Falcinelli – Bonfanti, un ottimo Modena stende il Parma a domicilio

Un Modena coraggioso sbanca Parma e conquista tre punti d’oro. Al “Tardini”, i Gialli di Tesser superano per 1-2 i padroni di casa in un derby molto vivace: a decidere sono i gol di Bonfanti e Falcinelli, con Vazquez che accorcia nel finale e regala anche qualche brivido agli ospiti.

Mister Tesser, privo di Cittadini e Diaw (defezione dell’ultimo momento per influenza), schiera i suoi con un 4-3-2-1 in cui Gagno difende i pali, con Coppolaro, Silvestri, Pergreffi e Renzetti a comporre il pacchetto arretrato; in mediana, Gerli è affiancato da Armellino e Magnino, mentre Tremolada e Falcinelli giocano alle spalle dell’unica punta Bonfanti. Pronti, via ed il Parma sfiora il vantaggio, con Man che prova una conclusione dal limite, mandando la sfera ad un passo dal palo. Il Modena soffre ma si vede all’11’, quando Bonfanti stacca di testa su traversone dalla sinistra, senza inquadrare lo specchio. Minuto 18, gli ospiti passano: calcio di punizione dalla sinistra, Tremolada mette un pallone perfetto al centro, Falcinelli devia di testa e manda alle spalle di Corvi, che non può nulla. I ducali accusano il colpo ed al 25′ i Gialli ne approfittano per raddoppiare, con Renzetti che va via a due uomini, serve Tremolada, che ha spazio per servire Bonfanti, la cui conclusione volante buca le mani di Corvi, facendo esplodere il settore ospiti. Nel finale di frazione, i padroni di casa hanno l’opportunità più nitida fino a quel momento: cross di Man dalla sinistra, Inglese devia di testa e manda la sfera a pochi centimetri dal palo. Dopo 1′ di recupero, si va a riposo sullo 0-2.

In avvio di ripresa, mister Pecchia prova a rimescolare le carte in tavola inserendo Camara e Benedyczak, cercando di alzare il baricentro, ma il Parma fatica a trovare opportunità concrete per impensierire Gagno. Per vedere la prima vera occasione dei padroni di casa bisogna attendere il 64′: Bernabè, decisamente il più pimpante dei suoi, si libera per la conclusione, ma Gagno riesce a respingere. Mister Tesser opera i primi due cambi, inserendo Duca e Ponsi per Tremolada e Renzetti. Al 70′, la svolta: Benedyczak riceve in area e viene steso da Bonfanti, il direttore di gara non ha dubbi e assegna il penalty. Dal dischetto va Vazquez, che spiazza Gagno e fa 1-2. Entrano anche De Maio ed Azzi, che rilevano Falcinelli e Gerli, autori di una gara molto positiva. Nel finale è assedio parmigiano, all’88’ Camara trova la grande risposta di Gagno, che mette in angolo la conclusione dell’ivoriano. Durante i 5′ di recupero, l’opportunità più ghiotta arriva ancora dai piedi di Camara, che riceve da Bonny e calcia, chiamando Gagno ad un autentico miracolo. Non accade altro, al triplice fischio il Modena conquista la quinta vittoria del proprio campionato, sbancando il “Tardini” e salendo a quota 17, allontanandosi dalla zona play-out in attesa delle gare della domenica. I Gialli tornano in campo domenica 4 dicembre, quando affronteranno la Spal in trasferta.

TABELLINO

PARMA: (4-2-3-1) Corvi; Delprato, Osorio, Valenti, Oosterwolde; Estevez (dal 61′ Benedyczak), Vazquez; Sohm (dal 45′ Camara), Bernabè (dal 79′ Bonny), Man (dal 79′ Tutino); Inglese (dal 69′ Mihaila). A disp.: Chichizola, Santurro, Balogh, Hainaut, Juric, Circati, Zagaritis. All.: Pecchia.

MODENA: (4-3-2-1) Gagno; Coppolaro, Silvestri, Pergreffi, Renzetti (dal 65′ Ponsi); Gerli (dal 73′ Azzi), Armellino, Magnino; Tremolada (dal 65′ Duca), Falcinelli (dal 73′ De Maio); Bonfanti (dall’89’ Poli). A disp.: Seculin, Mosti, Marsura, Giovannini, Panada, Piacentini, Oukhadda. All.: Tesser.

Arbitro: sig. Marco Serra di Torino.

Assistenti arbitrali: Damiano Di Iorio di VCO e Francesco Cortese di Palermo.

4^ufficiale: sig. Marco Piccinini di Forlì.

VAR: sig. Marco Guida di Torre Annunziata. – AVAR: sig. Andrea Colombo di Como.

MARCATORI: 18′ Falcinelli (M), 25′ Bonfanti (M), 71′ Vazquez rig. (P).

AMMONITI: Tremolada, Silvestri, Armellino, Renzetti, Coppolaro (M). – ANGOLI: 7-3 per il Parma. – RECUPERI: 1′ p.t.; 5′ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – http://www.modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Genoa – Modena 1-0: le pagelle dei Gialli

Il Modena cade di misura al “Ferraris” di Genova, battuto di misura dal Genoa padrone di casa.

Queste le pagelle dei Gialli:

GAGNO 6,5 – Attento, reattivo quando serve, aggressivo in uscita: tiene in piedi i suoi anche quando c’è qualche errore difensivo.

OUKHADDA 6 – Prestazione tutto sommato positiva sulla sua fascia, cerca anche di proporsi in attacco. Si fa ammonire nella ripresa.

SILVESTRI 6 – Nel duello con gli attaccanti del Genoa tiene botta, senza troppe sbavature.

CITTADINI 6,5 – L’età anagrafica è soltanto un numero, il centrale difensivo è per distacco il migliore del reparto arretrato.

AZZI 5 – Sembra in confusione dal principio del match, prosegue sulla stessa linea senza riuscire ad incidere per tutti i 90′.

ARMELLINO 5,5 – Si fa sentire meno che in altre occasioni a centrocampo, commette anche qualche errore di troppo. (dall’85’ TREMOLADA s.v.)

GARGIULO 5,5 – In mediana è quello che lotta più di tutti, provando a metterci del suo sia in attacco che in difesa, ma non basta per la sufficienza. (dal 78′ PANADA 5,5 – Entra ma non incide.)

MAGNINO 5,5 – Prestazione di sofferenza, non riesce a farsi vedere in fase offensiva come fa solitamente.

MOSTI 5 – Presenza impalbabile tra le linee, fatica ad entrare in gara. (dal 45′ GIOVANNINI 6 – Entra e prova a dare vivacità all’attacco gialloblu)

MARSURA 5,5 – Non un primo tempo indimenticabile, mezzo voto in più perché per la causa ci mette tutto. Esce dal campo accompagnato dai medici gialloblu. (dal 45′ FALCINELLI 5,5 – La voglia c’è, ma l’errore nell’occasione avuta in avvio di ripresa è abbastanza pesante)

DIAW 5,5 – Nel primo tempo prova a spaventare il duo Vogliacco – Dragusin con la sua velocità, ma ha sulla coscienza l’errore a tu per tu con Martinez. Cala nella ripresa. (dal 78′ BONFANTI 6 – Lotta, grinta, voglia di spaccare il mondo: gli manca solo l’opportunità per segnare)

ALL.: TESSER 5,5 – Al netto delle assenze, manda in campo una formazione rimaneggiata, che fatica soprattutto nel primo tempo contro il più quotato Genoa. La ripresa regala qualche segnale interessante, soprattutto grazie ad alcuni dei subentrati, ma è poco per impensierire un avversario complicato da affrontare. Momento difficile.

Jagiello stende il Modena, KO di misura contro il Genoa

Il lampo di Jagiello basta al Genoa per aver ragione del Modena. Al “Ferraris” di Genova, i Gialli cedono di misura ai rossoblu padroni di casa: decide la rete dell’esterno polacco, arrivata al 43′.

Mister Tesser schiera i suoi con il 4-3-1-2: in porta Gagno, difesa con Oukhadda, Silvestri, Cittadini ed Azzi; in mediana, Armellino e Gargiulo affiancano Magnino, con Mosti che gioca alle spalle del tandem offensivo Marsura – Diaw. Pronti, via ed i padroni di casa aggrediscono il match: all’8′ lancio di Yalcin per Portanova che, dopo un controllo non ottimale, spara alto da posizione ravvicinata. La prima opportunità per i Gialli arriva al quarto d’ora, quando Diaw va via ad un paio di uomini e si trova a tu per tu con Martinez, bravo ad uscire e respingere la conclusione dell’attaccante ospite. Minuto 18, avanzata di Yalcin sulla sinistra, traversone basso pericoloso, Azzi è bravissimo ad anticipare Portanova e mettere in angolo. Al 27′ ci sarebbe anche un rigore per il Modena, con Diaw steso in area da Dragusin, ma la precedente posizione di off-side dell’attaccante gialloblu vanifica tutto. Pericoloso il Genoa alla mezz’ora, quando Yalcin salta il diretto marcatore e calcia da distanza ravvicinata, trovando la respinta di Gagno; qualche istante più tardi, ancora un’iniziativa dei rossoblu, conclusa male da Jagiello, che calcia a lato da ottima posizione. Ad un soffio dall’intervallo, i padroni di casa sbloccano il match: bella azione che si sviluppa da sinistra verso destra, tacco di Portanova a liberare Jagiello, che calcia ad incrociare e manda il pallone nell’angolino alla destra di Gagno. Dopo 2′ di recupero, si va a riposo sull’1-0 per il Genoa.

Durante l’intervallo, mister Tesser prova a mescolare le carte in tavola, inserendo Giovannini e Falcinelli per Mosti e un acciaccato Marsura. I Gialli provano a reagire, al 52′ con una buona trama è proprio Falcinelli a trovarsi in ottima posizione, sprecando però tutto con una conclusione debole e centrale. Al 54′ rischia tantissimo il Modena, che perde palla sulla propria trequarti, ma Gagno è bravissimo a salvare tutto rubando palla a Portanova. Qualche istante più tardi è Pajac ad andare vicinissimo al raddoppio, cogliendo il palo dalla lunga distanza. Gli ospiti cercano di farsi vedere senza riuscire ad impensierire davvero Martinez, come al 63′, quando Giovannini calcia debolmente su imbeccata di Azzi. Al 75′, sugli sviluppi di un angolo, Silvestri prova la conclusione volante, ma non riesce ad inquadrare lo specchio, mandando fuori di poco. Nel finale, Tesser si gioca le carte Bonfanti, Panada e Tremolada, rilevando Diaw, Gargiulo ed Armellino. Proprio Bonfanti prova ad impensierire Martinez all’83’, ma il suo diagonale non inquadra lo specchio. Brivido per il Modena nel finale, quando Coda prova la girata in area, trovando l’ottima respinta di Gagno. Nei 5′ di recupero accade poco, eccezion fatta per la grande opportunità capitata ad Aramu in contropiede, con Gagno ancora una volta miracoloso. Il Modena cede per la quinta volta nelle prime sei gare di campionato, restando a quota 3 in piena zona retrocessione, e mettendo nel mirino, dopo la sosta, la difficile sfida interna con la Reggina capolista.

TABELLINO

GENOA: (4-2-3-1) Martinez; Hefti, Vogliacco (dal 72′ Bani), Dragusin, Pajac; Badelj (dall’85’ Ilsanker), Frendrup; Jagiello (dal 59′ Aramu), Portanova (dall’85’ Strootman), Yalcin (dal 72′ Yeboah); Coda. A disp.: Semper, Agostino, Sabelli, Czyborra, Puscas. All.: Blessin.

MODENA: (4-3-1-2) Gagno; Oukhadda, Silvestri, Cittadini, Azzi; Armellino (dall’85’ Tremolada), Gargiulo (dal 78′ Panada), Magnino; Mosti (dal 45′ Giovannini); Marsura (dal 45′ Falcinelli), Diaw (dal 78′ Bonfanti). A disp.: Seculin, Pergreffi, Duca, Renzetti, Coppolaro, Piacentini. All.: Tesser.

Arbitro: sig. Luca Zufferli di Udine.

Assistenti arbitrali: Daniele Bindoni di Venezia e Filippo Valeriani di Ravenna.

4^ufficiale: sig. Claudio Panettella di Gallarate.

VAR: sig. Valerio Marini di Roma 1. – AVAR: sig. Alessio Tolfo di Pordenone.

MARCATORI: 43′ Jagiello (G).

AMMONITI: Dragusin (G); Gargiulo, Diaw, Magnino, Silvestri, Oukhadda, Cittadini (M). – ANGOLI: 7-2 per il Genoa. – RECUPERI: 2′ p.t.; 5′ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. – http://www.modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Tris al Catanzaro, il Modena parte bene in Coppa Italia

Una vittoria per inaugurare bene la stagione. Al “Braglia”, il Modena, impegnato nel turno preliminare di Coppa Italia 2022/23, supera per 3-1 il Catanzaro, compagine del girone C di Lega Pro, ed ottiene il pass per i trentaduesimi di finale: a segno Silvestri, Diaw e Magnino per i padroni di casa, rete di Tentardini per i calabresi.

Mister Tesser schiera i suoi con un 4-3-1-2: tra i pali c’è Seculin, a comporre il pacchetto arretrato Ciofani, Silvestri, Cittadini e Azzi; in mediana, Gerli è affiancato da Armellino e Magnino, con Tremolada che gioca alle spalle del tandem offensivo composto da Diaw e Falcinelli. Partenza a razzo dei Gialli, che dopo 30’’ trovano il vantaggio: sugli sviluppi di un corner, Tremolada mette in mezzo e trova la testa di Silvestri, che manda alle spalle di Fulignati e sigla il primo gol ufficiale del Modena nella nuova stagione. Qualche giro di lancette più tardi, i padroni di casa costruiscono ancora dalla sinistra, pallone al centro per Diaw, che non inquadra lo specchio colpendo di testa. Al 5’ si vedono gli ospiti, con Cianci che recupera palla in area gialloblu e calcia sul secondo palo, trovando la respinta di Seculin. Minuto 19, gli uomini Tesser si rendono pericolosi con Magnino, che prova una conclusione volante dal limite ma non inquadra lo specchio. Vicinissimo al pari il Catanzaro al 29’, con la bella iniziativa sulla sinistra, chiusa da un colpo di testa di Cianci, che manda fuori di un nulla. Qualche istante più tardi, tocca a Seculin intervenire su un gran tiro di Verna, rifugiandosi in corner. Al 35’ annullato un gol a Diaw, pescato in posizione di off-side sul servizio di Tremolada. Minuto 39, ancora Gialli ad un passo dal gol, stavolta Fulignati riesce a sventare una bella conclusione di Azzi. Ad un soffio dall’intervallo, il Modena trova il raddoppio: ennesimo contropiede ben gestito, con imbucata per Diaw, che tutto solo davanti a Fulignati non sbaglia e manda in fondo al sacco. Si va a riposo sul 2-0.

Durante l’intervallo, mister Tesser opera le prime sostituzioni, inserendo Oukhadda e Mosti per Ciofani e Tremolada.. Al 53’ ancora fermato in off-side Diaw, che per la seconda volta si vede annullare una rete. Minuto 58, il Catanzaro accorcia le distanze: conclusione di Bombagi, Seculin respinge ma non trattiene, sul pallone si avventa Biasci, che però non riesce ad insaccare trovando la respinta della difesa, poi arriva Tentardini, che non sbaglia e fa 2-1. Qualche istante più tardi, altra azione pericolosa dei calabresi, con Seculin che respinge una conclusione dalle parti di Rolando, che non inquadra lo specchio da due passi. Tesser prova a sistemare qualcosa in mezzo al campo inserendo Panada e Giovannini per Armellino e Falcinelli. Al 70’ Bearzotti tenta il jolly dalla distanza, trovando però una deviazione che salva tutto. Un paio di minuti più tardi, bellissima combinazione Giovannini – Mosti, quest’ultimo mette al centro per Diaw, che da due passi non riesce a concludere a rete. Minuto 74, il Modena trova il tris: traversone perfetto di Panada, sul quale Magnino si avventa e calcia al volo, mandando alle spalle di Fulignati. La risposta ospite non si fa attendere ed arriva dai piedi di Iemmello, che colpisce l’incrocio dei pali con un tiro-cross molto pericoloso. Nel finale, per i Gialli è pura accademia. All’87’ gran giocata volante di Gerli, che trova la pronta respinta di Fulignati in corner; dopo un minuto, ancora Diaw a rendersi pericoloso su cross dalla sinistra, ma Fulignati si rifugia ancora in angolo. Entra anche Battistella, che fa il suo esordio con il Modena rilevando Gerli. Durante i 4′ di recupero non accade altro, i ragazzi guidati da Tesser superano 3-1 il Catanzaro e passano il turno, accedendo ai trentaduesimi dove, lunedì 8 agosto, affronteranno il Sassuolo in un interessante derby di Coppa.

TABELLINO

MODENA: (4-3-1-2) Seculin; Ciofani (dal 46’ Oukhadda), Silvestri, Cittadini, Azzi; Gerli (dall’89’ Battistella), Armellino (dal 64’ Panada), Magnino; Tremolada (dal 46’ Mosti); Diaw, Falcinelli (dal 64’ Giovannini). A disp: Narciso, Gagno, Ponsi, Pergreffi, Duca, Bonfanti, Minesso, Renzetti, Abiuso, Piacentini. All.: Tesser.

CATANZARO: (3-4-1-2) Fulignati; Scognamillo, Brighenti, Gatti; Rolando (dal 78’ Sounas), Verna, Cinelli (dal 60’ Vazquez), Tentardini (dal 60’ Iemmello); Bombagi; Cianci (dal 60’ Bearzotti), Biasci (dal 60’ Welbeck). A disp.: Rizzuto, Sala, Megna. All.: Vivarini.

Arbitro: sig. Daniele Perenzoni di Rovereto.

Assistenti arbitrali: Dario Garzelli di Livorno e Federico Fontani di Siena.

4^ufficiale: sig. Manuel Volpi di Arezzo.

MARCATORI: 1’ Silvestri (M), 46’ p.t. Diaw (M), 58’ Tentardini (C), 74’ Magnino (M).

AMMONITI: Ciofani (M); Gatti (C). – ANGOLI: 6-3 per il Catanzaro. – RECUPERI: 2’ p.t.; 4′ s.t..

Salvatore Fratello

Basta Tremolada, Cesena KO: il Modena è primo da solo

Un gol dal dischetto ed il Modena è capolista solitaria. Al “Braglia”, i Gialli superano per 1-0 il Cesena nel derby emiliano-romagnolo valido per la 25^giornata, trovando i tre punti grazie al gol di Tremolada dal dischetto, arrivato alla mezz’ora del primo tempo.

Tante novità nell’undici proposto da mister Tesser, che schiera il suo consueto 4-3-2-1: tra i pali Gagno, in difesa Ciofani, Silvestri, Pergreffi ed Azzi, mentre in mediana Armellino è affiancato da Di Paola e Magnino; davanti, Giovannini e Tremolada giocano alle spalle dell’unica punta Longo. Gara vivace in avvio, nonostante le poche opportunità. Al 9’, bello schema da angolo per il Modena, Tremolada pesca Di Paola, la cui conclusione è rimpallata dalla difesa. Il primo squillo degli ospiti arriva al quarto d’ora, con Favale che tenta la rovesciata in area, trovando le braccia di Gagno. Pochi istanti più tardi, tocca a Bortolussi testare l’attenzione dell’estremo difensore gialloblu, che interviene facilmente sul colpo di testa dell’attaccante ospite. Alla mezz’ora, la svolta: Giovannini entra in area e viene steso da Rigoni, guadagnandosi il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Tremolada, che non sbaglia e batte Nardi, siglando l’1-0 che fa esplodere il “Braglia”. Nel finale di frazione, buon contropiede dei Gialli, che trovano la conclusione con Giovannini, troppo centrale per impensierire Nardi. Dopo 1’ di recupero, si va a riposo sull’1-0.

In avvio di ripresa, mister Tesser richiama in panchina Longo, inserendo Minesso. I Gialli si fanno vedere subito dopo con il tentativo di Armellino, che conclude dal vertice sinistro dell’area, trovando i guantoni di Nardi. Al 58’, punizione dal limite pericolosa per gli ospiti, Pierini manda alto di poco, trovando anche una deviazione della barriera. I ritmi del match si abbassano ed il Modena si vede poco davanti, se non con una conclusione volante bella ma imprecisa di Azzi al 67’. Andando verso il finale, Tesser cambia le carte in tavola, inserendo Ponsi, Piacentini e Scarsella, che vanno a rilevare Giovannini, Tremolada e Magnino. Il Cesena prova a prendere in mano il pallino del gioco, non riuscendo però a trovare opportunità concrete per mettere paura ai padroni di casa. Minuto 85, azione pericolosissima dei gialloblu, con Azzi che va via ad un avversario sulla destra, mettendo al centro per Minesso, che va a terra e non riesce a calciare, poi Ponsi spara alto. Azione simile qualche istante più tardi, con Azzi che prova il mancino da posizione ravvicinata, trovando la respinta di Nardi direttamente sui piedi di Ponsi, murato sulla linea da Ciofi. Nei 3’ di recupero, vissuti in autentica apnea dal  “Braglia”, non accade altro: il Modena batte il Cesena di misura, conquista la diciottesima vittoria stagionale, salendo a quota 58 punti e guadagnandosi il posto di capolista solitaria del girone B, visto il pari della Reggiana a Carrara.

TABELLINO

MODENA: (4-3-2-1) Gagno; Ciofani, Silvestri, Pergreffi, Azzi; Di Paola, Armellino, Magnino (dall’80’ Scarsella); Giovannini (dal 66’ Ponsi), Tremolada (dall’80’ Piacentini); Longo (dal 54’ Minesso). A disp.: Narciso, Renzetti, Mosti, Ogunseye, Oukhadda, Duca, Baroni. All.: Tesser.

CESENA: (4-3-2-1) Nardi; Candela, Gonnelli (dal 45’ Allievi), Ciofi, Favale (dal 70’ Calderoni); Steffè (dal 45’ Ardizzone), Rigoni (dal 78’ Frieser), Ilari; Caturano (dal 70’ Tonin), Pierini; Bortolussi. A disp.: Benedettini, Brambilla, Berti, Missiroli, Pogliano, Bizzini, Lepri, Tonin. All.: Viali.

Arbitro: sig. Ermanno Feliciani di Teramo.

Assistenti arbitrali: Luca Feraboli di Brescia e Giuseppe Centrone di Molfetta.

4^ufficiale: sig.ra Maria Sole Ferrieri Caputi di Livorno.

MARCATORI: 30’ Tremolada rig. (M).

AMMONITI: Di Paola (M). – ANGOLI: 3-2 per il Modena. – RECUPERI: 1’ p.t.; 3’ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – http://www.modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Al “Mapei” vince la paura, Reggiana e Modena pareggiano 0-0

Il derby tanto atteso termina a reti bianche. Al “Mapei Stadium – Città del Tricolore” di Reggio Emilia, il Modena pareggia 0-0 con la Reggiana, in una gara tirata e con poche emozioni.


Mister Tesser sceglie di seguire il consueto modulo, schierando i suoi in un 4-3-2-1, in cui Gagno difende i pali, mentre Ciofani, Piacentini, Pergreffi ed Azzi compongono il pacchetto arretrato. In mediana, Gerli affianca Armellino e Scarsella, con Mosti e Tremolada che agiscono dietro l’unica punta Minesso. In avvio, subito buona occasione per la Reggiana, che al 2’ va vicina al vantaggio con Sciaudone che calcia da due passi, trovando la respinta di Gagno. La prima opportunità per i Gialli arriva al quarto d’ora, quando Armellino prova l’imbucata per Tremolada, che cerca di mettere al centro per Minesso, anticipato da Venturi in uscita bassa. Dopo una conclusione di Lanini tutt’altro che precisa, il Modena spinge mettendo in difficoltà i padroni di casa, che in un paio di occasioni sono costretti a rifugiarsi in angolo, rischiando qualcosa. Minuto 34, l’occasione più ghiotta è a tinte granata: angolo di Radrezza, Rozzio svetta più in alto di tutti e manda il pallone alto di un nulla. Nel finale, anche un gol annullato alla formazione di Diana, per un tocco con il braccio di Zamparo. Si va a riposo sullo 0-0.


In avvio di ripresa, continua la guerra di nervi tra le due squadre, che non riescono ad incidere. La prima conclusione arriva addirittura al 57’, con Sciaudone che non inquadra lo specchio e manda a lato. Comincia la girandola dei cambi, mister Tesser inserisce Magnino, Giovannini e Duca, rilevando Scarsella, Mosti e Tremolada. Minuto 69, il Modena sfiora il vantaggio: punizione di Armellino dal limite, palla sull’incrocio dei pali. Al 73’ la svolta negativa per gli ospiti, con Gerli che stende un avversario e rimedia il secondo giallo, lasciando in dieci i suoi. Tesser corre ai ripari sostituendo Duca, subentrato poco prima, e Minesso, con Silvestri e Ponsi, per coprirsi dietro e provare a colpire in ripartenza. All’84’ ci prova Rosafio, che calcia dal limite sul primo palo, trovando la pronta respinta di Gagno in corner. L’ultima vera opportunità arriva dai piedi di Radrezza, che all’89’ calcia dalla distanza trovando i guantoni dell’estremo difensore gialloblu. Nei 4’ di recupero c’è poco da segnalare, se non un giallo rimediato da Rosafio. Al triplice fischio è 0-0, con Reggiana e Modena che si dividono la posta in palio e restano prime a quota 55. I Gialli tornano in campo lunedì sera, quando al “Braglia” arriverà la terza della classe, il Cesena.


TABELLINO


REGGIANA: (3-5-2) Venturi; Luciani, Rozzio, Cauz (dal 70’ Camigliano); Guglielmotti (dal 79’ Rosafio), Radrezza, Cigarini (dal 70’ Rossi), Sciaudone (dal 79’ Muroni), Contessa; Lanini, Zamparo (dal 62’ Arrighini). A disp.: Voltolini, Scappini, Neglia, Marconi, Libutti, D’Angelo. All.: Diana.
MODENA: (4-3-2-1) Gagno; Ciofani, Piacentini, Pergreffi, Azzi; Gerli, Armellino, Scarsella (dal 60’ Magnino); Mosti (dal 60’ Giovannini), Tremolada (dal 66’ Duca, poi dal 79’ Silvestri); Minesso (dal 79’ Ponsi). A disp.: Narciso, Renzetti, Ogunseye, Oukhadda, Longo, Di Paola. All.: Tesser.

Arbitro: sig. Daniele Perenzoni di Rovereto.
Assistenti arbitrali: Alex Cavallina di Parma e Khaled Bahri di Sassari.
4^ufficiale: sig. Michele Giordano di Novara.

AMMONITI: Luciani, Zamparo, Cigarini, Rosafio (R). – ANGOLI: 8-7 per la Reggiana. – RECUPERI: 0’ p.t.; 4’ s.t..
NOTE: Espulso al 73’ Gerli (M) per doppia ammonizione.

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – http://www.modenacalcio.com)

Modena, riprende la marcia: 2-0 alla Fermana, tredici vittorie di fila

Due gol, uno per tempo, ed il Modena fa tredici di fila. Al “Braglia”, nel match valido per la 23^giornata del campionato di Serie C girone B, i Gialli superano per 2-0 la Fermana, trovando le reti nel recupero delle due frazioni: al 46′ la sblocca Tremolada su rigore, al 95′ la chiude Azzi.

Mister Tesser si affida alle certezze, schierando il classico 4-3-2-1: in porta, a sostituire lo squalificato Gagno, c’è Narciso, mentre in difesa esordisce Piacentini, che affianca Pergreffi al centro, con Ciofani ed Azzi sulle fasce. A centrocampo, Gerli affianca Armellino e Scarsella, mentre Mosti e Tremolada agiscono alle spalle della punta Minesso. La partenza del Modena è molto aggressiva, già al 2’ Tremolada prova ad impensierire Ginestra con un calcio di punizione dal limite, ma l’estremo difensore ospite devia in corner. All’8’ si fa vedere la Fermana, con Sperotto che prova la conclusione dal limite, mandando sul fondo. I padroni di casa spingono sull’acceleratore, al minuto 23 è Pergreffi a sfiorare il gol, calciando sul primo palo dopo uno schema da punizione, ma Ginestra è bravo a mettere in angolo. Qualche istante più tardi, Gerli riceve in area e conclude da distanza ravvicinata, trovando il miracolo di Ginestra, che salva ancora i suoi. Minuto 37, imbucata di Tremolada per Minesso, Urbinati smorza la conclusione dell’attaccante gialloblu, Ginestra para facile. Nel finale di frazione, la svolta: Azzi calcia dal limite, trovando una deviazione, con la sfera che sfiora la traversa. Sugli sviluppi del corner, Scarsella è atterrato in area e per il direttore di gara ci sono gli estremi per il penalty. Dal dischetto va Tremolada, che calcia potente e preciso al centro della porta, spiazzando Ginestra e facendo 1-0 ad un soffio dall’intervallo. Si va a riposo sull’1-0.

In avvio di ripresa, è subito il Modena a rendersi pericoloso: Mosti va via in area e calcia da pochi passi, trovando la respinta di Ginestra, poi la difesa marchigiana si rifugia in angolo. Al 61’ rischiano qualcosa i padroni di casa, con una mischia pericolosa in area sugli sviluppi di una punizione dalla destra, ma alla fine i Gialli allontanano la sfera. Due giri di lancette più tardi, Mosti gestisce bene un contropiede e mette al centro per il liberissimo Azzi, che non arriva per un soffio su un pallone soltanto da spingere in porta. Minuto 72, gli uomini di Tesser vanno ancora vicini al raddoppio: punizione dal limite calciata perfettamente da Minesso, la sfera impatta sull’incrocio dei pali e finisce sul fondo. Subito dopo, Tesser opta per il primo cambio, inserendo Ogunseye per Mosti. Proprio il numero 11 gialloblu, appena entrato, manca per un soffio la deviazione decisiva sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti. Minuto 86, Alagna va via sulla destra e calcia dalla distanza, mandando alto di poco. Nel finale è Pannitteri a mettere i brividi a Narciso, mandando a lato di un soffio dal limite. Tesser manda in campo anche Ponsi per mantenere il vantaggio, ma al 95′ i Gialli trovano il 2-0: Duca riceve da Ogunseye e serve l’accorrente Azzi, che fa fuori un avversario e spara alle spalle di Ginestra, trovando il raddoppio ad un istante dal triplice fischio. Il Modena conquista dunque il tredicesimo successo di fila, sedicesimo complessivo e sale a quota 51, restando in vetta e proiettandosi così alla doppia, difficile trasferta con Entella e Reggiana.

TABELLINO

MODENA: (4-3-2-1) Narciso; Ciofani, Piacentini, Pergreffi, Azzi; Gerli, Scarsella, Armellino; Mosti (dal 75’ Ogunseye), Tremolada (dall’87’ Duca); Minesso (dal 92′ Ponsi). A disp.: Spurio, Renzetti, Ingegneri, Bonfanti, Maggioni, Giovannini, Di Paola. All.: Tesser.
FERMANA: (3-4-3) Ginestra; Urbinati, Blondett, Sperotto; Scrosta (dall’87’ Rodio), Capece, Graziano, Alagna (dall’87’ Kyeremateng); Bolsius (dal 65’ Pannitteri), Marchi (dal 77’ Frediani), Cognigni (dal 77’ Nepi). A disp.: Moschin, Manardi, Rossoni, Corinus, Bugaro, Pistolesi, Rovaglia. All.: Riolfo.

Arbitro: sig. Andrea Bordin di Bassano del Grappa.

Assistenti arbitrali: Mirco Carpi Melchiorre di Orvieto e Tiziana Trasciatti di Foligno.

4^ufficiale: sig. Carlo Rinaldi di Bassano del Grappa.

MARCATORI: 46’ p.t. Tremolada rig. (M), 95′ Azzi (M).

AMMONITI: Piacentini, Scarsella (M); Graziano, Alagna (F). – ANGOLI: 14 – 6 per il Modena. – RECUPERI: 2’ p.t.; 6′ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – http://www.modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Modena, 2-1 al Grosseto e record: sono dodici le vittorie di fila

Vittoria da record per il Modena. Al “Braglia”, i Gialli superano di misura il Grosseto, battuto per 2-1, e conquistano la dodicesima vittoria di fila: Tremolada e Scarsella siglano i due gol dei padroni di casa, marcatura dei toscani firmata da Boccardi su rigore.

Mister Tesser conferma il solito 4-3-2-1, con qualche novità nell’undici iniziale: in porta c’è Gagno, con Pergreffi che torna a presidiare il centro della difesa accanto a Baroni, mentre Azzi e Ciofani giocano larghi; a centrocampo, confermato il trio Gerli – Armellino – Scarsella, con Tremolada e Minesso alle spalle di Ogunseye. La prima opportunità è per gli ospiti, che al 5’ ci provano con Cretella, la cui conclusione termina a lato di poco. Al minuto 11, rilancio azzardato di Barosi, Baroni prova la volée da centrocampo, ma l’estremo difensore ospite para. Subito dopo, Ogunseye appoggia indietro per Minesso, che dal limite non inquadra lo specchio di pochissimo. Dopo una fase di stasi, al 27’ è il Grosseto a rendersi pericoloso: De Silvestro va via ad un avversario, entra in area e calcia a giro, con Semeraro che non riesce ad intervenire in scivolata, e la sfera sfila a lato del palo. I Gialli passano in vantaggio al 36’, con Azzi che va via sulla sinistra e mette al centro per Minesso, la cui conclusione viene rimpallata sui piedi di Tremolada che, aiutato da una deviazione, supera Barosi. Prima del fischio di fine primo tempo, è ancora Azzi a rendersi pericoloso, con una discesa incontenibile sulla sinistra ed un tiro a giro che termina fuori di poco. Si va a riposo sull’1-0.

In avvio di ripresa, il Grosseto trova subito il pari con Scaffidi, che però insacca di testa in posizione di fuorigioco, con l’arbitro che annulla. Al 54’ esce Ogunseye tra le fila dei Gialli, dentro Mosti. Botta e risposta intorno al minuto 60. Prima sono i toscani a rendersi pericolosi, con De Silvestro che prova l’imbucata per Scaffidi, il cui tiro a giro va fuori di poco. Sul ribaltamento di fronte, traversone dalla destra sui piedi di Azzi, che viene però murato da Barosi in uscita. Qualche giro di lancette più tardi, doppio cambio per Tesser, che richiama Armellino e Tremolada, sostituiti da Di Paola e Ponsi. Minuto 74, i padroni di casa raddoppiano: imbucata per Minesso sulla destra, sul traversone il più lesto è Scarsella, che mette alle spalle di Barosi e fa 2-0. La partita sembra virtualmente chiusa, fino all’83’: corner dalla destra per il Grosseto, Gerli salva sulla linea, poi Gagno interviene allontanando con i pugni, impattando con Salvi. Per il direttore di gara è rigore ed ammonizione per l’estremo difensore. Dal dischetto va Boccardi, che spiazza Gagno e fa 2-1, rimediando anche il giallo per l’esultanza polemica sotto la curva modenese. Tesser prova a difendere il vantaggio, inserendo Maggioni per Minesso e schierando la difesa a tre. Nei 4’ di recupero non accade altro, il Modena conquista la dodicesima vittoria consecutiva (record assoluto per la categoria) e si regala un Natale in vetta alla classifica. Subito dopo le feste, l’8 gennaio, sarà derby al “Mapei” di Reggio Emilia, dove i gialloblu sfideranno l’altra capolista, la Reggiana.

TABELLINO

MODENA: (4-3-2-1) Gagno; Ciofani, Pergreffi, Baroni, Azzi; Gerli, Scarsella, Armellino (dal 72’ Di Paola); Minesso (dall’85’ Maggioni), Tremolada (dal 72’ Ponsi); Ogunseye (dal 54’ Mosti). A disp.: Narciso, Leonardi, Renzetti, Ingegneri, Rabiu, Castiglia. All.: Tesser.

GROSSETO: (3-5-2) Barosi; Salvi, Ciolli, Siniega (dal 76’ Gorelli); Raimo, Cretella (dal 69’ Ghisolfi), Vrdoljak, Serena (dal 69’ Arras), Semeraro; De Silvestro (dal 69’ Artioli), Scaffidi (dal 69’ Boccardi). A disp.: Fallani, Moscati, Verduci, Tiberi. All.: Magrini.

Arbitro: sig. Paride Tremolada di Monza.

Assistenti arbitrali: Antonio Severino di Campobasso ed Amir Salama di Ostia Lido.

4^ufficiale: sig. Daniele Virgilio di Trapani.

MARCATORI: 36’ Tremolada (M), 74’ Scarsella (M), 84’ Boccardi rig. (G).

AMMONITI: Pergreffi, Gagno, Ciofani (M); Vrdoljak, Boccardi (G). – ANGOLI: 5-4 per il Grosseto. – RECUPERI: 0’ p.t.; 4’ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Strepitoso Modena, undicesima sinfonia: 1-2 al Pontedera

Undicesima sinfonia in rimonta per il Modena. Al “Mannucci” di Pontedera, i Gialli battono per 1-2 i granata padroni di casa: al vantaggio di Magnaghi, rispondono i gol di Tremolada e Minesso, quest’ultimo su calcio di rigore.

Mister Tesser, come preannunciato alla vigilia, conferma il 4-3-2-1: tra i pali c’è Gagno, con Ponsi, Ciofani, Baroni e Renzetti a comporre il pacchetto arretrato; in mediana, Gerli affianca Armellino e Scarsella, con Minesso e Tremolada dietro ad Azzi. In avvio, subito pericolosi gli ospiti, con la conclusione di Azzi che sfila sul fondo. All’8’, Tremolada prova il jolly da centrocampo, andando vicinissimo al bersaglio grosso. Al quarto d’ora si vede anche il Pontedera, con Caponi che tenta la conclusione dalla distanza, costringendo Gagno alla respinta. Doppia opportunità per i Gialli alla mezz’ora: dapprima è Azzi a provarci dal limite, con Angeletti che si rifugia in corner; sugli sviluppi dell’angolo, Minesso riceve e calcia dalla distanza, impattando la traversa. Minuto 43, ancora ospiti vicini alla rete, con Minesso che approfitta di un controllo difettoso di Angeletti e prova la conclusione, murata dalla difesa, poi arriva Tremolada, che trova ancora la deviazione del portiere granata. Durante il minuto di recupero assegnato, i toscani trovano il vantaggio: angolo dalla sinistra, Magnaghi stacca tutto solo in area e batte Gagno, firmando l’1-0 con cui si va a riposo.

Il Modena trova subito il pari ad inizio secondo tempo. Punizione dalla destra calciata da Tremolada, mancino a giro che non lascia scampo ad Angeletti e termina in rete per l’1-1. I ragazzi di Tesser mettono a segno l’uno-due che indirizza la partita: al 56’ Azzi entra in area e viene steso da Milani, che nell’occasione rimedia il giallo, e guadagna il penalty; dal dischetto va Minesso, che trasforma nonostante la deviazione di Angeletti e fa 1-2. Quattro giri di lancette più tardi, ancora Minesso a provarci con una conclusione dalla distanza, ma Angeletti è bravissimo a togliere la sfera dall’angolino e mettere in corner. Al 63’ doppio cambio per gli ospiti, con Pergreffi e Mosti a rilevare Ponsi e Minesso. Si rivedono i padroni di casa, con Magnaghi che conclude dal limite, sfiorando il palo alla destra di Gagno. Minuto 67, Magnaghi si rende ancora pericoloso deviando di testa in area, ma Gagno vola a prendere la sfera. Nel finale, mister Tesser prova anche le carte Maggioni ed Ogunseye, che rilevano Renzetti e Tremolada. Durante i 4’ di recupero, l’unica occasione è di marca gialloblu, con Mosti che calcia a giro una punizione dal limite, trovando la respinta di Angeletti. Al 94’ arriva il triplice fischio, che per il Modena vuol dire undicesimo successo e tre punti fondamentali; i Gialli restano primi in classifica e salgono a quota 45, apprestandosi all’ultimo impegno del 2021, in casa con il Grosseto mercoledì 22 dicembre.

TABELLINO

PONTEDERA: (3-5-2) Angeletti; Shiba, Espeche, Bakayoko; Perretta (dall’84’ Regoli), Caponi, Barba (dal 65’ Benedetti), Catanese, Milani; Mattioli, Magnaghi. A disp.: Sposito, Nicoli, Parodi, Bardini, Di Meo, Marianelli, D’Antonio, Benericetti, Matteucci. All.: Maraia.

MODENA: (4-3-2-1) Gagno; Ponsi (dal 63’ Pergreffi), Ciofani, Baroni, Renzetti (dall’81’ Maggioni); Gerli, Armellino, Scarsella; Minesso (dal 63’ Mosti), Tremolada (dall’81’ Ogunseye); Azzi. A disp.: Narciso, Leonardi, Ingegneri, Rabiu, Di Paola, Castiglia. All.: Tesser.

Arbitro: sig. Mario Saia di Palermo.

Assistenti arbitrali: Andrea Nasti di Napoli e Francesco Rizzotto di Roma 2.

4^ufficiale: sig.ra Ilaria Bianchini di Terni.

MARCATORI: 46’ p.t. Magnaghi (P), 49’ Tremolada (M), 57’ Minesso rig. (M).

AMMONITI: Catanese, Milani, Bakayoko (P); Ponsi (M). – ANGOLI: 1-1. – RECUPERI: 1’ p.t.; 4’ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Scarsella trascina il Modena: Pistoiese schiantata 6-1

Modena straripante nonostante le assenze. Al “Braglia”, i Gialli superano per 6-1 la Pistoiese, grazie alla tripletta di un ispiratissimo Scarsella (anche un assist per lui), ed alle reti di Minesso, Azzi e Rabiu; per gli ospiti, gol della bandiera siglato da Vano.

Nonostante le assenze, mister Tesser conferma il 4-3-2-1: tra i pali c’è Gagno, in difesa Ciofani, Baroni, Silvestri ed Azzi; in mediana Gerli è affiancato da Armellino e Scarsella, mentre alle spalle dell’unica punta Minesso agiscono Tremolada e Duca. In avvio, subito un contrasto in area ospite che mette k.o. Silvestri e Gennari: ha la peggio il gialloblu, costretto a lasciare il campo in favore di Ponsi. Il Modena non si lascia spaventare dall’inconveniente e al minuto 11 passa: retropassaggio errato di un difensore, Scarsella ruba palla davanti a Crespi ed insacca per l’1-0. I Gialli sembrano incontenibili ed al 23’ trovano anche il raddoppio. Sempre Scarsella a proporsi in attacco, pallone perfetto per Minesso, che dal limite fulmina Crespi e trova l’angolino lontano. Spingono i padroni di casa, che due giri di lancette più tardi vanno vicinissimi al tris, con Armellino e Tremolada che, favoriti da un batti  e ribatti, arrivano a pochi metri dalla linea di porta, poi Gennari allontana il pericolo. Gli uomini di Tesser chiudono la pratica nel giro di due minuti, tra il 32’ ed il 34’. Dapprima è Scarsella a concludere alla grande un bel contropiede, calciando con precisione dal limite e mandando la sfera nell’angolino alla destra di Crespi per il 3-0. Subito dopo, a suggellare il dominio dei padroni di casa è Paulo Azzi, che va via sulla fascia sinistra, entra in area e calcia, trovando una deviazione, con il pallone che finisce alle spalle di Crespi. Si giocano anche 2’ di recupero, durante i quali viene annullato anche un gol al Modena. All’intervallo il risultato è di 4-0.

In avvio di ripresa arriva subito il pokerissimo dei Gialli: sugli sviluppi di un calcio piazzato, mischia in area ospite, con Scarsella che risolve mettendo alle spalle di Crespi e trovando la tripletta personale. Al 64’ si fanno vedere anche gli ospiti, è Martina a provare la conclusione dalla distanza, ma la palla finisce ampiamente a lato. Mister Tesser dà fondo alla panchina, non troppo lunga, di cui dispone: nel giro di 4’ entrano Di Paola, Renzetti, Rabiu e Maggioni, che rilevano rispettivamente Minesso, Gerli, Duca e Ciofani. Al 72’ la Pistoiese, approfittando di un buco difensivo, accorcia le distanze trovando il 5-1 con Vano. Minuto 83, il Modena allarga il gap: punizione da posizione centrale di Armellino, Crespi respinge corto, arriva Rabiu a ribadire in rete per il 6-1 che manda in visibilio il “Braglia”. Nel finale non accade più nulla, al 92’ arriva il triplice fischio: i Gialli conquistano l’ottava vittoria di fila, salendo a quota 36 ed agguantando la Reggiana in vetta alla classifica. Prossimo appuntamento fra una settimana ad Imola, dove gli uomini di Tesser affronteranno l’Imolese.

TABELLINO

MODENA: (4-3-2-1) Gagno; Ciofani (dal 72’ Maggioni), Baroni, Silvestri (dal 3’ Ponsi), Azzi; Gerli (dal 67’ Renzetti), Armellino, Scarsella; Tremolada, Duca (dal 72’ Rabiu); Minesso (dal 67’ Di Paola). A disp.: Narciso, Castiglia, Spaggiari. All.: Tesser.

PISTOIESE: (3-5-2) Crespi; Gennari, Ricci, Sottini; Moretti, Romano (dal 45’ Valiani), Castellano, Santoro (dal 50’ Tempesti), Martini; Pinzauti (dal 45’ Vano), D’Antoni (dal 45’ Stijepovic). A disp.: Toselli, Donini, Sabotic, Minardi, Pertica, Mal, Mezzoni, Ubaldi. All.: Sassarini.

Arbitro: sig. Mattia Caldera di Como.

Assistenti arbitrali: Mauro Dell’Olio di Molfetta e Matteo Paggiola di Legnago.

4^ufficiale: sig. Fabio Rosario Luongo di Napoli.

MARCATORI: 11’, 32’ e 52’ Scarsella (M), 23’ Minesso (M), 34’ Azzi (M), 72’ Vano (P), 83’ Rabiu (M).

AMMONITI: Ponsi (M); Vano, Mal (P). – ANGOLI: 8-2 per il Modena. – RECUPERI: 2’ p.t.; 2’ s.t..

(fonte foto: Modena F.C. 2018 – modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑