Partita interminabile, durata quasi tre ore, e molto esaltante al Pala Panini; Modena-Verona big match di giornata, vede i gialli di Andrea Giani, cadere in casa al tie-break contro il Verona di Stoytchev.

Per giangio formazione tipo con Christenson, Zaytsev, Bednorz, Anderson, Mazzone, Holt, Rossini. Ingresso infelice per Kaliberda.

Il Verona di Stoytchev risponde con Spirito al palleggio, Boyer, Muagututia, Asparuhov schiacciatori. Al centro Cester e Solè, libero Bonami. Radostin Stoytchev ospite d’eccezione.

Partita nella partita, Verona avanti 2-0 con i primi due set portati a casa con il risultato di un equilibrato 25-23 nel primo, e un roboante 25-17 nel secondo, non capitava da parecchio al Pala Panini. Modena si rimbocca le maniche e torna in partita, trascinata da Zaytsev e Holt, a tratti Anderson. Il resto un po’ di alti e bassi, soprattutto Bednorz, Christenson a luci e ombre, come Mazzone. Bella prova di Totò Rossini, uno dei più brillanti. Ingresso negativo per Kaliberda.

Tra le fila venete invece Solè e Cester strepitosi, invece Boyer, sicuro di sè in campo, si è fatto notare per un brutto gesto nei confronti del pubblico, ammonito dal direttore di gara. Verona si è dimostrata squadra ostica, autrice di una vera e propria impresa.

Modena poi si porta a casa il terzo e il quarto set, 31-29 pieno di emozioni, e un 25-19 più tranquillo. Nel tie-break calo generale, Verona conduce senza troppi rischi, portandoselo a casa sul 15-13.

Modena torna con i piedi per terra, contro un’ ottimo avversario, in attesa della Coppa, ma avrò modo di rifarsi in un mese che sarà pieno zeppo di impegni.

Foto add. stampa Modena Volley.