Falcinelli – Bonfanti, un ottimo Modena stende il Parma a domicilio

Un Modena coraggioso sbanca Parma e conquista tre punti d’oro. Al “Tardini”, i Gialli di Tesser superano per 1-2 i padroni di casa in un derby molto vivace: a decidere sono i gol di Bonfanti e Falcinelli, con Vazquez che accorcia nel finale e regala anche qualche brivido agli ospiti.

Mister Tesser, privo di Cittadini e Diaw (defezione dell’ultimo momento per influenza), schiera i suoi con un 4-3-2-1 in cui Gagno difende i pali, con Coppolaro, Silvestri, Pergreffi e Renzetti a comporre il pacchetto arretrato; in mediana, Gerli è affiancato da Armellino e Magnino, mentre Tremolada e Falcinelli giocano alle spalle dell’unica punta Bonfanti. Pronti, via ed il Parma sfiora il vantaggio, con Man che prova una conclusione dal limite, mandando la sfera ad un passo dal palo. Il Modena soffre ma si vede all’11’, quando Bonfanti stacca di testa su traversone dalla sinistra, senza inquadrare lo specchio. Minuto 18, gli ospiti passano: calcio di punizione dalla sinistra, Tremolada mette un pallone perfetto al centro, Falcinelli devia di testa e manda alle spalle di Corvi, che non può nulla. I ducali accusano il colpo ed al 25′ i Gialli ne approfittano per raddoppiare, con Renzetti che va via a due uomini, serve Tremolada, che ha spazio per servire Bonfanti, la cui conclusione volante buca le mani di Corvi, facendo esplodere il settore ospiti. Nel finale di frazione, i padroni di casa hanno l’opportunità più nitida fino a quel momento: cross di Man dalla sinistra, Inglese devia di testa e manda la sfera a pochi centimetri dal palo. Dopo 1′ di recupero, si va a riposo sullo 0-2.

In avvio di ripresa, mister Pecchia prova a rimescolare le carte in tavola inserendo Camara e Benedyczak, cercando di alzare il baricentro, ma il Parma fatica a trovare opportunità concrete per impensierire Gagno. Per vedere la prima vera occasione dei padroni di casa bisogna attendere il 64′: Bernabè, decisamente il più pimpante dei suoi, si libera per la conclusione, ma Gagno riesce a respingere. Mister Tesser opera i primi due cambi, inserendo Duca e Ponsi per Tremolada e Renzetti. Al 70′, la svolta: Benedyczak riceve in area e viene steso da Bonfanti, il direttore di gara non ha dubbi e assegna il penalty. Dal dischetto va Vazquez, che spiazza Gagno e fa 1-2. Entrano anche De Maio ed Azzi, che rilevano Falcinelli e Gerli, autori di una gara molto positiva. Nel finale è assedio parmigiano, all’88’ Camara trova la grande risposta di Gagno, che mette in angolo la conclusione dell’ivoriano. Durante i 5′ di recupero, l’opportunità più ghiotta arriva ancora dai piedi di Camara, che riceve da Bonny e calcia, chiamando Gagno ad un autentico miracolo. Non accade altro, al triplice fischio il Modena conquista la quinta vittoria del proprio campionato, sbancando il “Tardini” e salendo a quota 17, allontanandosi dalla zona play-out in attesa delle gare della domenica. I Gialli tornano in campo domenica 4 dicembre, quando affronteranno la Spal in trasferta.

TABELLINO

PARMA: (4-2-3-1) Corvi; Delprato, Osorio, Valenti, Oosterwolde; Estevez (dal 61′ Benedyczak), Vazquez; Sohm (dal 45′ Camara), Bernabè (dal 79′ Bonny), Man (dal 79′ Tutino); Inglese (dal 69′ Mihaila). A disp.: Chichizola, Santurro, Balogh, Hainaut, Juric, Circati, Zagaritis. All.: Pecchia.

MODENA: (4-3-2-1) Gagno; Coppolaro, Silvestri, Pergreffi, Renzetti (dal 65′ Ponsi); Gerli (dal 73′ Azzi), Armellino, Magnino; Tremolada (dal 65′ Duca), Falcinelli (dal 73′ De Maio); Bonfanti (dall’89’ Poli). A disp.: Seculin, Mosti, Marsura, Giovannini, Panada, Piacentini, Oukhadda. All.: Tesser.

Arbitro: sig. Marco Serra di Torino.

Assistenti arbitrali: Damiano Di Iorio di VCO e Francesco Cortese di Palermo.

4^ufficiale: sig. Marco Piccinini di Forlì.

VAR: sig. Marco Guida di Torre Annunziata. – AVAR: sig. Andrea Colombo di Como.

MARCATORI: 18′ Falcinelli (M), 25′ Bonfanti (M), 71′ Vazquez rig. (P).

AMMONITI: Tremolada, Silvestri, Armellino, Renzetti, Coppolaro (M). – ANGOLI: 7-3 per il Parma. – RECUPERI: 1′ p.t.; 5′ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – http://www.modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Pisa-Modena 4-2, le pagelle dei gialloblù

Modena (4-3-2-1) 5,5: Gagno 5,5; Coppolaro 5 (88′ Oukhadda s.v.), Pergreffi 6, Silvestri 6, Azzi 5,5; Magnino 6,5 (88′ Giovannini s.v.), Gerli 6,5, Armellino 6 (78′ Ponsi 5,5); Tremolada 6, Falcinelli 5,5 (71′ Duca 5,5); Bonfanti 6,5 (46′ Marsura 5). Allenatore: Tesser 6.

Modena ko in campionato dopo tre vittorie: il Pisa si impone 4-2

Dopo le tre vittorie consecutive contro Reggina, Ascoli e Como, il Modena cade a Pisa, in un match dalle tante decisioni arbitrali controverse, con lo stesso punteggio del ko costato l’eliminazione dalla Coppa Italia contro la Cremonese, ovvero 4-2. Per la trasferta di Pisa mister Tesser conferma il 4-3-2-1 delle ultime uscite, con Bonfanti che, in avanti, sostituisce lo squalificato Diaw: alle sue spalle agisce la coppia formata da Tremolada e Falcinelli. Il Pisa risponde con un 4-3-1-2 in cui il tandem d’attacco è composto da Sibilli e Gliozzi.

Due i momenti chiave del primo tempo all’Arena Garibaldi: al 19′, il Modena passa in vantaggio con Bonfanti, abile a trasformare in gol, con l’istinto da bomber vero, una conclusione di Armellino deviata dalla difesa nerazzurra: nell’occasione erano a terra Tremolada e Ionita. In chiusura di tempo l’altro momento decisivo: al 45′, cross di Beruatto deviato con un braccio da Coppolaro. Gliozzi trasforma dal dischetto al secondo tentativo, dopo che l’arbitro aveva fatto ribattere il penalty dopo l’iniziale parata di Gagno perchè il portiere canarino si era mosso anticipatamente dalla linea di porta. Nell’intervallo tra i due gol, meglio il Pisa, pericoloso in diverse occasioni con Gliozzi, che colpisce anche un palo sullo 0-0 su un’uscita errata di Gagno. Per il Modena, Azzi sfiora il raddoppio al 29′.

Nella ripresa, in un primo momento il Modena appare in difficoltà, anche a causa dell’uscita dal campo di Bonfanti, sostituito nell’intervallo da Marsura, ma poi riesce a farsi vedere in avanti, seppure senza clamorose palle gol. La gara si accende al 74′, quando il neoentrato Torregrossa, sospettato di aver controllato il pallone col braccio, porta avanti il Pisa su corner (2-1). Il Modena si sbilancia in avanti alla ricerca del pareggio e all’82’ arriva la rete di Masucci che sembra chiudere il match (3-1). Il Modena non è, però, mai domo: all’84’, infatti, Magnino riapre la partita, segnando con un bel sinistro dal limite dell’area. Tesser si gioca il tutto per tutto inserendo Giovannini e Oukhadda, ma è l’arbitro il protagonista dei minuti finali. Prima concede e poi toglie con l’ausilio della Var un rigore al Pisa, quindi ne assegna un altro ai nerazzurri al 98′: Torregrossa dal dischetto firma la rete del definitivo 4-2: giallo ko e fermi a quota 12 punti in classifica.

Il tabellino:

Pisa-Modena 4-2

Reti: 19′ Bonfanti (M), 48′ rig. Gliozzi (P), 74′, 98′ rig. Torregrossa (P), 82′ Masucci (P), 84′ Magnino (M).

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Calabresi (87′ Canestrelli), Rus, Hermannsson, Beruatto; Tourè, Nagy, Ionita (60′ Mastinu); M. Tramoni (60′ Torregrossa); Sibilli (71′ Masucci), Gliozzi (71′ Morutan). A disposizione: Livieri, Esteves, Jureskin, De Vitis, Piccinini, L. Tramoni, Cissè. Allenatore: D’Angelo.

Modena (4-3-2-1): Gagno; Coppolaro (88′ Oukhadda), Silvestri, Pergreffi, Azzi; Magnino (88′ Giovannini), Gerli, Armellino (78′ Ponsi); Tremolada, Falcinelli (71′ Duca); Bonfanti (46′ Marsura). A disposizione: Seculin, Cittadini, Renzetti, Piacentini, De Maio, Mosti, Giovannini. Allenatore: Tesser.

Arbitro: Sig. Gariglio di Pinerolo. Assistenti: Sig. Scarpa – Sig. Gualtieri. Quarto ufficiale: Sig. Taricone. VAR: Sig. Pezzuto – Sig. Capaldo.

Note. Ammoniti: Bonfanti (M), Calabresi (P), Rus (P), Torregrossa (P), Hermannsson (P), Gagno (M).

Foto: modenacalcio.com

Genoa – Modena 1-0: le pagelle dei Gialli

Il Modena cade di misura al “Ferraris” di Genova, battuto di misura dal Genoa padrone di casa.

Queste le pagelle dei Gialli:

GAGNO 6,5 – Attento, reattivo quando serve, aggressivo in uscita: tiene in piedi i suoi anche quando c’è qualche errore difensivo.

OUKHADDA 6 – Prestazione tutto sommato positiva sulla sua fascia, cerca anche di proporsi in attacco. Si fa ammonire nella ripresa.

SILVESTRI 6 – Nel duello con gli attaccanti del Genoa tiene botta, senza troppe sbavature.

CITTADINI 6,5 – L’età anagrafica è soltanto un numero, il centrale difensivo è per distacco il migliore del reparto arretrato.

AZZI 5 – Sembra in confusione dal principio del match, prosegue sulla stessa linea senza riuscire ad incidere per tutti i 90′.

ARMELLINO 5,5 – Si fa sentire meno che in altre occasioni a centrocampo, commette anche qualche errore di troppo. (dall’85’ TREMOLADA s.v.)

GARGIULO 5,5 – In mediana è quello che lotta più di tutti, provando a metterci del suo sia in attacco che in difesa, ma non basta per la sufficienza. (dal 78′ PANADA 5,5 – Entra ma non incide.)

MAGNINO 5,5 – Prestazione di sofferenza, non riesce a farsi vedere in fase offensiva come fa solitamente.

MOSTI 5 – Presenza impalbabile tra le linee, fatica ad entrare in gara. (dal 45′ GIOVANNINI 6 – Entra e prova a dare vivacità all’attacco gialloblu)

MARSURA 5,5 – Non un primo tempo indimenticabile, mezzo voto in più perché per la causa ci mette tutto. Esce dal campo accompagnato dai medici gialloblu. (dal 45′ FALCINELLI 5,5 – La voglia c’è, ma l’errore nell’occasione avuta in avvio di ripresa è abbastanza pesante)

DIAW 5,5 – Nel primo tempo prova a spaventare il duo Vogliacco – Dragusin con la sua velocità, ma ha sulla coscienza l’errore a tu per tu con Martinez. Cala nella ripresa. (dal 78′ BONFANTI 6 – Lotta, grinta, voglia di spaccare il mondo: gli manca solo l’opportunità per segnare)

ALL.: TESSER 5,5 – Al netto delle assenze, manda in campo una formazione rimaneggiata, che fatica soprattutto nel primo tempo contro il più quotato Genoa. La ripresa regala qualche segnale interessante, soprattutto grazie ad alcuni dei subentrati, ma è poco per impensierire un avversario complicato da affrontare. Momento difficile.

Jagiello stende il Modena, KO di misura contro il Genoa

Il lampo di Jagiello basta al Genoa per aver ragione del Modena. Al “Ferraris” di Genova, i Gialli cedono di misura ai rossoblu padroni di casa: decide la rete dell’esterno polacco, arrivata al 43′.

Mister Tesser schiera i suoi con il 4-3-1-2: in porta Gagno, difesa con Oukhadda, Silvestri, Cittadini ed Azzi; in mediana, Armellino e Gargiulo affiancano Magnino, con Mosti che gioca alle spalle del tandem offensivo Marsura – Diaw. Pronti, via ed i padroni di casa aggrediscono il match: all’8′ lancio di Yalcin per Portanova che, dopo un controllo non ottimale, spara alto da posizione ravvicinata. La prima opportunità per i Gialli arriva al quarto d’ora, quando Diaw va via ad un paio di uomini e si trova a tu per tu con Martinez, bravo ad uscire e respingere la conclusione dell’attaccante ospite. Minuto 18, avanzata di Yalcin sulla sinistra, traversone basso pericoloso, Azzi è bravissimo ad anticipare Portanova e mettere in angolo. Al 27′ ci sarebbe anche un rigore per il Modena, con Diaw steso in area da Dragusin, ma la precedente posizione di off-side dell’attaccante gialloblu vanifica tutto. Pericoloso il Genoa alla mezz’ora, quando Yalcin salta il diretto marcatore e calcia da distanza ravvicinata, trovando la respinta di Gagno; qualche istante più tardi, ancora un’iniziativa dei rossoblu, conclusa male da Jagiello, che calcia a lato da ottima posizione. Ad un soffio dall’intervallo, i padroni di casa sbloccano il match: bella azione che si sviluppa da sinistra verso destra, tacco di Portanova a liberare Jagiello, che calcia ad incrociare e manda il pallone nell’angolino alla destra di Gagno. Dopo 2′ di recupero, si va a riposo sull’1-0 per il Genoa.

Durante l’intervallo, mister Tesser prova a mescolare le carte in tavola, inserendo Giovannini e Falcinelli per Mosti e un acciaccato Marsura. I Gialli provano a reagire, al 52′ con una buona trama è proprio Falcinelli a trovarsi in ottima posizione, sprecando però tutto con una conclusione debole e centrale. Al 54′ rischia tantissimo il Modena, che perde palla sulla propria trequarti, ma Gagno è bravissimo a salvare tutto rubando palla a Portanova. Qualche istante più tardi è Pajac ad andare vicinissimo al raddoppio, cogliendo il palo dalla lunga distanza. Gli ospiti cercano di farsi vedere senza riuscire ad impensierire davvero Martinez, come al 63′, quando Giovannini calcia debolmente su imbeccata di Azzi. Al 75′, sugli sviluppi di un angolo, Silvestri prova la conclusione volante, ma non riesce ad inquadrare lo specchio, mandando fuori di poco. Nel finale, Tesser si gioca le carte Bonfanti, Panada e Tremolada, rilevando Diaw, Gargiulo ed Armellino. Proprio Bonfanti prova ad impensierire Martinez all’83’, ma il suo diagonale non inquadra lo specchio. Brivido per il Modena nel finale, quando Coda prova la girata in area, trovando l’ottima respinta di Gagno. Nei 5′ di recupero accade poco, eccezion fatta per la grande opportunità capitata ad Aramu in contropiede, con Gagno ancora una volta miracoloso. Il Modena cede per la quinta volta nelle prime sei gare di campionato, restando a quota 3 in piena zona retrocessione, e mettendo nel mirino, dopo la sosta, la difficile sfida interna con la Reggina capolista.

TABELLINO

GENOA: (4-2-3-1) Martinez; Hefti, Vogliacco (dal 72′ Bani), Dragusin, Pajac; Badelj (dall’85’ Ilsanker), Frendrup; Jagiello (dal 59′ Aramu), Portanova (dall’85’ Strootman), Yalcin (dal 72′ Yeboah); Coda. A disp.: Semper, Agostino, Sabelli, Czyborra, Puscas. All.: Blessin.

MODENA: (4-3-1-2) Gagno; Oukhadda, Silvestri, Cittadini, Azzi; Armellino (dall’85’ Tremolada), Gargiulo (dal 78′ Panada), Magnino; Mosti (dal 45′ Giovannini); Marsura (dal 45′ Falcinelli), Diaw (dal 78′ Bonfanti). A disp.: Seculin, Pergreffi, Duca, Renzetti, Coppolaro, Piacentini. All.: Tesser.

Arbitro: sig. Luca Zufferli di Udine.

Assistenti arbitrali: Daniele Bindoni di Venezia e Filippo Valeriani di Ravenna.

4^ufficiale: sig. Claudio Panettella di Gallarate.

VAR: sig. Valerio Marini di Roma 1. – AVAR: sig. Alessio Tolfo di Pordenone.

MARCATORI: 43′ Jagiello (G).

AMMONITI: Dragusin (G); Gargiulo, Diaw, Magnino, Silvestri, Oukhadda, Cittadini (M). – ANGOLI: 7-2 per il Genoa. – RECUPERI: 2′ p.t.; 5′ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. – http://www.modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Carpi F.C, Salernitana-Carpi, le probabili formazioni

Ventiquattresima giornata di serie B; Salernitana-Carpi si gioca di sabato tre febbraio allo stadio Stadio Arechi di Salerno. L’ultima giornata la Salernitana ha pareggiato nel posticipo 2-2 a Terni, mentre il Carpi ha vinto 2-1 in casa con lo Spezia. Sono due squadre che si sono parecchio rinforzate, il Carpi con Melchiorri, Di Chiara e Garritano, mentre a giugno Mbakogu andrà al Leeds per fare cassa. Jelenic e Belloni non convocati, mentre davanti confermati Melchiorri e Mbakogu. Ecco le probabili formazioni, Salernitana : Radunovic, Casasola, Tuia, Schiavi, Pucino, Minala, Odjer, Vitale, Sprocati, Palombi, Rossi. All. Colantuono. Carpi : Colombi, Pachonik, Brosco, Ligi, Poli, Calapai, Verna, Mbaye, Pasciuti, Melchiorri, Mbakogu, All. Calabro.

Carpi F.C, mercato in uscita dei biancorossi

CARPI – Il Carpi FC 1909 comunica la cessione a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2018 ad Ac Prato del diritto alle prestazioni sportive di Cristian Carletti.

Contestualmente, sono state perfezionate con SSC Napoli le risoluzioni anticipate dei prestiti di Antonio Romano e Mario Prezioso.

Carpi F.C, gli ultimi colpi di mercato

CARPI – Il Carpi FC 1909 comunica l’acquisizione a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2018 dal Chievo Verona del diritto alle prestazioni sportive di Luca Garritano.

CARPI – Carpi FC 1909 comunica l’acquisizione a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2018 dal Benevento Calcio del diritto alle prestazioni sportive di Gianluca Di Chiara.

CARPI – Carpi FC 1909 comunica la cessione a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2018 all’US Alessandria Calcio del diritto alle prestazioni sportive di Leonardo Blanchard.

Carpi F.C, le manovre del club biancorosso

Il Carpi si appresta ad abbracciare Luca Garritano. L’attaccante scuola Inter, classe ’94, lascerà il Chievo non appena arriverà l’ufficialità dell’arrivo di Emanuele Giaccherini, atteso dal club gialloblù. Operazione in prestito secco, un colpo di spessore per la compagine emiliana allenata da Calabro. A riferirlo è Sportitalia.

Rinnovo contrattuale, poi la cessione. Per Cristian Carletti, attaccante di proprietà del Carpi, si profilano sei mesi in serie C. Come riporta gianlucadimarzio.com, il calciatore originario di Cremona firmerà in queste ore il rinnovo contrattuale con la società emiliana, poi passerà in prestito al Prato dove avrà la possibilità di giocare con maggiore continuità.

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑