La Ferrari vuole riscattarsi dopo il terribile errore di strategia commesso a Monaco, che ha privato Charles Leclerc di una vittoria certa. I tecnici del Cavallino stanno preparando al meglio la gara di Baku, grazie al nuovo sistema ibrido MGU-H e turbina, la scuderia di Maranello potrebbe dare del filo da torcere alla Red Bull.

La scuderia del Cavallino dimenticarsi della delusione raccolta nel Principato, cercando di conquistare una vittoria nella pista di Baku, importante sotto il profilo psicologico e anche sotto quello sportivo, attualmente, la Red Bull è leader del mondiale costruttori e Max Verstappen di quello piloti. La F1-75 guidata dalla coppia Leclerc- Sainz monterà la power unit n 2, precedentemente utilizzata nel Gp di Miami, inoltre, i tecnici ferraristi faranno debuttare una versione nuova del sistema ibrido MGU-H e della turbina , gli stessi elementi che in Spagna per guasti tecniche hanno causato il ritiro del monegasco. La pista cittadina di Baku di differenzia tantissimo da Monaco, caratterizzata da curvoni veloci e da un lungo rettifilo di ben 2,2 km dove si raggiungono velocità in prossimità dei 340 km/h, quindi, è importantissimo il ruolo della power unit.

La Ferrari per tornare a vincere, deve avere una monoposto efficiente e affidabile, ma, soprattutto, ha bisogno di ritrovare la lucidità nelle decisioni inerenti alle strategie, inoltre, fare chiarezza sulle gerarchie tra i piloti, considerando che Charles è in lotta per il titolo, pertanto, il monegasco deve essere ufficialmente “eletto” prima guida, quindi, buona parte dell’attenzione dovrà essere focalizzata su di lui, mentre lo spagnolo dovrà accontentarsi di essere il suo scudiero perlomeno in questa stagione, senza prima e seconda guida le gare si possono vincere, ma i mondiali vengono lasciati per strada.

Di Stefano Penner

Photo: Twitter Scuderia Ferrari.