Monza-Modena 3-1, prestazione opaca per Christenson e compagni

Ci si aspettava un po’ di più, è vero; Modena dopo due vittorie contro Padova e Cisterna, si “ridimensiona” in casa di Monza dell’ex Holt, mostruoso sul finale di gara.

Coach Massimo Eccheli schiera in campo la formazione al top della condizione. Al palleggio Orduna in grande spolvero, supportato da Dzavoronok, autore di un partitone. Al centro Holt, decisivo sul finale di gara e Adis, dalla prestanza fisica imponente, determinato e incisivo, l’ uomo in piu ! A completare la formazione Lanza e Galassi, con Federici nel ruolo di libero.

Per Modena formazione base, in serata negativa a dir poco. Christenson in regia prova a rimediare, ma non brilla, così come Petric, in calo. Al centro Stankovic e Mazzone positivi a tratti, ma nel complesso deludono le aspettative, più il primo che il secondo. Calo anche per Karlitzek, Vettori invece ci mette tanta grinta e impegno, il migliore di Modena. Grebennikov infine non ha colpe. Entrano in campo Lavia, un po’ pasticcione, e Bossi. Rinaldi invece ha avuto l’onore di murare Lanza, Porro infine è entrato per un servizio, sbagliato, non giudicabile.

Per quanto riguarda la gara Monza vince il primo e il terzo set 25-14 e 25-13, black-out Modena, e Monza si fa trascinare per merito di Dzavoronok, Adis e Holt, una squadra nel complesso compatta. Christenson e compagni vincono il secondo set molto equilibrato, con Lavia in campo dall’inizio. Sul finale Lanza concede il 20-24 per demerito di un brutto errore. Petric chiude il set. Nel quarto sale in cattedra Holt a muro, insieme al supporto di Orduna, Adis, e Dzavoronok Monza chiude la pratica con un 25-22, e 3-1 finale. Partita da dimenticare per Modena, in attesa dei recuperi contro Trento, Perugia e Verona.

Fonti e foto add. stampa Modena.

Autore: Giovanni Saguatti

Sono Giovanni Saguatti, giornalista pubblicista dal 19/02/2019 : il meglio deve ancora venire !