di vincere sin ora solamente in trasferta, Modena vuole continuare la “tradizione”, mentre Perugia vuole sfatare il tabù al Pala Barton. Gara cinque si giocherà mercoledì venti sette Aprile a Perugia, e chi vince si aggiudicherà il pass verso la Finale scudetto contro una tra Trento-Civitanova, anche loro a gara cinque.

Foto add. stampa Modena Volley.