Finalmente si torna a giocare. Per il Carpi primo test ufficiale, valevole per la Coppa Italia, al “Cabassi” nella sfida con il Casarano che, aspettando qualche ritocco di mercato, apre la stagione biancorossa: la compagine pugliese, che gioca in serie D, non è da prendere sotto gamba, vantando tra le sue fila tanti calciatori esperti, tra cui Sansone, Negro, Bruno e Mattera. Chi passa va a sfidare il Pordenone, squadra di alta classifica in serie B. La Coppa Italia, in queste fasi, può riservare sorprese, ma sicuramente è un ottimo test in vista del campionato, la cui prima giornata è in bilico per lo sciopero proclamato dall’AIC. L’arbitro della gara è il signor Alessandro Prontera della sezione di Bologna, supportato da Cecconi di Empoli e Caliari di Legnago.

LA CRONACA

Mister Pochesci, in tribuna vista la squalifica, schiera un 3-5-2: tra i pali Rossini, davanti a lui Sabotic, Venturi e Varoli compongono il trio difensivo; in mediana, Danovaro e Lomolino partono da esterni, al centro ci sono Fofana, Bellini e Maurizi, quest’ultimo avanzato alle spalle del tandem offensivo, composto da Giovannini e Carletti. Parte forte il Casarano, che al 5’ è già avanti: lancio lungo spizzato da Favetta, Rodriguez prova la botta al volo, con il pallone che termina alle spalle di Rossini. Il Carpi fatica a rispondere, non riuscendo a creare grosse opportunità, mentre gli ospiti provano addirittura a spingere alla ricerca del secondo gol. Prima conclusione biancorossa al 16’, ma Guido blocca a terra il tentativo di Maurizi. Minuto 25, prima vera occasione per il Carpi, con Fofana che va via in slalom e calcia dall’interno dell’area, Guido è bravo a bloccare la conclusione. Sale la pressione dei padroni di casa alla mezz’ora, con un contropiede in superiorità numerica chiuso dalla conclusione ravvicinata di Carletti, sulla quale Guido si supera. Sul ribaltamento di fronte, Fofana rischia di regalare un gol al Casarano, facendosi scippare il pallone da Mincica che, tutto solo, si fa ipnotizzare da Rossini, che respinge in uscita. L’ultima opportunità del primo tempo ce l’ha il Casarano, con Rossini che è costretto a usare i pugni sulla gran botta di Favetta. Si va all’intervallo sullo 0-1.

Comincia la ripresa, Carpi subito pericoloso con Bellini, sulla cui conclusione Guido è attento e mette in angolo. Al quarto d’ora sono i salentini a sfiorare il raddoppio, con Favetta che tenta un bel pallonetto dal limite, Rossini la toglie dallo specchio e si rifugia in corner. I biancorossi sembrano più volte sul punto di cedere, ma al 72’ ottengono il pari dopo una bella azione, tutta di prima, con Giovannini che finalizza perfettamente, mettendo la sfera alle spalle di Guido. Il gol dell’1-1 sembra rinfrancare i padroni di casa, ma è nuovamente il Casarano ad andare vicino al gol, con Rodriguez che devia leggermente il cross del subentrato Sansone, sfiorando il palo, con Rossini immobile. All’86’ Carpi vicinissimo al raddoppio: punizione dal limite calciata da Lomolino, palla che sibila a lato del palo lontano. Qualche istante più tardi, sugli sviluppi di un calcio di punizione è ancora Lomolino a provare il colpo di testa, Guido mette in angolo. Non accade altro, l’1-1 costringe le squadre ai tempi supplementari.

I supplementari sono a forti tinte biancorosse, con il Carpi che si lancia subito in avanti e va vicinissimo al 2-1, con Mattera che devia un traversone di Giovannini sulla propria traversa. Pochi secondi più tardi, Bellini va giù in area ma, nonostante le proteste, Prontera non ravvisa gli estremi per assegnare il penalty. Emiliani che prendono campo e protestano nuovamente al 98’, quando Longhi tocca la sfera con un braccio in area, ma ancora una volta il signor Prontera non assegna il rigore. Qualche istante più tardi, passa in vantaggio il Casarano: contropiede ben gestito da Rodriguez, palla che arriva a Sansone, che è freddissimo sotto porta e batte Rossini. Quattro giri di lancette più tardi arriva il tris salentino, questa volta con Rodriguez che sfrutta il perfetto traversone di Negro e scarica in rete da pochi passi. Il secondo tempo supplementare è pura formalità, con il Carpi che prova ripetutamente a rendere meno pesante il passivo, soprattutto con Carletti, murato da Guido in uscita bassa. Dopo 2’ di recupero, arriva il triplice fischio: il Casarano sbanca il “Cabassi” ed accede al secondo turno di Coppa Italia, in cui affronterà il Pordenone, mentre per il Carpi la prima uscita ufficiale della stagione 2020/21 si chiude con una sconfitta. Ancora tanto lavoro da fare per mister Pochesci e per la nuova società biancorossa, con una rosa ancora incompleta e da integrare quanto prima. 

TABELLINO

CARPI: (3-5-2) Rossini; Sabotic, Venturi, Varoli; Lomolino, Bellini (dal 102’ Motoc), Maurizi, Fofana, Danovaro (dall’88’ Sassi); Giovannini, Carletti. A disp.: Rossi, Varga, Biasci, Vittucci, Di Marco, Esposito. All.: Coraggio.

CASARANO: (4-3-1-2) Guido; Benvenga, Mattera, Longhi, Pedicone (dal 117’ Pagliai); Bruno, Giacomarro (dal 78’ Sansone), Tascone; Mincica (dal 74’ Atteo); Favetta (dal 90’ Negro), Rodriguez. A disp.: Guarnieri, Onda, Galfano, D’Andria, Pennetta, D’Ancona. All.: Feola.

Arbitro: sig. Alessandro Prontera di Bologna.

Assistenti: Dario Cecconi di Empoli ed Enrico Caliari di Legnago.

MARCATORI: 5’ e 104’ Rodriguez (CS), 72’ Giovannini (CP), 100’ Sansone (CS).

AMMONITI: Bellini, Danovaro, Maurizi (CP); Rodriguez, Mattera, Benvenga, Tascone (CS). – ANGOLI: 11-3 per il Carpi. – RECUPERI: 1’ p.t.; 2’ s.t.; 1’ p.t.s.; 2’ s.t.s..

Articolo Salvatore Fratello, foto dal vivo.